Martedì, 20 Agosto 2019
Venerdì 15 Marzo 2019 17:37

II Domenica di Quaresima - 17 Marzo 2019

Valuta questo articolo
(1 Vota)

 

Prima lettura: Gen 15,5-12.17-18

 

5Poi lo condusse fuori e gli disse: «Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle»; e soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza». 6Egli credette al Signore, che glielo accreditò come giustizia.
7E gli disse: «Io sono il Signore, che ti ho fatto uscire da Ur dei Caldei per darti in possesso questa terra». 8Rispose: «Signore Dio, come potrò sapere che ne avrò il possesso?». 9Gli disse: «Prendimi una giovenca di tre anni, una capra di tre anni, un ariete di tre anni, una tortora e un colombo». 10Andò a prendere tutti questi animali, li divise in due e collocò ogni metà di fronte all'altra; non divise però gli uccelli. 11Gli uccelli rapaci calarono su quei cadaveri, ma Abram li scacciò.
12Mentre il sole stava per tramontare, un torpore cadde su Abram, ed ecco terrore e grande oscurità lo assalirono.

 

Salmo: 26

 

Rit.: Resta con noi, Signore, nell'ora della prova

 

Il Signore è mia luce e mia salvezza:
di chi avrò timore?
Il Signore è difesa della mia vita:
di chi avrò paura? Rit.

 

7 Ascolta, Signore, la mia voce.
Io grido: abbi pietà di me, rispondimi!

8 Il mio cuore ripete il tuo invito:
»Cercate il mio volto!».
Il tuo volto, Signore, io cerco. Rit.

 

9 Non nascondermi il tuo volto,
non respingere con ira il tuo servo.
Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi,
non abbandonarmi, Dio della mia salvezza. Rit.

 

13 Sono certo di contemplare la bontà del Signore
nella terra dei viventi.

14 Spera nel Signore, sii forte,
si rinsaldi il tuo cuore e spera nel Signore. Rit.

 

 

 

Seconda lettura: Fil 3,17-4,1

 

17Fratelli, fatevi insieme miei imitatori e guardate quelli che si comportano secondo l'esempio che avete in noi. 18Perché molti - ve l'ho già detto più volte e ora, con le lacrime agli occhi, ve lo ripeto - si comportano da nemici della croce di Cristo. 19La loro sorte finale sarà la perdizione, il ventre è il loro dio. Si vantano di ciò di cui dovrebbero vergognarsi e non pensano che alle cose della terra. 20La nostra cittadinanza infatti è nei cieli e di là aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo, 21il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso, in virtù del potere che egli ha di sottomettere a sé tutte le cose.

1 Perciò, fratelli miei carissimi e tanto desiderati, mia gioia e mia corona, rimanete in questo modo saldi nel Signore, carissimi!

 

Vangelo: Lc 9, 28b-36

 

«28Circa otto giorni dopo questi discorsi, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. 29Mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. 30Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elia, 31apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme. 32Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui. 33Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli non sapeva quello che diceva. 34Mentre parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All’entrare nella nube, ebbero paura. 35E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!».36Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto». (Lc 9, 28b-36)

nessuno

 

OMELIA

 

A metà della sua avventura terrena, Gesù ci lascia una fondamentale verità sull’esistenza: tutto è trasformazione. Questa è la legge della vita: il seme diventa pianta, il bruco farfalla, la materia energia. Tutto è ‘impermanenza’, tutto è sotto l’egida del cambiamento, e quindi promessa ultima di compimento. Crescessimo in consapevolezza, percepiremmo che tutto ciò che accade è ‘adorabile’, perché a favore del mio compimento, finanche quanto pare essere ‘contro’ e ‘fallimentare’.
Il nostro compimento non sta nella ‘riuscita’, e nemmeno nella speranza che qualcosa possa ancora accadere, o raggiungerci dall’esterno, ma nel vivere in pienezza il momento presente. La salvezza non sta dinanzi, ma in profondità.
Questo attimo, questa giornata, questa mia vita è gravida di promessa eterna. L’essenziale sta perciò nell’aprirsi a ciò che è, a questa situazione particolare soprattutto se non ci è data di cambiarla, per quanto segnata dal male e dalla sofferenza, e poi abbandonarsi, ‘mollare la presa’, af-fidarsi. Solo allora comincerà per noi la vera trasformazione.
“Muori e divieni” ebbe a dire Goethe. Morire al proprio piccolo io per sperimentare il Dio che matura in noi. E poi dargli credito, lasciarlo agire, lasciarsi dilatare e compiere.
Il Vangelo di oggi ci riconcilia con i nostri fallimenti e i nostri naufragi esistenziali. Vivere fino in fondo il dolore e il fallimento, le nostre morti quotidiane è premessa perché qualcosa di nuovo possa nascere. Spesso è il medesimo veleno maligno che ci ha feriti a morte a rivelarsi migliore antidoto per la guarigione.
La sapienza della vita, insegnataci da Gesù, sta proprio qui: riconoscere nel naufragio della propria vita, non la fine e la sconfitta, ma opportunità di rinascita a vita nuova. Gesù è l’esempio eclatante dell’uomo fallito, che nella prova disarmante di un abbandono totale, ha esperito il cominciamento di una vita nuova e per sempre.
Siamo tutti impegnati nel nostro venire continuamente alla luce di noi stessi.
Nessuno ama naufragare, si sa, ma sappiamo anche che spesso questo si rivela come unica possibilità di approdare su terre sconosciute e cominciare una vita nuova. Sperimentare che la propria vita va in frantumi può rivelarsi una grazia, quando a sfasciarsi sono i sogni su cui abbiamo costruito la vita, oppure i desideri e le attese che gli altri hanno riversato su di noi.
La crisi è quindi rivelazione del nostro vero io, trasfigurazione appunto di ciò che siamo veramente e non di ciò che gli altri desideravano per noi.
La croce, ha rappresentato la frantumazione nei discepoli dell’immagine che si erano creati su Cristo e su Dio. Tutto dinanzi alla croce è crollato, anche la percezione di Gesù del suo Dio, sperimentando una solitudine infinita. Sulla croce Cristo ha ‘mollato la presa’. I chiodi gli hanno permesso di aprire la mano in un abbandono totale, per poi sentirsela afferrare finalmente da un amore fedele ed essere così riportato a casa e questa volta per sempre.

CAMMINO DELLA SETTIMANA

Due spunti su cui meditare, a Voi cercarne altri:

«Maestro, è bello per noi essere qui... «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!».

La crisi è rivelazione del nostro vero io, trasfigurazione di ciò che siamo veramente e non di ciò che gli altri desideravano per noi.

Buon cammino!

 

"Una guida sintetica per condurre la Liturgia della Parola"

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

Ultima modifica Venerdì 15 Marzo 2019 17:44
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini