Lunedì, 23 Ottobre 2017
Domenica 19 Giugno 2005 11:51

Salmo 30

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Lamentazione individuale

con note di fiducia e di riconoscenza

Salmo messianico

 Leggi attentamente il salmo

2 In te, Signore, mi sono rifugiato,

mai sarò deluso;

per la tua giustizia salvami.

  3 Porgi a me l’orecchio,

vieni presto a liberarmi.

Sii per me la rupe che mi accoglie,

la cinta di riparo che mi salva.

 

4 Tu sei la mia roccia e il mio baluardo,

per il tuo nome dirigi i miei passi.

 

5 Scioglimi dal laccio che mi hanno teso,

perché sei tu la mia difesa.

 

6 Mi affido alle tue mani;

tu mi riscatti, Signore, Dio fedele.

 

7 Tu detesti chi serve idoli falsi,

ma io ho fede nel Signore.

 

8 Esulterò di gioia per la tua grazia,

perché hai guardato alla mia miseria,

hai conosciuto le mie angosce;

 

9 non mi hai consegnato nelle mani del nemico,

hai guidato al largo i miei passi.

 

10 Abbi pietà di me, Signore, sono nell’affanno;

per il pianto si struggono i miei occhi,

la mia anima e le mie viscere.

 

11 Si consuma nel dolore la mia vita,

i miei anni passano nel gemito;

inaridisce per la pena il mio vigore,

si dissolvono tutte le mie ossa.

 

12 Sono l’obbrobrio dei miei nemici,

il disgusto dei miei vicini,

l’orrore dei miei conoscenti;

chi mi vede per strada mi sfugge.

 

13 Sono caduto in oblio come un morto,

sono divenuto un rifiuto.

 

14 Se odo la calunnia di molti, il terrore mi circonda;

quando insieme contro di me congiurano,

tramano di togliermi la vita.

 

15 Ma io confido in te, Signore;

dico: “Tu sei il mio Dio,

 

16 nelle tue mani sono i miei giorni”.

Liberami dalla mano dei miei nemici,

dalla stretta dei miei persecutori:

 

17 fà splendere il tuo volto sul tuo servo,

salvami per la tua misericordia.

 

18 Signore, ch’io non resti confuso, perché ti ho invocato;

siano confusi gli empi, tacciano negli inferi.

 

19 Fà tacere le labbra di menzogna,

che dicono insolenze contro il giusto

con orgoglio e disprezzo.

 

20 Quanto è grande la tua bontà, Signore!

La riservi per coloro che ti temono,

ne ricolmi chi in te si rifugia

davanti agli occhi di tutti.

 

21 Tu li nascondi al riparo del tuo volto,

lontano dagli intrighi degli uomini;

li metti al sicuro nella tua tenda,

lontano dalla rissa delle lingue.

 

22 Benedetto il Signore,

che ha fatto per me meraviglie di grazia

in una fortezza inaccessibile.

 

23 Io dicevo nel mio sgomento:

“Sono escluso dalla tua presenza”.

Tu invece hai ascoltato la voce della mia preghiera

quando a te gridavo aiuto.

 

24 Amate il Signore, voi tutti suoi santi;

il Signore protegge i suoi fedeli

e ripaga oltre misura l’orgoglioso.

 

25 Siate forti, riprendete coraggio,

oh voi tutti che sperate nel Signore.

 

Le righe seguenti ti aiuteranno a comprendere meglio questo salmo:

 

Gesù ha usato questo salmo sulla croce.

 

Le certezze del “povero” del Signore sono le certezze del Figlio di Dio che conosce il Padre ed il suo amore infinito.

Le angustie che egli descrive ci parlano del Getzemani e del Calvario, che riecheggiano attraverso il cuore dolorante della Chiesa in cammino. La gratitudine erompente è quella del Risorto che si rivolge ad ognuno di noi: riprendete coraggio!!

 

Rileggete attentamente il salmo, seguendo le indicazioni della pagina fissa.

 

La frase del Nuovo Testamento cui fare riferimento è:

 

Gesù, gridando a gran voce, disse: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito” Lc 23, 46.

 

Quando avrai terminato la tua preghiera personale potrai terminare con la seguente colletta salmica:

 

O Dio, che accogliesti nelle tue mani il gemito del Cristo agonizzante, guarda misericordioso alle angustie della tua Chiesa, ascolta il lamento dei tuoi fedeli, stretti dalla prova, che confidano in te solo.

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: I Salmi

Ultima modifica Mercoledì 26 Febbraio 2014 21:07