Mercoledì, 16 Agosto 2017
Venerdì 13 Maggio 2016 19:46

Solennità della Pentecoste – 15 Maggio 2016

Valuta questo articolo
(0 voti)

di Don Paolo Scquizzato,

Prima lettura: At 2,1-11

1 Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. 2Venne all'improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. 3Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, 4e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi.

5Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. 6A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. 7Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? 8E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? 9Siamo Parti, Medi, Elamiti, abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell'Asia, 10della Frìgia e della Panfìlia, dell'Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, 11Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio».

 

Salmo: 103

Rit.: Manda il tuo Spirito, Signore,

a rinnovare la terra.

Alleluia, Alleluia, Alleluia.

1 Benedici il Signore, anima mia!

Sei tanto grande, Signore, mio Dio!

24 Quante sono le tue opere, Signore!

Le hai fatte tutte con saggezza;

la terra è piena delle tue creature. Rit.


Togli loro il respiro: muoiono,

e ritornano nella loro polvere.

30 Mandi il tuo spirito, sono creati,

e rinnovi la faccia della terra. Rit.


31 Sia per sempre la gloria del Signore;

gioisca il Signore delle sue opere.

34 A lui sia gradito il mio canto,

io gioirò nel Signore. Rit.


Seconda lettura: Rm 8,8-17

8Quelli che si lasciano dominare dalla carne non possono piacere a Dio.

9Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene. 10Ora, se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto per il peccato, ma lo Spirito è vita per la giustizia. 11E se lo Spirito di Dio, che ha risuscitato Gesù dai morti, abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi.

12Così dunque, fratelli, noi siamo debitori non verso la carne, per vivere secondo i desideri carnali, 13perché, se vivete secondo la carne, morirete. Se, invece, mediante lo Spirito fate morire le opere del corpo, vivrete. 14Infatti tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, questi sono figli di Dio. 15E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito che rende figli adottivi, per mezzo del quale gridiamo: «Abbà! Padre!». 16Lo Spirito stesso, insieme al nostro spirito, attesta che siamo figli di Dio. 17E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se davvero prendiamo parte alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria.

 

Canto del Vangelo:

Alleluia, alleluia!

Vieni, Santo Spirito, riempi i cuori dei tuoi fedeli e

accendi in essi il fuoco del tuo amore.

Alleluia!


Vangelo: Gv 14,15-16. 23b.26

«15Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; 16e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre. Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. 24Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. 25Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. 26Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto». (Gv 14, 15-16.23b-26)

 

OMELIA

Nella prima lettura di oggi leggiamo: «tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi» (At 2, 4).

L'uomo che entra in contatto con lo Spirito – la vita di Dio in sé – parla finalmente "altre lingue", ossia non quella imposta da una cultura dominante, espressione ultima di un pensiero unico. Parla in ultima analisi la "sua lingua", è in grado cioè di esprimere all'esterno la "sua verità profonda", il suo vero essere, l'uomo e la donna che è veramente.

Detto in altre parole, lo Spirito presente in ciascuno, manifesta la verità della persona attraverso il dettame della propria coscienza.

«Fare appello allo Spirito Santo vuol dire fare appello alla libertà della coscienza perché la punta alta della coscienza è la punta alta su cui batte il raggio dello Spirito. Per questo lo zelo delle istituzioni è nel coprire tutte le punte perché non appena la coscienza si illumina si scompagina un ordine esistente e il futuro irrompe. Ecco perché le istituzioni sacre hanno perseguitato i profeti; esse li hanno temuti, a cominciare da Gesù» (Ernesto Balducci).

E qui nascono molte perplessità.

Ogni istituzione, religiosa o civile che sia, ha sempre avuto paura dell'azione dello Spirito e quindi dell'agire secondo coscienza delle persone. La storia ci insegna che si è spesso preferito persone 'mute', a persone mosse dalla novità dello Spirito e quindi che parlassero e agissero 'secondo coscienza'. Si è preferito zittire le voci che non rientravano nella 'lingua di stato', quelle non allineate al dettame dei codici, delle regole, del 'è bene così' e 's'è sempre fatto così'.

Ogni sistema di potere prediligerà sempre che i suoi sudditi parlino tutti la stessa lingua, perché questo significa che la pensano tutti allo stesso modo, come il 'capo', nella speranza infine che tutti agiscano alla stessa maniera.

Ogni potere preferirà sempre uomini schiavi e muti, piuttosto che liberi e in grado di esprimersi, perché non creeranno mai problemi all'ordine costituito.

Lo Spirito di Dio invece – che soffia dove vuole lui e non dove si vuole che soffi – fa parlare ciascuno la sua propria lingua, reclama che ciascuno possa esprimersi secondo la sua coscienza, la sua verità, ultima attestazione della propria umanità. Gesù nel Vangelo guarisce molte persone mute, ossia persone da sempre zittite, perché non allineate e obbedienti all'establishment di turno: i genitori, il potere religioso, la cultura dominante ecc.  Egli quando parlava con le persone deve aver posseduto quella meravigliosa capacità di donar loro la fiducia di avere qualcosa da dire, quella capacità di invitarli a esprimersi in tutto ciò che mai nessuno aveva voluto ascoltare. Con Gesù le persone devono aver sperimentato un vero miracolo: "posso dire quello che ritengo giusto, e poi viverlo, perché so che questo mi farà vivere".

Lo Spirito dovrebbe portare a creare unità, ad unificare tutto ciò che è disgregato, frantumato, individualista. Dentro e fuori di noi. Ma esiste una grande tentazione intorno a questa parola: unità. Fare unità, non vuol dire entrare nella squadra vincente, più forte delle altre, e perciò neanche credere di appartenere e professare una verità superiore alle altre.

L'unità è possibile solo nell'accettazione e rispetto di tutte le diversità, mentre spesso pensiamo che per vivere in unità, occorra necessariamente calpestare la verità dell'altro e piantare la propria bandiera nella carne dei vinti.

Lo Spirito di verità che lavora per creare l'unità di un'umanità in pienezza, realizzata, compiuta attraversa genti diverse, religioni diverse, la razionalità laica finanche le formulazioni dell'ateismo. Perciò questo Spirito di verità parla e parlerà ovunque e sempre attraverso molte lingue diverse.

Il nostro compito non sarà perciò far sì che le varie lingue degli uomini accettino il primato della mia, ma fare in modo che tutte si volgano verso un orizzonte che sta dinanzi, ad un futuro di compimento che è la costruzione di un mondo diverso, di un'umanità che finalmente viva unita una logica della pace, della misericordia e della condivisione.

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

Ultima modifica Mercoledì 08 Giugno 2016 17:24
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini