Martedì, 17 Ottobre 2017
Mercoledì 29 Aprile 2015 20:12

“Qual goccia d'acqua”

Valuta questo articolo
(0 voti)

Presenza misteriosa del mio Dio

che quasi sole dietro nube ascoso,

nel più profondo dell'esser mio

in segreto dimori ed amoroso!

Non già Tu in me, ma io in Te serrata,

qual goccia d'acqua in sconfinato mare,

dal flusso di quell'onda trasportata,

che da Te uscita, deve a Te tornare.

"Nel moto circular" di quella vita,

di quella misteriosa vita Tua,

sebbene in fede, l'alma vien rapita

e vive, sì, ma non più vita sua!

Quel verbo che da Te é generato,

Quello ch'è, o Padre, il Figlio tuo diletto,

ad essa, nel tuo Amore, vien donato,

in fede pura e senza alcun concetto.

Presenza del mio Dio, si amorosa!

Te possedendo, già più nulla bramo;

 

ché la Tua luce ottenebra ogni cosa;

e nel Tuo verbo, col Tuo Amor ci amiamo!


di suor Maria Serafina

del cuore eucaristico di Gesù

– Carmelitana scalza

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo Tema: "Poesia"

 

 

Ultima modifica Martedì 30 Novembre 1999 01:00
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini