Mercoledì, 18 Ottobre 2017
Venerdì 10 Marzo 2017 09:06

– II Domenica di QUARESIMA – 12 Marzo 2017

Valuta questo articolo
(0 voti)

Anno A

Omelia di Paolo Scquizzato

 

Prima lettura: Gen 12,1-4a


1 Il Signore disse ad Abram:

«Vattene dalla tua terra,

dalla tua parentela

e dalla casa di tuo padre,

verso la terra che io ti indicherò.

2Farò di te una grande nazione

e ti benedirò,

renderò grande il tuo nome

e possa tu essere una benedizione.

3Benedirò coloro che ti benediranno

e coloro che ti malediranno maledirò,

e in te si diranno benedette

tutte le famiglie della terra».

4Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore, e con lui partì Lot.

 

 

Salmo: 32

Rit.: Dio solo è rifugio e salvezza

Alleluia, Alleluia, Alleluia.

 

Retta è la parola del Signore

e fedele ogni sua opera.

5 Egli ama la giustizia e il diritto;

dell'amore del Signore è piena la terra. Rit.


18 Ecco, l'occhio del Signore è su chi lo teme,

su chi spera nel suo amore,

19 per liberarlo dalla morte

e nutrirlo in tempo di fame. Rit.


20 L'anima nostra attende il Signore:

egli è nostro aiuto e nostro scudo.

22 Su di noi sia il tuo amore, Signore,

come da te noi speriamo. Rit.



Seconda lettura: 2Tm 1,8b-10


8Non vergognarti di dare testimonianza al Signore nostro, né di me, che sono in carcere per lui; ma, con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo. 9Egli infatti ci ha salvati e ci ha chiamati con una vocazione santa, non già in base alle nostre opere, ma secondo il suo progetto e la sua grazia. Questa ci è stata data in Cristo Gesù fin dall'eternità, 10ma è stata rivelata ora, con la manifestazione del salvatore nostro Cristo Gesù. Egli ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita e l'incorruttibilità per mezzo del Vangelo.

 

 

Canto del Vangelo:Mc 9,7

Alleluia, alleluia!

7Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!».

Alleluia!



Vangelo: Mt 17,1-9

1Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. 2E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. 3Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 4Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: 1Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. 2E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. 3Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 4Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». 5Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». 6All'udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. 7Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». 8Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.

9Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti». Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». 5Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». 6All'udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. 7Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». 8Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.

9Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti».

 

 

OMELIA

Gesù sale su di un 'alto monte' e si trasfigura dinanzi a tre dei suoi discepoli.

Stando al testo originale, bisognerebbe tradurre: 'Gesù fu metamorfizzato'.

A metà del Vangelo, Gesù mostra ai suoi dove può condurre un cammino eminentemente umano: alla metamorfosi di sé. Non si tratta di cambiamento, né tanto meno di miglioramento, bensì di trasformazione, attraverso la nostra maturazione umana, il lento cammino verso il compimento del sé. Ciò che viene alla luce con la nostra nascita non è ancora nulla infatti. È tutta 'potenzialità', possibilità in divenire.

«Non moriamo, – dice Paolo – saremo trasformati» (1Cor 5, 51).

Già nel colloquio notturno con Nicodemo (Gv 3, 3), Gesù espresse la necessità di 'rinascere dall'alto', in quanto l'uomo non nasce uomo ma lo diviene 'rinascendo' una seconda volta all'umanità, essendo nato una prima volta alla vita. Sebbene alcun uomo abbia potuto decidere di venire alla vita, non è possibile vivere da uomini senza decidere di esserlo.

Sì, occorre decidere di 'ri-nascere'. E occorre farlo ogni istante; si tratta di una decisione irrinunciabile e improcrastinabile. Pena, rimanere come semplice ghianda, benché all'interno sia inscritta la quercia che avremmo potuto diventare.

"Mia madre mi ha messo al mondo una volta, certo. Ma io mi sono partorita di nuovo un milione di volte" (Sarah Levine).

Gesù è l'uomo che attraverso la modalità dell'amore, ha potuto costatare in sé questa metamorfosi, questa trasformazione dell'essere che lo condurrà alla fine sulla croce – espressione massima e definitiva dell'amore – e quindi ad essere il Cristo.

Egli per via d'umanizzazione ha portato alle estreme conseguenze il suo essere uomo, tanto da vivere una qualità di vita talmente alta e significativa da vincere anche la morte.

E questo cammino di pienezza, di compimento, di metamorfosi spetta ora a ciascuno di noi. Siamo bruchi che hanno la possibilità di spiccare il volo come farfalle, solo se ne diveniamo consapevoli e viviamo umanizzandoci per via di umanità, 'amorizzando' il mondo.

Non è data 'trasfigurazione' per chi vive nella distrazione di sé. Un testo della tradizione induista recita: «L'immortalità è assenza di distrazione».

Se intraprendiamo questa via della consapevolezza di ciò che possiamo essere e viviamo radicati nell'amore, lentamente, senza accorgercene, divenute persone umane complete – trasfigurate – ci ritroveremo a vincere anche l'ultimo ostacolo che ci si parerà dinanzi, la morte. L'oltrepasseremo, immersi in una luce destinata a non tramontare più.

 

 

CAMMINO DELLA SETTIMANA

Due spunti su cui meditare, a Voi cercarne altri:

  • «Signore, è bello per noi essere qui!

  • Siamo bruchi che hanno la possibilità di spiccare il volo come farfalle, solo se ne diveniamo consapevoli e viviamo umanizzandoci per via di umanità, 'amorizzando' il mondo.

Buon cammino!



Se hai bisogno di una scheda per guidare la "Liturgia della Parola" sulle letture di questa domenica la troverai in:

"Una guida sintetica per condurre la Liturgia della Parola"

 

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

 

 

Ultima modifica Venerdì 10 Marzo 2017 09:49
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini