Mercoledì, 22 Novembre 2017
Giovedì 26 Ottobre 2017 18:13

XXX Domenica del Tempo Ordinario In evidenza

Valuta questo articolo
(0 voti)

– Domenica 29 Ottobre 2017 –

Anno A

- don Paolo Squizzato

Prima lettura: Es 22,20-26


 Così dice il Signore:

«Non molesterai il forestiero né lo opprimerai, perché voi siete stati forestieri in terra d'Egitto.

Non maltratterai la vedova o l'orfano. Se tu lo maltratti, quando invocherà da me l'aiuto, io darò ascolto al suo grido, la mia ira si accenderà e vi farò morire di spada: le vostre mogli saranno vedove e i vostri figli orfani.

Se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, all'indigente che sta con te, non ti comporterai con lui da usuraio: voi non dovete imporgli alcun interesse.

Se prendi in pegno il mantello del tuo prossimo, glielo renderai prima del tramonto del sole, perché è la sua sola coperta, è il mantello per la sua pelle; come potrebbe coprirsi dormendo? Altrimenti, quando griderà verso di me, io l'ascolterò, perché io sono pietoso».

Parola di Dio



Salmo: 17


Rit. Ti amo, Signore, mia forza.


Ti amo, Signore, mia forza,

Signore, mia roccia,

mia fortezza, mio liberatore. Rit.


Mio Dio, mia rupe, in cui mi rifugio;

mio scudo, mia potente salvezza e mio baluardo.

Invoco il Signore, degno di lode,

e sarò salvato dai miei nemici. Rit.


Viva il Signore e benedetta la mia roccia,

sia esaltato il Dio della mia salvezza.

Egli concede al suo re grandi vittorie,

si mostra fedele al suo consacrato. Rit.


Alleluia, Alleluia, Alleluia.



Seconda lettura: 1 Ts 1,5-10


Fratelli, ben sapete come ci siamo comportati in mezzo a voi per il vostro bene.

E voi avete seguito il nostro esempio e quello del Signore, avendo accolto la Parola in mezzo a grandi prove, con la gioia dello Spirito Santo, così da diventare modello per tutti i credenti della Macedònia e dell'Acàia.

Infatti per mezzo vostro la parola del Signore risuona non soltanto in Macedonia e in Acaia, ma la vostra fede in Dio si è diffusa dappertutto, tanto che non abbiamo bisogno di parlarne.

Sono essi infatti a raccontare come noi siamo venuti in mezzo a voi e come vi siete convertiti dagli idoli a Dio, per servire il Dio vivo e vero e attendere dai cieli il suo Figlio, che egli ha risuscitato dai morti, Gesù, il quale ci libera dall'ira che viene.

Parola di Dio



Canto al Vangelo (Gv 14,23)


Alleluia, alleluia.

Se uno mi ama, osserverà la mia parola, dice il Signore,

e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui.

 

Alleluia



Vangelo: 22,34-40


In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».

Gli rispose: «"Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente". Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: "Amerai il tuo prossimo come te stesso". Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Parola del Signore



OMELIA

«Allora i farisei, avendo udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme 35e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: 36"Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?". 37Gli rispose: "Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. 38Questo è il grande e primo comandamento. 39Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso. 40Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti"». (Mt 22, 34-40)

Il dottore della Legge lo interroga dicendo: Qual è il grande comandamento? Non è una domanda banale, perché nella selva di comandamenti da osservare, ben 613, per un pio ebreo individuare quale fosse il 'grande' comandamento non era cosa da poco.

Gesù risponde con Dt 6, 5, la preghiera dello Shemà, che riassume "il comandamento" che da sempre ha segnato, come un sigillo, il popolo d'Israele: "Amare Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutta la mente", questo è 'il grande' comandamento, aggiungendo che è anche 'il primo' tra tutti i 613 precetti (v. 38).

Gesù si affretta a dire che in realtà ne esiste un secondo: «Amerai il tuo prossimo come te stesso», ma che è simile al primo (v. 39). Nel senso che questo non aggiunge nulla al primo, ma lo specifica: 'Si ama Dio con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutta la mente, amando chi si fa a me prossimo'.

Si affretta a specificarlo, perché non ci s'illuda che basti un cuore 'infiammato' per Dio per essere dei suoi. 'Con tutto il cuore', non significa che Dio occupa tutto il cuore per cui non vi è più possibilità di amare altro. Se Dio ti 'riempie' il cuore è per rendertelo capace di andare 'oltre' Dio, e 'oltre' te stesso, ossia verso l'altro. Nel proprio rapporto con Dio o c'è un terzo da raggiungere o diventa tutto un pretesto. O il rapporto con Dio attira il fratello in questo circolo d'amore, o è semplice sentimentalismo romantico.

«Il "salutismo spirituale", che si preoccupa solo della salvezza della propria anima, indica una pericolosa deformazione. Non si può stare soli dinanzi a Dio. Ci si salva tutti insieme, collegialmente, come diceva Solov'ëv: sarà salvato chi salva gli altri. Doroteo di Gaza ci dà una bella e chiara immagine della salvezza: il centro del cerchio è Dio e tutti gli uomini sono sulla circonferenza; dirigendosi verso Dio ognuno segue un raggio del cerchio e più si è vicini al centro, più i raggi si avvicinano tra loro. La distanza più breve tra Dio e l'uomo passa per il prossimo». (Pavel Evdokimov)

È questa la grande novità del cristianesimo, apportataci con il mistero dell'incarnazione: il volto di Dio si è fatto volto dell'uomo.

Ma è necessario che il primo rimanga primo, non nel senso cronologico, ma fondativo. L'essere nell'amore di Dio, essere 'inzuppati' in Lui ci permetterà di relazionarci con tutto in maniera vera; la relazione/amore verso l'altro (il prossimo) e verso se stessi (amarlo come se stesso...) sarà possibile solo in quell'amore più grande. Se si toglie Dio, l'unico cui spetta l'amore con tutto il cuore, ci si asservirà al dominio degli altri e di se stessi. Amare Dio 'sopra ogni cosa', vuol dire impedire che ogni cosa divenga Dio.

 

 

CAMMINO DELLA SETTIMANA


Due spunti su cui meditare, a Voi cercarne altri:

  • «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?»

  • Se Dio ti 'riempie' il cuore è per rendertelo capace di andare 'oltre' Dio, e 'oltre' te stesso, ossia verso l'altro.

 

Buon cammino!



Se hai bisogno di una scheda per guidare la "Liturgia della Parola" sulle letture di questa domenica la troverai qui:

"Una guida sintetica per condurre la Liturgia della Parola"

 

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

Ultima modifica Sabato 04 Novembre 2017 00:25
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini