Domenica, 19 Novembre 2017
Teologia
Teologia

Teologia (226)

La teologia è chiamata a rivisitare in chiave "moderna" il problema di Dio, di Gesù Cristo e della Chiesa. Nella teologia si parla oggi di "rivoluzione" intesa come riaffermazione di un "nuovo" concetto di Dio. Oggi si va verso un cristianesimo "post-teista". Il cristianesimo ha "tradito" Gesù? Verso una nuova lettura della "teologia delle religioni".

Mercoledì 14 Gennaio 2015 16:05

Il sacerdozio comune (Severino Dianich)

Pubblicato da Fausto Ferrari

Nella Chiesa è ancora troppo diffusa l'idea che il sacerdozio sia questione di riti e la missione della Chiesa sia propria dei preti. Gli altri fedeli ne sono protagonisti solo quando danno la collaborazione alla vita interna della comunità. Sembra proprio che il sacerdozio comune non esista.

Domenica 27 Aprile 2014 13:42

Nove modi per non parlare di Dio (Raimon Panikkar)

Pubblicato da Fausto Ferrari

Raimon Panikkar ha una idea precisa non di ciò che è Dio è, ma di ciò che Dio non è. Tuttavia anche quest'idea cade sotto la sua stessa critica.

Sabato 26 Aprile 2014 15:20

La vita eterna (Carlo Ghidelli)

Pubblicato da Fausto Ferrari

Indubbiamente la nostra fede nella vita eterna è basata sulla verità della risurrezione di Gesù dai morti. È, questa, una delle certezze che hanno accompagnato i cristiani, fin dall'inizio della loro storia.

Martedì 11 Marzo 2014 20:26

Come e perché si diventa cristiani (Carlo Molari)

Pubblicato da Fausto Ferrari

Seguire il Vangelo implica dinamiche personali complesse, che partono da testimonianze, esperienze di fede, possibilità di uscire dal male e recuperare il bene. Il cammino non porta a un'acquisizione stabile, ma ricomincia sempre.

Mercoledì 30 Ottobre 2013 17:22

Spiritualità del dono (Carlo Molari)

Pubblicato da Fausto Ferrari

Quando la persona umana vive coerentemente la propria condizione, la spiritualità del dono fiorisce come espressione immediata. Essa non consiste in un vago sentimento di benevolenza nei confronti di alcune persone...

Se per l’Apostolo la morte è un insulto alla dignità di Dio e dell’uomo, Teilhard, pur senza nasconderne il carattere drammatico, vede nella morte il momento/luogo privilegiato in cui si nasconde la forza ascensionale del mondo.

Il presente fascicolo vuole offrire un contributo alla riflessione nata attorno alla ricezione dello spirito conciliare da parte della vita della Chiesa.

Lunedì 26 Novembre 2012 22:36

Un già e non ancora (Mons. Luigi Bettazzi)

Pubblicato da Fausto Ferrari

Se lo Spirito Santo ha suscitato questa Pentecoste, saprà anche renderla sempre più viva nel mondo, non “nonostante noi” come verrebbe da dire qualche volta, bensì "anche attraverso di noi". Ed è l'impegno di tutti.

Pagina 3 di 26

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news