Giovedì, 14 Dicembre 2017
Giovedì 14 Aprile 2016 16:02

Anno C – IV Domenica di Pasqua

Valuta questo articolo
(0 voti)

- 17 Aprile 2016

di Don Paolo Scquizzato,

Prima lettura: At 13,14.43-52

14Essi invece, proseguendo da Perge, arrivarono ad Antiòchia in Pisìdia e, entrati nella sinagoga nel giorno di sabato, sedettero.

43Sciolta l'assemblea, molti Giudei e prosèliti credenti in Dio seguirono Paolo e Bàrnaba ed essi, intrattenendosi con loro, cercavano di persuaderli a perseverare nella grazia di Dio.

Noi ci rivolgiamo ai pagani 44Il sabato seguente quasi tutta la città si radunò per ascoltare la parola del Signore. 45Quando videro quella moltitudine, i Giudei furono ricolmi di gelosia e con parole ingiuriose contrastavano le affermazioni di Paolo. 46Allora Paolo e Bàrnaba con franchezza dichiararono: «Era necessario che fosse proclamata prima di tutto a voi la parola di Dio, ma poiché la respingete e non vi giudicate degni della vita eterna, ecco: noi ci rivolgiamo ai pagani. 47Così infatti ci ha ordinato il Signore:

Io ti ho posto per essere luce delle genti, perché tu porti la salvezza sino all'estremità della terra».

48Nell'udire ciò, i pagani si rallegravano e glorificavano la parola del Signore, e tutti quelli che erano destinati alla vita eterna credettero. 49La parola del Signore si diffondeva per tutta la regione. 50Ma i Giudei sobillarono le pie donne della nobiltà e i notabili della città e suscitarono una persecuzione contro Paolo e Bàrnaba e li cacciarono dal loro territorio. 51Allora essi, scossa contro di loro la polvere dei piedi, andarono a Icònio. 52I discepoli erano pieni di gioia e di Spirito Santo.

 

Salmo: 99

Rit.: Noi siamo il Tuo popolo, gregge che egli guida.


2 Acclamate il Signore, voi tutti della terra,

servite il Signore nella gioia,

presentatevi a lui con esultanza. Rit.

 

3 Riconoscete che solo il Signore è Dio:

egli ci ha fatti e noi siamo suoi,

suo popolo e gregge del suo pascolo. Rit.


5 perché buono è il Signore,

il suo amore è per sempre,

la sua fedeltà di generazione in generazione. Rit.



Seconda lettura: Ap 7,9.14b-17

Io, Giovanni, vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua. Tutti stavano in piedi davanti al trono e davanti all'Agnello, avvolti in vesti candide, e tenevano rami di palma nelle loro mani. E lui: «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione e che hanno lavato le loro vesti, rendendole candide nel sangue dell'Agnello. 15Per questo stanno davanti al trono di Dio e gli prestano servizio giorno e notte nel suo tempio; e Colui che siede sul trono stenderà la sua tenda sopra di loro.

16Non avranno più fame né avranno più sete, non li colpirà il sole né arsura alcuna, 17perché l'Agnello, che sta in mezzo al trono, sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita. E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi».

 

Canto del Vangelo:

Alleluia, alleluia!

Io sono il buon pastore, dice il Signore,

conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me.

Alleluia!


Vangelo: Gv 10,27-30

«27Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. 28Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. 29Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. 30Io e il Padre siamo una cosa sola». (Gv 10, 27-30)

OMELIA

«Tuffarci in fondo all'abisso, sia Inferno o Cielo, che importa?

per trovare qualcosa di nuovo nel grembo dell'Ignoto» (C. Baudelaire, Il viaggio).

Trovare e vivere qualcosa di nuovo: pare essere questo l'imperativo dell'uomo di oggi.

Occorre fare sempre più nuove esperienze, avere l'ultima novità tecnologica, vivere una nuova relazione, sino alla necessità di avere nuove parti del corpo.

Novità come promessa di felicità; e per sentirsi nuovi, s'è disposti anche a tuffarsi all'inferno o nel Cielo: che importa?

La novità è sempre intesa come cambiamento radicale. Un voltare pagina, frantumare, sradicare, dissodare, eliminare ciò che è, perché qualcosa di nuovo possa rinascere.

Il Vangelo non insiste mai sulla necessità del cambiamento. La felicità è il prodotto dell'amore, e l'amore trasforma ciò che è, non lo cambia, non lo baratta.

L'ideologia del nuovo impone di cambiare ciò che si ha come si cambia un canale televisivo, mentre la «Felicità è amare ciò che si ha», diceva Agostino. E amare ciò che si ha significa 'insistere' su ciò che possiedo ora e su ciò che sono ora. Per questo, secondo Jacques Lacan, la parola più alta dell'amore è 'ancora'.

Se il cambiamento impone di passare da un oggetto all'altro, per poi sperimentare a sera che è già troppo vecchio, l'amore reclama lo sforzo titanico dell'approfondire, di scendere in profondità, di dire 'oggi guardo ancora il tuo volto, e anche se è sempre lo stesso, non mi stanco perché è profondo come l'infinito'.

Stiamo morendo di superficialità. Ci si stanca presto di tutto, confondendo vita con vitalità. Ci accontentiamo della spuma del mare, quando lo splendore è racchiuso negli abissi.

Gesù ha amato in questo senso. Non ha cambiato nulla ma trasformato tutto, cominciando con l'acqua in vino alle nozze di Cana, per finire con la morte. Non ha sostituito la morte, l'ha attraversata, l'ha vissuta trasformandola così in vita.

Dio utilizza, ama, 'sta con' il materiale umano che ha dinanzi, non pretende che cambi per poterlo amare, ma amandolo lo trasforma. E lo fa rivivere.

Le sue pecore, per le quali ha dato la vita, sono quelle di sempre: testarde, fragili, paurose, infatti lo tradiranno, lo rinnegheranno e l'abbandoneranno. Ma lui insiste, sta ancora con loro, non abbandona, non cerca qualcosa di nuovo, ma le farà nuove con un amore che è stato capace di dire: "anche se questo amore mi chiede di morire, ti amo ancora, perché so che è l'unico modo perché la vita possa affermarsi". Per questo può dire: «Io do loro la vita eterna, e non andranno perdute in eterno» (v. 28).

Ecco cosa fa l'amore, rende eterno ciò che viene amato. L'amore sottrae dal potere della morte, dal disfacimento, dalla dimenticanza l'amato. Coloro che amiamo non li perderemo mai.

Gesù sta con i suoi, e ci starà anche quando questi non staranno più con lui. Ci starà anche quando la sua amicizia verrà tradita. E qui Gesù ci insegna una cosa grande, che l'avere fede non è tanto credere in Dio, quanto avere il coraggio di credere che Dio si fida di me.

L'amore è cosa strana, in quanto strano è il suo modo di comportarsi: più lo si vive, ovvero più lo si dona, più esso si moltiplica, più vita scaturisce, si diffonde in colui che ama, nell'amato e intorno agli amanti.

«Più ti do più ho», dice Giulietta a Romeo nell'opera di Shakespeare.

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

Ultima modifica Mercoledì 08 Giugno 2016 17:26
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini