Giovedì, 17 Agosto 2017
Sabato 15 Gennaio 2005 12:22

Inno akatistos di ringraziamento (Protoierej Grigorij Petrov) - Parte 1 di 2

Valuta questo articolo
(5 voti)

«Bisognerà imparate di nuovo a respirare pienamente con due polmoni, quello occidentale e quello orientale ». (Giovanni Paolo II)

Protoierej Grigorij Petrov:

Inno akatistos di ringraziamento

Sia lode a Dio per tutto

L'akatistos è una forma di preghiera popolare dei cristiani bizantini; è un inno di lode entrato nell'uso liturgico e abitualmente officiato nelle chiese. Il primo akatistos conosciuto fu scritto nell'VIII secolo ed è una lode alla Vergine Maria, ma almeno altri 30 akatistoi su vari temi sono d'uso corrente nelle chiese in Russia.
L'inno akatistos è composto da 12 odi, ciascuna delle quali è suddivisa in 2 parti: la prima conclusa da un «Alleluia», mentre la seconda, più lunga, termina con una litania. L'akatistos può essere cantato o salmodiato da un sacerdote mentre il coro ripete l'Alleluia e l'invocazione finale delle litanie. Quest'ultima invocazione costituisce il ritornello dell'inno. Pur essendo generalmente un canto di lode, l'akatistos può terminare, come in questo che presentiamo, con una supplica.

Il presente inno di ringraziamento è stato scritto prima di morire nel lager da Grigorij Petrov.
Il titolo, «Sia lode a Dio per tutto», è la nota frase pronunciata da Giovanni Crisostomo morente di stenti sulla via dell'esilio. A secoli di distanza un altro «testimone» della fede cristiana prima della morte esprime il proprio sentimento di ringraziamento a Dio per tutto, «per ogni sospiro della mia tristezza» come «per ogni istante di gioia». Sono degne di nota in questo inno la sensibilità poetica e la profondità dell'ispirazione.

Ode 1

Incorruttibile Re dei secoli,

con la potenza del Tuo disegno di salvezza

reggi nella destra tutte le strade della vita umana.

Ti ringraziamo per tutti i Tuoi benefici

manifesti e nascosti,

per la vita terrena e per le gioie celesti del Regno futuro.

Accorda, anche in futuro, la Tua misericordia

a noi che cantiamo:

Gloria a Te, Dio, nei secoli.

Ikos

Sono nato bimbo debole e indifeso

ma il Tuo angelo ha disteso le ali sulla mia culla,

le sue ali di luce per proteggermi.

Da allora il Tuo amore illumina il mio cammino,

mi guida mirabile verso la luce dell'eternità.

Dalla mia nascita fino ad oggi

I doni munifici della Tua provvidenza mi sono gloriosamente manifesti.

Ti ringrazio con tutti quelli che hanno imparato a conoscerti e Ti invoco:

Gloria a Te che mi hai chiamato alla vita,

Gloria a Te che mi hai fatto conoscere la bellezza dell'universo,

Gloria a Te che hai aperto cielo e terra davanti a me come un libro di sapienza eterna

Gloria alla Tua eternità in questo mondo che passa

Gloria a Te per la Tua misericordia manifesta o nascosta,

Gloria a Te per ogni sospiro della mia tristezza

Gloria a Te per ogni passo della vita, per ogni istante di gioia,

Gloria a Te, o Dio, nei secoli.


 

Ode 2

Signore, come è bello essere Tuo ospite:

brezza odorosa;

montagne protese verso il cielo;

acque come specchi senza limite

che riflettono l'oro dei raggi e la leggerezza delle nubi.

Tutta la natura mormora misteriosa, colma di tenerezza;

uccelli e bestie della foresta portano il segno del Tuo amore.

Sia benedetta la nostra madre terra e la sua bellezza effimera,

che risveglia la nostalgia della letizia eterna,

là dove nella bellezza incorruttibile risuona: Alleluia!

Ikos

Mi hai introdotto in questa vita

come in un paradiso incantato.

Abbiamo visto il cielo come un calice di blu intenso

dove nell'azzurro cantano gli uccelli.

Abbiamo ascoltato il mormorio pacificante del bosco

e la musica melodiosa delle acque.

Abbiamo gustato frutti saporiti e profumati e il miele odoroso.

Si vive bene con Te sulla terra;

è una gioia essere Tuo ospite.

Gloria a Te per la festa della vita;

Gloria a Te per il profumo dei mughetti e delle rose;

Gloria a Te per la gustosa varietà delle bacche e dei frutti;

Gloria a Te per lo scintillio argenteo della rugiada mattutina;

Gloria a Te per il sorriso di un risveglio luminoso;

Gloria a Te per la vita sempre nuova che annuncia la vita del cielo.

Gloria a Te, o Dio, nei secoli.


