Mercoledì, 23 Agosto 2017
Venerdì 01 Aprile 2016 14:40

Anno C – II Domenica di Pasqua

Valuta questo articolo
(0 voti)

3 Aprile 2016

di Don Paolo Scquizzato,

Prima lettura: At 5,12-16

12Molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli. Tutti erano soliti stare insieme nel portico di Salomone; 13nessuno degli altri osava associarsi a loro, ma il popolo li esaltava. 14Sempre più, però, venivano aggiunti credenti al Signore, una moltitudine di uomini e di donne, 15tanto che portavano gli ammalati persino nelle piazze, ponendoli su lettucci e barelle, perché, quando Pietro passava, almeno la sua ombra coprisse qualcuno di loro. 16Anche la folla delle città vicine a Gerusalemme accorreva, portando malati e persone tormentate da spiriti impuri, e tutti venivano guariti.

 

Salmo: 117

Rit.:  Rendete grazie al Signore perché è buono,

perché il suo amore è per sempre.  Alleluia, alleluia.

2 Dica Israele:

»Il suo amore è per sempre».

3 Dica la casa di Aronne:

»Il suo amore è per sempre».

4 Dicano quelli che temono il Signore:

»Il suo amore è per sempre». Rit.


22 La pietra scartata dai costruttori

è divenuta la pietra d'angolo.

23 Questo è stato fatto dal Signore:

una meraviglia ai nostri occhi.

24 Questo è il giorno che ha fatto il Signore:

rallegriamoci in esso ed esultiamo!

la destra del Signore ha fatto prodezze, Rit.


25 Ti preghiamo, Signore: dona la salvezza!

Ti preghiamo, Signore: dona la vittoria!

26 Benedetto colui che viene nel nome del Signore.

Vi benediciamo dalla casa del Signore.

27 Il Signore è Dio, egli ci illumina. Rit.


Seconda lettura: Ap 1,9-11a.12-13.17-19

9Io, Giovanni, vostro fratello e compagno nella tribolazione, nel regno e nella perseveranza in Gesù, mi trovavo nell'isola chiamata Patmos a causa della parola di Dio e della testimonianza di Gesù. 10Fui preso dallo Spirito nel giorno del Signore e udii dietro di me una voce potente, come di tromba, che diceva: 11«Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle sette Chiese.

12Mi voltai per vedere la voce che parlava con me, e appena voltato vidi sette candelabri d'oro 13e, in mezzo ai candelabri, uno simile a un Figlio d'uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto al petto con una fascia d'oro.

17Appena lo vidi, caddi ai suoi piedi come morto. Ma egli, posando su di me la sua destra, disse: «Non temere! Io sono il Primo e l'Ultimo, 18e il Vivente. Ero morto, ma ora vivo per sempre e ho le chiavi della morte e degli inferi. 19Scrivi dunque le cose che hai visto, quelle presenti e quelle che devono accadere in seguito.

 

Canto del Vangelo: Gv 20,29

Alleluia, alleluia!

29Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».

Alleluia!


Vangelo: Gv 20,19-31

«19La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». 22Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. 23A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

24Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. 25Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». 26Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». 27Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». 28Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!».29Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».30Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. 31Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome». (Gv 20, 19-31)

 

OMELIA

La sera del giorno di Pasqua, Gesù, vincitore della morte, entra in un luogo sprangato per la paura (v. 19).  L'Amore infrangendo e vincendo tutte le paure (cfr. 1Gv 4, 18), raggiunge quelle persone che Lui stesso ha scelto, delle quali uno lo ha tradito, l'altro rinnegato e gli altri sono fuggiti abbandonandolo. Proprio a questo materiale umano, non di primissimo ordine – infatti «non si vergogna di chiamarli fratelli» (cfr. Eb 2, 11) –, ancora una volta si fa loro incontro, li raggiunge nella loro debolezza, nella loro incredibile fragilità, nella loro incredulità e paura.

Il testo dice: stette nel mezzo...(v. 19). Egli entra e sta "nel mezzo", "al centro", nel senso di 'dentro' la parte più buia di ciascuno di noi. L'amore risorto, ossia quello più forte della morte, non è più solo il Dio con noi, ma il Dio 'in noi'. E dentro di noi, vi apporta la pace. Al centro delle mie paure, delle mie debolezze, delle mie depressioni, delle mie disperazioni, egli entra 'a porte chiuse' e vi arreca quella pace da sempre desiderata e mai sperimentata.

«E detto questo, insufflò e disse loro: Accogliete lo Spirito Santo» (v. 22). Gesù insufflò. Questo verbo, tradotto nel nostro brano con soffiò, è un termine rarissimo nella Bibbia. Nel Nuovo Testamento ricorre solo qui, nell'Antico ricorre due volte: quando Dio insufflò in Adamo, fatto dall'argilla, dalla terra, la vita (Gn 2, 7) e quando lo Spirito, in Ezechiele 37, soffia dentro le ossa aride per farle rivivere.

Dopo che Gesù ha detto: «Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi» (v. 21), ovvero «amatevi come io vi ho amato», ora dà il suo Spirito: e questo perché possiamo amare così.

L'"amatevi" di Gesù (essenza del Vangelo), non è un ordine! Non vi era bisogno di un altro comandamento, l'Antico Testamento ne è zeppo. Egli mi dà il suo Spirito, la vita del Figlio che è l'amore del Padre. L'amatevi di Gesù è l'invito a vivere secondo la nostra vera natura, solo nell'amore possiamo compierci, essere veramente noi stessi. Figli, che vivono come vive il Padre, ovvero l'Amore. E per vivere in questo modo ci viene fatto dono di ciò che necessita, ovvero della vita stessa del Padre. Per cui, Dio non ci dà un comando da eseguire, ma piuttosto una modalità di essere, da cui può scaturire il fare. E la cosa più grande che possiamo fare, l'essenza del nostro essere uomini, è perdonare (v. 23).

Noi possediamo ora il medesimo potere di Dio, ossia quello di perdonare! Infatti, l'unico potere che Dio conosce è donare, perché è amore; e quando questo amore è rinnegato e rifiutato, allora si rivela come assoluto e incondizionato e diventa iper-dono, perdono appunto. Ed è il perdono che ci riscatta da tutte le tenebre che pure tutti abbiamo; ed è nel perdono che ogni miseria diventa luogo di amore più profondo; ed è nel perdono che ogni relazione è rinsaldata e dove il male stesso diventa rivelazione di un amore più grande del male. Questo è il potere di perdonare.

Siamo chiamati a testimoniare il perdono che è un miracolo più grosso che risuscitare i morti, perché i morti muoiono ancora mentre se perdono l'altro, io nasco come figlio di Dio, divento come Dio che ama senza misura.

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

Ultima modifica Venerdì 01 Aprile 2016 14:53
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini