Lunedì,05Dicembre2016
Sabato 19 Giugno 2004 00:58

Ricostruzione storica

Valuta questo articolo
(0 voti)

Atti 15:
il cosiddetto "Concilio di Gerusalemme"
di Don Filippo Morlacchi


Ricostruzione storica


Il primo viaggio apostolico di Paolo (At 13-14) fu una delle premesse del "concilio"; Paolo teme di "aver corso invano" (Gal 2,2) cioè teme che i suoi successi apostolici vengano stroncati da un atteggiamento intransigente da parte di chi richiede indistintamente a tutti l’osservanza previa della legge. Infatti intorno al 48 d.C. giungono ad Antiochia alcuni che mettono in discussione la missione ai gentili che vi si svolgeva da oltre dieci anni (Antiochia era una città "pilota" negli esperimenti pastorali; il suo stile evangelizzatore non era ancora patrimonio comune, se Paolo parla della libertà "che noi abbiamo in Cristo": Gal 2,4). La visita è un segno della "regressione reazionaria" da parte della comunità di Gerusalemme, che per sopravvivere cerca di fare molte concessioni al gruppo farisaico: il gruppo dei Dodici è in declino, Giacomo ha un influsso crescente. Antiochia risponde a questa "intrusione" inviando a Gerusalemme i suoi più raffinati teologi, cioè Barnaba e Paolo, nella speranza di convincere la chiesa madre della bontà del loro metodo (Paolo tace questo invio da parte della comunità perché in Gal gli preme di mostrare l’autorevolezza del suo vangelo, che viene da Dio e non da uomini). Come provocazione, i due prendono con sé Tito, cristiano non circonciso. Il confronto avviene – secondo At – con gli Apostoli [e Pietro] e gli anziani [tra cui spicca Giacomo]: l’opinione di Paolo e Barnaba prevale, Tito non viene circonciso, viene lasciata libertà di vivere il vangelo senza l’obbligo di aderire alla legge. Il concilio poi (secondo At) decide di inviare ad Antiochia un decreto che riportava le decisioni di Gerusalemme, tramite due messaggeri, Giuda Barsabba e Sila: in tal modo la controversia sarebbe stata definitivamente risolta.

Ultima modifica Sabato 19 Giugno 2004 01:00