Martedì, 22 Agosto 2017
Domenica 01 Gennaio 2006 22:28

I segni di salvezza ed i sacramenti

Valuta questo articolo
(3 voti)

 

Gesti spettacolari? Ritualismo?

Incontro con la salvezza dono di Dio?

 

Nel Vangelo

Gesù è il segno definitivo di salvezza
Gv 1, 14.16.17; 17, 2-3

Nell’umanità storica di Gesù si rivela, per il credente, l’unigenito

Gv 5, 19-23. 24-30

Nel Figlio dell’uomo, se entra nella stessa dimensione di accoglienza e di fedeltà, trova la via della vita

Gv 6, 32-35. 37-40

Gesù è il pane che comunica la vita piena

Gv 8, 31-36

Solo il Figlio, rivelazione del Padre, fa entrare l’uomo nello “stato di figlio”. Unica condizione è la fede.

Gv 10, 1-6. 7-10

Gesù è la vera, unica porta verso la salvezza.

Gv 10, 11-18. 27-30

Gesù il pastore autentico che comunica la vita.

Gv 11, 17-27

Gesù è la resurrezione e la vita per chi lo accoglie con fede piena.

Dalle attese umane alla salvezza dono di Dio

Gv 1, 35-51

La chiamata dei primi discepoli.

Gv 2, 1-11

Il segno di Cana.

L’atteso è giunto ed inaugura la nuova creazione.

Gv 6, 1-13. 14-15. 26-29

Il segno del pane.

Dio non è un bene di consumo religioso.

Gv 7, 1-8

No ad un messianismo spettacolare e prodigioso.

Gv 7, 37-39

Gesù risponde alle attese giudaiche di liberazione e di salvezza.

Gv 11, 1-16. 40-42

Resurrezione di Lazzaro, segno della resurrezione di Gesù.

Vivere una fede che faccia superare paura, dolore, morte.

Gv 13, 1-11

La lavanda dei piedi. Tutta la vita di Gesù è sotto il segno di un amore fedele ed immutabile.

Fonte di salvezza per chi lo accoglie.

Dal segno al sacramento

Con i “segni” Gesù risponde alle attese umane di salvezza.

Gv 6, 48-58. 62-63

Dal pane, segno del tempo messianico al pane di vita che è l’esistenza di Gesù.

Gv 9, 1-12. 35-41

Dalla luce degli occhi alla luce della fede.


Nella vita

Gesù, segno di salvezza.

L’esperienza di fede cristiana non è la scelta dello spirituale opposto al materiale, del futuro rispetto al passato, della fede opposta ai riti ma alla scelta di Gesù Cristo come alternativa ad ogni altro sistema salvifico.

In che senso Gesù è la via, è la porta della salvezza, è la resurrezione e la vita?

Quale e per chi la libertà cristiana?

La metodologia del Vangelo

come si pone Gesù di fronte alle attese del suo tempo?

Il metodo di Gesù consiste nel promuovere ed educare quanto già esiste o nel proporre il nuovo ed il diverso?

Ruolo della Parola e della fede nell’esperienza salvifica sacramentale.

La crisi attuale di alcuni segni dipende dalla opacità culturale del segno o del fatto che ha perso significato per una comunità non educata alla fede.

Quale è il ruolo della Parola rispetto al segno sacramentale? Far maturare la fede?

Cosa è la fede matura?

Ultima modifica Domenica 24 Gennaio 2010 15:31
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini