Sabato, 28 Marzo 2020
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

URL Sito:

Martedì 10 Agosto 2004 20:27

"Riprendiamo i contatti…"

di Geoffroy de Turcheim

Nel momento in cui i cattolici russi denunciano la sempre più crescente ingerenza dello Stato negli affari interni della loro Chiesa,il patriarca ortodosso russo Alessio II, in occasione del tradizionale messaggio natalizio, in maniera molto esplicita, ha lanciato un invito al papa Giovanni Paolo II, nel quale propone la ripresa del dialogo tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa: "Riprendiamo i nostri contatti fraterni nella gioia del fanciullo divino che nasce". Conoscendo il tono molto moderato usato di solito nei messaggi da Chiesa a Chiesa, ci si sarebbe potuto attendere che questa offerta fosse espressa in termini più diplomatici! Si è avuta l’impressione che la proposta non fosse un passo personale di Alessio II, ma che fosse proprio il Patriarcato di Mosca a manifestare il suo desiderio di riprendere i contatti.

Martedì 10 Agosto 2004 20:25

A che punto è l'ecumenismo?

Tecle Vetrali ofm

Una delle domande più frequenti che vengono rivolte ai cosiddetti "addetti all’ecumenismo" è proprio questa: "A che punto è l’ecumenismo"?

Lunedì 09 Agosto 2004 21:25

Cattolicesimo e Ortodossia

di Olivier Clement(1)

Tutti sanno quanto Giovanni Paolo II abbia a cuore il riavvicinamento tra Cattolicesimo e Ordossia. Grazie al suo straordinario intuito, il papa ha capito che un ecumenismo fondato sulla giustapposizione paritaria di tutte le confessioni cristiane condurrebbe a un vicolo cieco, come quello in cui si trova oggi il Consiglio Ecumenico. Secondo lui l’unità non si potrebbe fare che a partire dall’integrazione delle due grandi Chiese tradizionali, la Chiesa cattolica romana e la Chiesa ortodossa, nate entrambe dalla scissione della Chiesa indivisa del primo millennio. Ambedue, infatti, si situano nella continuità dell’annuncio apostolico, hanno una struttura episcopale e sacramentale ininterrotta. Ambedue nutrono la stessa venerazione per la Madre di Dio e per i santi. Certo, per Roma, il primato petrino è indispensabile per garantire la giusta continuità della Tradizione.  Ma l’Ortodossia, come ha sottolineato il cardinal Ratzinger, ha preservato tale giusta continuità grazie al monachesimo e alla liturgia.I problemi teologici che le separano hanno una portata limitata. I più gravi sono di natura ecclesiologica.

Lunedì 09 Agosto 2004 21:20

La rivoluzione delle beatitudini

di Giuseppe Caffulli

L’ecumenismo in Italia riparte dalle beatitudini. E riscopre il dovere della profezia. È accaduto in un convegno organizzato a Viterbo dalla Commissione episcopale per l'ecumenismo e il dialogo, insieme alla Federazione delle Chiese evangeliche d'Italia e l'arcidiocesi ortodossa d'Italia sul tema delle beatitudini evangeliche, "un messaggio inquietante e sovversivo agli occhi del mondo", come ha avuto modo di osservare mons. Giuseppe Chiaretti, vescovo di Perugia-Città della Pieve e responsabile della Commissione episcopale per l'ecumenismo e il dialogo. Dopo l'esperienza di Perugia, quando nel 1999 le Chiese si trovarono a riflettere e a meditare sul Padre nostro, dal 6 all'8 febbraio i rappresentanti delle Chiese hanno indicato la pratica delle beatitudini evangeliche come via maestra per vivere oggi la dimensione ecumenica. Ai lavori di Viterbo era presente padre Traian Valdman, teologo ortodosso della Chiesa rumena, da anni impegnato nel dialogo tra le confessioni cristiane. Interpellato da Mondo e Missione, Padre Valdman spiega il senso dell’evento "per la Chiesa di Dio che è in Italia".