 

Ode 3

È lo Spirito Santo che ci fa gustare ogni fiore,

il profumo soave che emana,

la delicatezza del colore,

la bellezza dell'Altissimo nel piccolo.

Gloria e onore a Dio datore di vita:

distende i prati come un tappeto di fiori,

corona i campi con l'oro delle spighe e l'azzurro dei fiordalisi

e dona all'anima la gioia di contemplare.

Rallegratevi e cantate a Lui: Alleluia!

Ikos

Come sei splendido nel tempo della primavera,

quando ogni creatura risorge

e in mille tonalità gioiosamente Ti invoca:

Tu sei la fonte della vita, il vincitore della morte.

Al chiarore della luna e al canto dell'usignolo

si stendono valli e monti

nei loro abiti nuziali bianchi come la neve:

tutta la terra è Tua promessa sposa,

attende lo sposo incorruttibile.

Se vesti così l'erba del campo

come trasfigurerai noi nel secolo avvenire dopo la resurrezione!

Come splenderanno i nostri corpi, come brilleranno le nostre anime!

Gloria a Te che fai emergere dall'oscurità della terra la varietà dei colori, dei sapori e dei profumi;

Gloria a Te per la cordialità e tenerezza di tutta la natura;

Gloria a Te per le mille creature che stanno attorno a noi;

Gloria a Te per la profondità del Tuo intelletto di cui il mondo intero porta l'impronta;

Gloria a Te: bacio devotamente le tracce del Tuo passaggio invisibile;

Gloria a Te che hai acceso davanti a noi la chiara luce della vita eterna;

Gloria a Te per la speranza della bellezza sublime e incorruttibile dell'immortalità;

Gloria a Te, o Dio, nei secoli.



 

Ode 4

Come riempi di dolcezza coloro che pensano a Te,

come è vivificante la Tua santa parola.

Parlare con Te è più gradevole dell'unguento,

più dolce dei favi di miele.

Pregarti eleva lo spirito e rincuora l'anima.

Il cuore è percorso da un fremito,

la natura e la vita si mostrano maestose e sagge.

Dove non sei regna il vuoto.

Quando sei presente l'anima è nell'abbondanza,

il suo canto risuona come un torrente di vita: Alleluia!

Ikos

Quando tramonta il sole,

quando regna la pace del sonno eterno

e il silenzio del giorno che si spegne,

vedo la Tua dimora negli splendidi palazzi di raggi filtrati fra le nubi.

Fuoco e porpora, oro e azzurro

parlano profeticamente dell'ineffabile bellezza della Tua dimora

e ci chiamano maestosamente:

andiamo verso il Padre.

Gloria a Te nell'ora silenziosa della sera;

Gloria a Te che hai riversato sul mondo una grande pace;

Gloria a Te per l'ultimo raggio del sole al suo tramonto;

Gloria a Te per il riposo del sonno benefico;

Gloria a Te per la Tua bontà nelle tenebre, quando tutto il mondo è lontano;

Gloria a Te per le preghiere commosse dell'animo trepidante;

Gloria a Te per la promessa del risveglio nella gloria dell'ultimo giorno senza sera;

Gloria a Te, o Dio, nei secoli.

Ode 5

Non fanno paura le tempeste della vita

se nel cuore splende la lampada del Tuo fuoco.

Intorno uragano e tenebre

terrore e l'ululato del vento,

ma nel cuore luce, pace e silenzio

nella presenza di Cristo.

E il cuore canta: Alleluia!

Ikos

Vedo il Tuo cielo splendente di stelle.

Come sei ricco, sfolgorante di luce!

L'eternità mi guarda

con i raggi degli astri lontani.

Io sono piccolo e misero

ma il Signore mi è accanto,

la Sua destra amorevole mi custodisce dovunque.

Gloria a Te che vigili su di me senza tregua;

Gloria a Te per gli incontri che mi disponi con gli uomini;

Gloria a Te per l'affetto dei genitori, per la fedeltà degli amici;

Gloria a Te per la mitezza degli animali che mi servono;

Gloria a Te per gli istanti luminosi della vita;

Gloria a Te per la limpida gioia del cuore;

Gloria a Te per la gioia di vivere, di muovermi e di contemplarti;

Gloria a Te, o Dio, nei secoli.


Ode 6

Come sei grande e vicino nel moto possente della tempesta,

come si manifesta la potenza della Tua destra nell'arco accecante della folgore,

com'è meravigliosa la Tua grandezza.

La voce del Signore si stende sui campi,

parla nello stormire dei boschi.

La voce del Signore è nel tuono e nella pioggia,

la voce del Signore su tutte le acque.

Lode a Te nel fragore delle montagne incendiate.

Tu scuoti la terra come un vestito,

Tu innalzi fino al cielo le onde del mare.

Lode a Te che umili l'orgoglio dell'uomo

e fai prorompere da lui il grido di penitenza: Alleluia!

Ikos

Ultima modifica Domenica 06 Marzo 2005 16:29

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito