Martedì, 22 Agosto 2017
Lunedì 26 Novembre 2012 17:01

Salmo 124

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Cantico delle ascensioni.

Salmo di fiducia

1 Chi confida nel Signore è come il monte Sion:

non vacilla, è stabile per sempre.

2 I monti circondano Gerusalemme:

il Signore circonda il suo popolo,

da ora e per sempre.

3 Non resterà lo scettro dei malvagi

sull'eredità dei giusti,

perché i giusti non tendano le mani

a compiere il male.

4 Sii buono, Signore, con i buoni

e con i retti di cuore.

5 Ma quelli che deviano per sentieri tortuosi

il Signore li associ ai malfattori.

Pace su Israele!

Leggendo le righe seguenti potrai comprendere meglio il salmo, fallo tuo, pregalo meglio.

Avanzando, con i passi del cuore, nella sua ascensione verso Gerusalemme, il salmista non riesce a staccare gli occhi dai monti che la circondano, nella ricerca di Colui che vi abita. E dalla contemplazione delle opere di Dio scaturiscono voci sempre nuove che parlano di lui. II monte Sion è lì stabile per sempre la fiducia in Dio dà all'uomo la stabilità della roccia! "I monti cingono Gerusalemme il Signore è intorno al suo popolo". Sono intuizioni semplici, spontanee, voci interiori dello Spirito, percettibili solo da chi sa stare in silenzio davanti a Dio, in ascolto. Ne sgorga una preghiera piana, serena, che se non arriva ancora alle dimensioni evangeliche della carità verso i "malvagi" si dilata comunque verso gli altri verso "i buoni e i retti di cuore", sotto il calore della bontà del Signore, e desidera e invoca, per tutto Israele, la pace di Dio.

Ora rileggi il salmo attentamente e lentamente e verifica che ne hai compreso il tema.

Quindi riferisciti alla seguente frase del Nuovo Testamento.

E io dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa, e se le porte degli inferi non prevarranno contro di essa ... Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo.

Quindi termina con la seguente colletta salmica:

Preghiamo

La tua bontà, Signore, sorregga la tua Chiesa che in te solo confida: sostieni la nostra fragilità, perché non vacilli il nostro passo nella stabilità del tuo amore.

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA:  "I Salmi"


Ultima modifica Venerdì 03 Gennaio 2014 18:25
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini

Altro in questa categoria: « Salmo 123 Salmo 125 »