Giovedì, 17 Agosto 2017
Venerdì 12 Febbraio 2016 11:56

Laudato sì – Capitolo 1

Valuta questo articolo
(0 voti)

Quello che sta accadendo alla nostra casa

INVOCAZIONE A DIO

Astri e pianeti, pulviscolo d'oro

che nelle notti serene brillate

lassù, in accordo qual possente coro,

del Creatore la lode cantate!

 

Monti svettanti nel limpido cielo

di ghiacci ornati e di nevi illibate,

simili a spose nel candido velo,

del mio Signore la gloria cantate!

 

Colli assolati e quieti valli ombrose

ove scorrendo vanno chiacchierini

ruscelli limpidi tra sponde erbose,

smaltate di violette e ciclamini.

 

Deserti brulli e boschetti silenti,

terre feconde dal sole baciate,

gelide lande battute dai venti,

inni di gloria al Signore cantate!

           (Suor Maria degli Angeli, carmelitana di clausura)

Introduzione

Papa Francesco ci suggerisce: "Prima di riconoscere come la fede apporta nuovi motivazioni ed esigenze di fronte al mondo del quale facciamo parte, propongo di soffermarci brevemente a considerare quello che sta accadendo alla nostra casa comune."

Egli ci suggerisce, e ci da l'esempio, di informarci onestamente e correttamente da fonti attendibili e scientifiche di quello che era... , è ..... e sarà..., probabilmente, la situazione del nostro "piccolo" mondo.

1a PARTE: confronto con la Parola di Dio


A- Uno dei presenti leggerà senza fretta quanto segue.

Riflettiamo su quanto Dio ci ha affidato nel suo "Progetto".

1In principio Dio creò il cielo e la terra.

3Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. 4Dio vide che la luce era cosa buona e Dio separò la luce dalle tenebre.

6Dio disse: «Sia un firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque».

9Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo si raccolgano in un unico luogo e appaia l'asciutto».

11Dio disse: «La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che fanno sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la propria specie».

14Dio disse: «Ci siano fonti di luce nel firmamento del cielo, per separare il giorno dalla notte; siano segni per le feste, per i giorni e per gli anni 15e siano fonti di luce nel firmamento del cielo per illuminare la terra».

20Dio disse: «Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo».

24Dio disse: «La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e animali selvatici, secondo la loro specie».

26Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza: dòmini (abbia cura) sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutti gli animali selvatici e su tutti i rettili che strisciano sulla terra».

27E Dio creò l'uomo a sua immagine;

a immagine di Dio lo creò:

maschio e femmina li creò.

31Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona.

23Il Signore Dio lo scacciò ... perché lavorasse il suolo da cui era stato tratto.

Ma il creato rimaneva sempre una "cosa molto buona"!, e ancor oggi è così, vedi lo stralcio della poesia di invocazione posta all'inizio.

 

B- I partecipanti sono invitati a meditare in silenzio quanto ascoltato

2a PARTE: contributi

Brevi spunti sul Capitolo I, per aiutare il ricordo della lettura dell'Enciclica fatta individualmente.

I - Inquinamenti e cambi climatici

Inquinamenti, rifiuti e cultura dello spreco

20. "Esistono forme di inquinamento che colpiscono quotidianamente le persone. La tecnologia che, legata alla finanza che pretende di essere l'unica soluzione ai problemi... e si cura del guadagno e non del bene comune.

21. Molte volte si prendono misure solo quando si sono prodotti effetti irreversibili per la salute delle persone.

22. ...la cultura dello scarto, mentre il funzionamento degli eco sistemi naturali è esemplare....

Il clima come bene comune

23. ... presenza di un preoccupante riscaldamento del sistema climatico

24. ... ciclo del carbonio.... I ghiacci polari... foreste tropicali... il livello del mare.... Ecc.

25. ... i poveri i più colpiti .... migrazione di vegetali, animali, uomini....

26. ... coloro che detengono più risorse e potere economico o politico ... concentrati mascherare i problemi o nascondere i sintomi....

II - La questione dell'acqua

27. esaurimento delle risorse naturali...

28. L'acqua potabile e pulita rappresenta una questione di primaria importanza....

29. ... la qualità dell'acqua disponibile per i poveri....

30. ... la tendenza a privatizzare l'acqua... , .. diritto alla vita ...

III - Perdita di bio diversità

32. ... attività economica e produttiva troppo legati al risultato immediato. La predita di foreste ...

33. ... migliaia di spcie non daranno gloria a Dio con la loro esistenza né potranno comunicarci il loro messaggio...

34. .... circolo vizioso, l'essere umano interviene per risolvere problemi da lui creati (pesticidi), .... ci illudiamo di sostituire una bellezza irripetibile con un'altra creata da noi.

35. 36. ... impatto bio diversità.... Corridoi biologici....

37. 38. esempi positivi di intervento

39. ... la flora selvatica...

40 . gli oceani... la pesca selettiva...

41. ... le barriere coralline...

42. ... ricerca... le creature sono connesse tra loro, di ognuna deve essere riconosciuto il valore

IV - Deterioramento della qualità della vita umana e degradazione sociale

43. ... gli effetti del degrado ambientale.... Sulla vita delle persone.

44. .. molte città... disordine e spreco...

45. ... quartieri residenziali "ecologici" riservati per pochi ....

46. ... esclusione sociale nella disponibilità e consumo di energia e servizi....

47. ... il mondo digitale... se mera accumulazione di dati ... confusione ...inquinamento mentale... crisi relazioni interpersonali....

V - Inequità planetaria

48. .. degrado umano e ambientale colpiscono i più deboli...

49. ... un vero approccio ecologico diventa sempre un approccio sociale...

50. .... soluzioni: ridurre la natalità?!... minoranza con diritto a consumare...un terzo del cibo sprecato...

51. ...iniquità di interi paesi... inquinamento da mercurio... mono culture delle multinazionali ...

52. Debito estero paesi poveri... rapporti commerciali e di proprietà perversi... responsabilità diversificate...

VI - La debolezza delle reazioni

53. .. non disponiamo di una cultura e di una leader schip che mettano questi problemi al "centro"

54. .. troppi interessi ... politica internazionale succube... associazioni ecologiche= disturbo

55. 56. 57. lotta alla corruzione... speculazione... rendita finanziaria... interessi finanziari divinizzati... possibili nuove guerre...

58. 59. esempi positivi, ma cresce un'ecologia superficiale o apparente

VII Diversità di opinioni

60. ... si ma in ordine sparso

61. ... speranza, sì; ma "Se lo sguardo percorre le regioni del nostro pianeta, ci si accorge subito che l'umanità ha deluso l'attesa divina"

 

3a PARTE: dibattito

- I partecipanti, che lo desiderano, sono invitati a mettere in comune il frutto della loro meditazione in forma sintetica affinché tutti i presenti abbiano il tempo di dare il proprio contributo.

 

COMMIATO

Zeffiri dolci traenti da fronde,

qual preghiera, sottil mormorio;

venti gagliardi che del mare l'onde

alte gonfiate, lodate il mio Dio!,

 

Umil vermi che in terra nascosti

l'humus fecondo per noi preparate;

microrganismi, girini nei fossi,

vaghe farfalle che in aria danzate;

 

Leoni ed agnelli, cerbiatti e castori

ed animali che insiem popolate

l'acque e la terra, ed uccelli canori,

del Creatore la lode cantate!

                (Suor Maria degli Angeli, carmelitana di clausura)

La pace sia con Voi!

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: Laudato sì - Enciclica sulla cura della casa comune

 

Ultima modifica Sabato 26 Marzo 2016 12:44
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini