Lunedì,24Aprile2017
Domenica 18 Dicembre 2016 18:08

In Uganda, una nuova sinagoga per un gruppo isolato di ebrei (Lauren Markoe)

Valuta questo articolo
(2 voti)
In Uganda, una nuova sinagoga per un gruppo isolato di ebrei (Lauren Markoe)

Gli Abayudaya sono degli africani dell'Uganda che all'inizio del XX secolo si sono convertiti all'ebraismo. Gruppo in crescita, hanno inaugurato una nuova sinagoga nel mese di settembre.

Sono diversi da qualsiasi altro gruppo di ebrei di tutto il mondo e sono in crescita, in quello che può sembrare il più improbabile dei luoghi: un remoto gruppo di villaggi dell’Uganda orientale.

In un paese in cui gli ebrei rappresentano meno di un centesimo dell’1 per cento della popolazione, e dove il giudaismo è stato vietato nel 1970 dal dittatore Idi Amin (ammiratore di Hitler), gli Abayudaya venerdì 16 settembre 2016 hanno inaugurato una nuova, grande sinagoga.

La «Sinagoga Stern» prende il nome da due filantropi del sud della California: Ralph Stern, che è nato in Sud Africa e sua moglie, Sue. L'edificio, che hanno finanziato, servirà a circa 2.000 ebrei Abayudaya, essendo cresciuti – dal momento che erano circa 300 ai tempi della persecuzione di Amin. I suoi 2.130 metri quadrati, includono un santuario principale, una sala ausiliaria di preghiera e un mikvah (bagno rituale ebraico).

Gli Abayudaya un tempo erano una comunità molto più grande (circa 8.000), ha affermato Diane Tobin, la direttrice di Be'chol Lashon, un'organizzazione non-profit di San Francisco, il cui nome in ebraico significa "in tutte le lingue" e che sostiene per gli ebrei di colore in tutto il mondo.

Tobin è venuta a conoscenza degli Abayudaya (che significa "figli di Giuda" in luganda, la lingua del gruppo) nel 2002, mentre era alla ricerca di comunità remote.

Il leader degli Abayudaya - Rabbi Gershom Sizomu - era ansioso di mettersi in contatto e ha chiesto aiuto per la lotta contro la malaria tra la sua gente. Be'chol Lashon ha inviato zanzariere, ha costruito un ambulatorio medico e ha finanziato lo scavo di pozzi d'acqua pulita. Ha inoltre finanziato gli studi rabbinici di Sizomu per cinque anni presso la Scuola Ziegler dell'Università ebraica americana di Los Angeles.

«È una delle persone più interessanti e coraggiose che abbia incontrato», ha detto Tobin del rabbino ugandese.

Sizomu ha incoraggiato i suoi seguaci a combattere sia il pregiudizio sia la povertà in una regione che è in gran parte musulmana, in un paese che è in gran parte cristiano. E nel mese di febbraio è stato l'unico Ebreo che ha vinto un seggio nel Parlamento dell'Uganda.

«Noi non chiediamo molto», ha dichiarato Sizomu a Newsweek questa primavera. «L’influenza politica è un bene per la nostra sopravvivenza. Posso usare questa posizione per sostenere la mia gente».

Anche a nome del suo popolo, Sizomu ha fatto appello alla Jewish Agency for Israel, un'organizzazione che aiuta a portare gli immigrati nello Stato ebraico. L'Agenzia ha, quest’anno, formalmente riconosciuto gli Abayudaya come ebrei, cosa che consentirà di accrescere il loro profilo tra gli ebrei di tutto il mondo e permetterà ad Israele di accettarli come immigrati in virtù della Legge del Ritorno, che offre a qualsiasi Ebreo un rifugio in Israele.

Ma Tobin ha affermato che si aspetta che la maggior parte dei Abayudaya rimanga nella loro terra d'origine, in Uganda.

Essi sono insoliti tra gli afro-ebrei non essendo di origine né europei - come la maggior parte della popolazione ebraica del Sud Africa - né appartenenti alle "tribù perdute" di Israele - come si considerano la maggior parte degli ebrei etiopi (falasciah).

Gli Abayudaya, invece, si sono convertiti abbastanza di recente. I missionari britannici hanno convertito i loro antenati al cristianesimo nel tardo XIX secolo. All'inizio del XX secolo il loro capo ha annunciato di aver accettato la Torah (i cinque libri di Mosè), ma non l'insegnamento cristiano.

«Sono la più recente comunità ebraica», ha detto Tobin.

Lauren Markoe

(tratto da NRS - Religion News Service, September 15, 2016 http://religionnews.com/2016/09/15/in-uganda-a-new-synagogue-for-a-remote-group-of-jews/. Traduzione dall'inglese di Fausto Ferrari)

 

Ultima modifica Lunedì 19 Dicembre 2016 19:54
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito