Martedì, 11 Dicembre 2018
Sabato 15 Settembre 2018 15:27

Meditazione Esicasta: quarant'anni di cammino

Valuta questo articolo
(0 voti)

giorgio de stefanis

Questa forma di preghiera/meditazione aveva una grande importanza nel cammino umano e spirituale del nostro Padre Franco Gioannetti e quindi propose, negli anni 70 al nostro Gruppo Famiglie, di fare due incontri, di due giorni, presso l’Abazia di Novalesa a Susa (To) con il monaco benedettino Mons. Pio Tamburrino, il quale aveva, negli anni precedenti, partecipato alla sua riapertura, ed oggi è l’Arcivescovo Metropolita di Foggia e Bovino.

(vedi Meditazione Esicasta in questo sito)

  • Con questo incontro inizia il mio cammino personale con la Meditazione Esicasta che prevede, ad occhi chiusi, la ripetizione mentale, ritmata da un lento respiro, della frase:

  • Signore Gesù, figlio di Dio, (durante l’inspirazione)

  • abbi pietà di me peccatore (durante l’espirazione)”.

Il momento della giornata da me dedicato a questo cammino è stato il tragitto fatto in treno, tutti i giorni, per recarmi al lavoro. Dopo tre mesi ho cominciato a cogliere i primi frutti del mio impegno volto alla concentrazione necessaria per poter meditare su questa frase.

Dopo un’anno erano sufficienti 3 -4 respiri per estraniarmi da quanto mi circondava e potevo dedicarmi alla meditazione.

  • Passano gli anni, la respirazione è più lenta, e con essa rallenta anche la ripetizione mentale della “frase” che diventa più breve:

  • Signore Gesù (durante l’inspirazione)

  • abbi pietà di me (durante l’espirazione)”.

Ma l’oggetto della meditazione si arricchisce, ora sento anche il bisogno di meditare ogni settimana il Vangelo della domenica e/o anche di spunti evangelici emersi in occasione di incontri con altri fratelli in cammino e riguardanti aspetti aspetti umani e/o spirituali della vita.

 

  • Ora, dopo 40 anni, la respirazione è ancora più lenta e sento il bisogno di cercare l’essenziale. Così la “frase” è diventata:

  • O Dio (durante l’inspirazione)
  • pietà di me (durante l’espirazione)”.

Rispetto al periodo precedente si sono aggiunte due esperienze che sento come un dono:

  • partecipare all’eucarestia come ad una meditazione: gli occhi chiusi (ma non nei momenti “sacrali e comunitari”) mi permettono di estraniarmi dai rumori ed da altri eventi che potrebbero distogliere l’attenzione dai contenuti della SS. Messa.

  • Sentir nascere in me una preghiera personale, ed essenziale, in cui primeggia la parola “DIO”, e ad essa seguono delle frasi che discendono da momenti di preghiera individuale e/o comunitaria.

    La Meditazione di una vita,

    è diventa Preghiera:

    Lode e Gloria a te, o Dio,

    che ci ami ancor più

    di una Madre, di un Padre, di un Fratello.

    Lode e Gloria a te, o Dio,

    che ci guidi e sostieni

    con la tua Parola.

    Lode e Gloria a te, o Dio,

    che ci testimoni

    una vita di amore verso di Te e verso il creato.

    Lode e Gloria a te, o Dio,

    che ci perdoni

    il poco amore, verso di Te e verso il creato.

    Lode e Gloria a te, o Dio,

    che ci proponi

    di vivere una vita serena e felice.

    Lode e Gloria a te, o Dio,

    che ci proponi

    di vivere in comunione con Te, con il prossimo e con il creato

    Lode e Gloria a te, o Dio.

    L’essermi lasciato condurre “per mano” in questo cammino porta ad un senso di serenità, di abbandono in “Chi” ci ama,

    mentre l’esperienza comunitaria vissuta con i fratelli invoglia a continuare il cammino nella certezza di non essere mai soli!

     

     

    Clicca qui per tornare alla Meditazione esicasta

    Ultima modifica Sabato 15 Settembre 2018 15:52
    Giorgio De Stefanis

    Giorgio De Stefanis

    Esperto di comunicazione e di Marketing.
    Operatore di pastorale familiare

    Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
    Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini

    Altro in questa categoria: « Quaresima