Lunedì 09 Agosto 2004 21:17

La Rus' e l'ecumenismo ferito

di Enzo Bianchi

Nel dialogo ecumenico che la Chiesa cattolica cerca di costantemente di rinnovare, soprattutto dai giorni del beato Giovanni XXIII, vi è un indubbio primato di attenzione e di interesse per le Chiese dell'ortodossia. Sono infatti Chiese che hanno conservato intatta la fede apostolica espressa nei sette concili ecumenici e che si nutrono e vivono ancora della teologia e della spiritualità dei grandi padri della Chiesa indivisa. Quando si riprende una felice espressione di Giovanni Paolo II e si ripete che la Chiesa deve "respirare con i due polmoni d'Oriente e d'occidente", si attesta la necessità della presenza delle Chiese ortodosse per una comunione ecclesiale veramente "cattolica".

di Giuseppe Caffulli

L'inverno delle relazioni ecumeniche tra Chiesa ortodossa russa e Chiesa cattolica non accenna a dissolversi. E rischia di mettere in ombra anche il cammino positivo che sin qui le Chiese hanno compiuto sia a livello istituzionale negli organismi ecumenici sia a livello di collaborazione concreta (basti pensare, ad esempio, al sostegno offerto dall'"Aiuto alla Chiesa che soffre" per il sostentamento e la formazione dei sacerdoti ortodossi: 26 milioni di euro nel decennio 1992-2001).

Lunedì 09 Agosto 2004 21:10

Ospitalità ben equilibrata

di Geoffroy de Turckeim

Secondo Monsignor Kasper, è la stessa nozione di " ospitalità eucaristica" che, riflettendoci sopra, potrebbe non essere così ovvia e potrebbe quindi essere rimessa in questione.

Lunedì 09 Agosto 2004 21:06

Il Primate dei paradossi

di Isabelle Francq

Ritratto di Rowan Williams il nuovo arcivescovo di Canterbury

Il 104° arcivescovo di Canterbury, gallese, è il primo arcivescovo anglicano che non appartenga alla Chiesa d’Inghilterra. Sposato con due figli, a 52 anni, è uno dei più giovani primati anglicani. Sportivo amante del rugby, della birra, dei cartoni animati, di carattere gioviale e ricco di humor, è un uomo di brillante intelligenza e grande cultura. Poliglotta (parla sette lingue), poeta, filosofo e teologo, è stato il più giovane professore di teologia nominato a Oxford e in seguito, uno dei più autorevoli personaggi di Cambridge.

Lunedì 09 Agosto 2004 21:02

"Ora vi precede in Galilea…"

di Vladimir Zelinskij

Sant'Ireneo, come san Giovanni Crisostomo, diceva che la Chiesa ringiovanisce sempre: ogni epoca dell'era cristiana può provare in se stessa la verità di queste parole. Questa giovinezza che si rinnova "come aquila" (Sal. 103, 5) è la fioritura dell'inesauribile mistero di Cristo, di cui la nostra fede scopre sempre il volto nuovo. Ogni scoperta non ne cancella un'altra, anzi, la rivela ancora nella luce del Regno.

Lunedì 09 Agosto 2004 20:58

I Santi dell'antica e della nuova Russia

di Vladimir Zelinskij

"Siate perfetti com’è perfetto il vostro Padre celeste" afferma Cristo nel Vangelo secondo Matteo.

Si può dire che questo precetto incorpora in sé tutto il paradosso del cristianesimo. Infatti adempierlo è impensabile, ma rifiutarsi di adempierlo significa praticamente separarsi dal nostro Padre celeste. Questo paradosso non si può risolvere sul piano razionale e teorico: lo si risolve vitalmente con la santità. E quale sia la santità richiesta all’uomo, Cristo la espone nello stesso capitolo quinto del Vangelo di Matteo, che si conclude con l’invito alla perfezione. Essere perfetto significa essere "beato", "beato" nel senso evangelico. "Beati i poveri nello spirito, perché il loro è il Regno dei cieli"; "Beati quelli che piangono…", "Beati i miti", "Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia…", "Beati i misericordiosi…", "Beati i puri di cuore…", "Beati gli operatori di pace…", "Beati i perseguitati per la giustizia, perché di loro è il Regno dei cieli".

Pagina 270 di 284

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news

per contattarci: 

info@dimensionesperanza.it