Giovedì, 19 Ottobre 2017
Giovedì 27 Ottobre 2011 21:49

Salmo 110

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Salmo profetico sul Messia,

re e sacerdote con formula imprecatoria.

 

Renderò grazie al Signore con tutto il cuore,

nel consesso dei giusti e nell'assemblea.

2Grandi le opere del Signore,

le contemplino coloro che le amano.

 3Le sue opere sono splendore di bellezza,

la sua giustizia dura per sempre.

4Ha lasciato un ricordo dei suoi prodigi:

pietà e tenerezza è il Signore.

5Egli dà il cibo a chi lo teme,

si ricorda sempre della sua alleanza.

6 Mostrò al suo popolo la potenza delle sue opere,

gli diede l'eredità delle genti.

7Le opere delle sue mani sono verità e giustizia,

stabili sono tutti i suoi comandi,

8immutabili nei secoli, per sempre,

eseguiti con fedeltà e rettitudine.

9Mandò a liberare il suo popolo,

stabilì la sua alleanza per sempre.

10Santo e terribile il suo nome.

Principio della saggezza è il timore del Signore,

saggio è colui che gli è fedele;

la lode del Signore è senza fine.

 

Le righe seguenti ti aiuteranno a comprendere meglio il salmo.

La fioritura gioiosa di un inno di lode e di ringraziamento è abbinata alla struttura tipica dei salmi sapienziali e alfabetici, in un succedersi litanico di sentenze. Ad espressioni note, comuni ad altre composizioni analoghe celebrative delle opere del Signore. la "contemplazione di coloro che amano suggerisce qualche nuovo accordo e qualche accentuazione particolare che assicurano al salmo la fragranza della originalità. Il "nuovo" é dato: da tre sole note, grazie anche alla sensibilità di chi ha tradotto: " pietà e tenerezza è il Signore". Ne esce un accordo perfetto, che non può essere facilmente dimenticato. L'accento, invece, è posto sul "sempre" e sulla "stabilità" di Dio: della sua giustizia, della sua alleanza, della sua legge. La conclusione è insieme sapienziale e laudativa: "saggio è colui che gli e fedele; la lode del Signore è senza fine". L'espressione "egli dà il cibo a chi lo teme" conferisce al salmo un richiamo eucaristico.

Rileggi attentamente il salmo, comprendine bene il tema.

Riferisciti alla iniziale pagina fissa

Riferimento al N.T.

Grandi cose ha fatto in me il Potente e Santo e il suo Nome di generazione in generazione la sua miseri ordia si stende su quelli che lo temono .... Ha ricolmato di beni gli affamati ... Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia. Lc 1, 40.50. 53.54.

Termina ora con la colletta salmica:

Preghiamo

Signore Iddio, che rivesti di pietà e tenerezza la tua giustizia immutabile nei secoli, donaci la saggezza che nasce dal tuo timore, e canteremo senza fine la tua lode nell'assemblea dei fedeli.

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA:  I Salmi



Ultima modifica Venerdì 03 Gennaio 2014 17:58
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini

Altro in questa categoria: « Salmo 109 Salmo 111 »