Mercoledì, 22 Novembre 2017
Venerdì 03 Novembre 2017 23:54

XXXI Domenica del Tempo Ordinario In evidenza

Valuta questo articolo
(0 voti)

– Domenica 5 Novembre 2017 –

Anno A

- don Paolo Squizzato


Prima lettura: Ml 1,14 -2,2.8-10

Io sono un re grande – dice il Signore degli eserciti – e il mio nome è terribile fra le nazioni.

Ora a voi questo monito, o sacerdoti. Se non mi ascolterete e non vi darete premura di dare gloria al mio nome, dice il Signore degli eserciti, manderò su voi la maledizione.

Voi invece avete deviato dalla retta via

e siete stati d'inciampo a molti

con il vostro insegnamento;

avete distrutto l'alleanza di Levi,

dice il Signore degli eserciti.

Perciò anche io vi ho reso spregevoli

e abietti davanti a tutto il popolo,

perché non avete seguito le mie vie

e avete usato parzialità nel vostro insegnamento.

Non abbiamo forse tutti noi un solo padre? Forse non ci ha creati un unico Dio? Perché dunque agire con perfidia l'uno contro l'altro, profanando l'alleanza dei nostri padri?

Parola di Dio



Salmo: 130

Rit. Custodiscimi, Signore, nella pace.

Signore, non si esalta il mio cuore

né i miei occhi guardano in alto;

non vado cercando cose grandi

né meraviglie più alte di me Rit.


Io invece resto quieto e sereno:

come un bimbo svezzato in braccio a sua madre,

come un bimbo svezzato è in me l'anima mia. Rit.


Israele attenda il Signore,

da ora e per sempre. Rit.


Alleluia, Alleluia, Alleluia.



Seconda lettura: 1 Ts 2,7-9.13

Fratelli, siamo stati amorevoli in mezzo a voi, come una madre che ha cura dei propri figli. Così, affezionati a voi, avremmo desiderato trasmettervi non solo il vangelo di Dio, ma la nostra stessa vita, perché ci siete diventati cari.

Voi ricordate infatti, fratelli, il nostro duro lavoro e la nostra fatica: lavorando notte e giorno per non essere di peso ad alcuno di voi, vi abbiamo annunciato il vangelo di Dio.

Proprio per questo anche noi rendiamo continuamente grazie a Dio perché, ricevendo la parola di Dio che noi vi abbiamo fatto udire, l'avete accolta non come parola di uomini ma, qual è veramente, come parola di Dio, che opera in voi credenti.

Parola di Dio



Canto al Vangelo (Mt 23,9.10)


Alleluia, alleluia.

Uno solo è il Padre vostro, quello celeste

e uno solo è la vostra Guida, il Cristo.

Alleluia



Vangelo: Mt 23,1-12


In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:

«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.

Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d'onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati "rabbì" dalla gente.

Ma voi non fatevi chiamare "rabbì", perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate "padre" nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare "guide", perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.

Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

Parola del Signore



OMELIA


Il brano del Vangelo di oggi è un'invettiva molto dura di Gesù contro il potere religioso del suo tempo. E di ogni tempo.

La 'religione' ha sempre rischiato di trasformarsi in strumento di potere e di asservimento delle persone, educate ad obbedire più che a pensare, per semplice fatto che ciò che viene comandato loro è semplicemente spacciato come 'volontà divina'. Ora, chi oserebbe dissentire ad un dettame proveniente niente meno che dall'altro mondo?

Eppure Gesù ha smascherato che spesso ciò che viene prescritto dalla religione è solo 'volontà umana': «Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini» (Mc 7, 7). Chi detiene il potere spaccia insomma i propri pensieri, i propri interessi e i propri deliri per 'diritto divino', schiacciando di fatto le persone con precetti, comandamenti e norme morali pesantissime da reggere (v. 4), riguardanti un po' tutti gli ambiti dell'umano, ma in particolare quelli dell'affettività e della sessualità. Ma loro, questi pesi non vogliono muoverli neppure con un dito.

Gli uomini 'religiosi' di ieri e di oggi amano sentirsi chiamare 'rabbì' dalla gente, che tradotto significa 'Mio Signore', che non è altro che l'attuale 'monsignore'. Ma Gesù dice no. Non esiste altro Signore che quello della vita, di fronte cui tutti gli uomini sono uguali, perché tutti figli ugualmente amati.

E non si chiami nessuno 'padre' sulla terra. E noi abbiamo inventato addirittura il titolo di 'santo Padre', riferendolo ad un uomo che spesso nella storia si è sentito autorizzato – ovviamente ancora una volta dall'alto – a dispensare paura e morte, quando non c'è che un solo Padre che non può che dispensare vita, amore e perdono.

Ma soprattutto – incalza Gesù – nessuno si faccia guida di nessuno! C'è solo una guida, Gesù, l'unico maestro che col suo Vangelo ci ha indicato la via da seguire, quella del bene verso tutti, della compassione per ogni creatura e del perdono come atto di risurrezione.

Eppure pare che ancora in certi ambienti, non ci si possa muovere se non si riceve l'autorizzazione dell'alto, se non si ha il placet dell'autorità religiosa, di una 'guida' che ti dica cosa credere, come credere, cosa fare, cosa evitare e come amare.

E questo potere della religione di 'guidare le coscienze', non conferitole da nessuno, continua ad essere esercitato ancora oggi, ammantando 'grandezza' e potere l'autorità stessa, ma Gesù dice con chiarezza che l'unica grandezza nelle cose che riguardano Dio e le sue creature, è solo il servizio: è grande solo chi serve, chi si prende cura liberamente di chi gli sta accanto ed è in stato di bisogno. Agendo così, anche all'interno di un'istituzione – come la Chiesa – chi sta in alto dovrebbe essere di fatto potente servitore degli ultimi, configurandosi sempre più a quel Dio che è 'onnipotente' solo perché amore infinito.

 

 

CAMMINO DELLA SETTIMANA


Due spunti su cui meditare, a Voi cercarne altri:

• ...... uno solo è la vostra Guida, il Cristo.

  • è grande solo chi serve, chi si prende cura liberamente di chi gli sta accanto

Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo;

Buon cammino!


Se hai bisogno di una scheda per guidare la "Liturgia della Parola" sulle letture di questa domenica la troverai qui:

"Una guida sintetica per condurre la Liturgia della Parola"


Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"


 

Ultima modifica Sabato 04 Novembre 2017 00:22
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini