Mercoledì, 13 Dicembre 2017
Domenica 20 Febbraio 2005 17:11

LA VITA NON E' MAI INDOLORE

Valuta questo articolo
(0 voti)

LA VITA NON E' MAI INDOLORE

La domanda di liberazione dai conflitti non dovrebbe
contenere quella della liberazione dalla conflittualità della vita
stessa, ossia dalla sana tensione inerente alla polifonia della forma
umana dell'esistere. Se, dunque, marito e moglie litigano perché non
sono d'accordo su una serie di decisioni pratiche da prendere, fanno
bene a farsi aiutare per individuare le forze psicologiche in atto
nella contesa: capire ad esempio che il litigio rientra nel loro stile
relazionale di lotta per il potere, per cui nelle decisioni concrete
ognuno, a turno, tende a dominare l'altro o a fare resistenza passiva
per non essere dominato.

Giustamente devono pretendere di essere aiutati a trovare processi
comunicativi più maturi per contenere e superare non solo l'episodio,
ma lo stile di lotta. Ma per non cadere in false aspettative, devono
riconoscere che quel conflitto , anche se superato positivamente,
ricorda la non superabile ambivalenza della relazione d'amore che deve
conciliare il desiderio di incontrarsi e la voglia di conservarsi,
l'amore per l'altro e l'amore per se stessi. Il conflitto di
dominazione /passività va risolto, ma quello ontologico
sull'ambivalenza dell'amore maturo va accettato. Il che significa che
l'amore umano non è quello delle bestie né quello degli angeli, ma,
semplicemente, umano, fatto di sublimi altezze e infime cadute.
Polifonico, appunto.

A un livello immediato è il conflitto caratteriologico a farci paura
("non voglio più lottare con mia moglie"), ma a un livello più radicale
è il mistero dell'amore umano a farci problema ("non voglio provare la
polifonia dell'amore"). Preferiamo ridurre la vita al suo polo sublime
("voglio amare come un angelo!") e se quello umiliante si affaccia,
diciamo che la vita si è spenta ("le voglio bene , ma non l'amo più"),
anziché a questo polo togliere il suo pungiglione di morte e lasciarlo
come parte di un vivere finalmente realista. I temi universali come
intimità, benessere comunicazione, identità sono stati resi patologici
dalla fantasia distruttiva che la vita debba essere sempre indolore.

Alessandro Manenti

(Famiglia Oggi n° 3/2002)

Ultima modifica Venerdì 01 Aprile 2005 21:15

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news