Lunedì,05Dicembre2016
Venerdì 24 Novembre 2006 00:15

Lo Spirito della Terra (Pierre Teilhard de Chardin)

Valuta questo articolo
(0 voti)
 Lo Spirito della Terra (Pierre Teilhard de Chardin)

Giunto ad un grado superiore nella padronanza di se stesso, lo spirito della Terra scopre in sé un bisogno man mano più vitale di adorare: dall’evoluzione universale, Dio emerge, nelle nostre coscienze più grande, e più necessario che mai.

Con il termine “senso della Terra”, “designeremo qui il senso appassionato del destino comune che trascina sempre più lontano la frazione pensante della Vita. In via di diritto, nessun sentimento è meglio fondato per natura, né pertanto più potente di questo. Ma in pratica, è quello che si sveglia più tardi degli altri, dato che per esplicitarsi esige che la nostra coscienza, emergente dai cerchi sempre più vasti (ma ancora assai troppo ristretti) della famiglia, delle patrie, delle razze, scopra finalmente che la sola unità umana veramente naturale e reale è lo Spirito della Terra.

Sembra che, sottola spinta delle scoperte ripetute che nel giro di un secolo hanno rivelato successivamente alla nostra generazione, dapprima la profondità e il significato della durata, poi le risorse spirituali illimitate della Materia, e infine la potenza dei viventi associati, la nostra psicologia stia cambiando e che l’Uomo si avvicini a quella che si potrebbe chiamare la sua crisi di pubertà. Una passione nuova, vittoriosa (lo crediamo sul serio) comincia a profilarsi, e spazzerà via o trasformerà quelli che sono stati sinora i capricci e le puerilità della Terra. E la sua azione salvifica giunge proprio al momento giusto per “controllare”, risvegliare e organizzare le forze emancipate dell’Amore, le forze dormienti dell’Unità, le forze esitanti della Ricerca…..

A. L'Amore

L’amore è la più universale, la più formidabile, la più misteriosa delle energie cosmiche….

Dal punto di vista dell’evoluzione spirituale che abbiamo accettato qui, sembra che possiamo dare un nome ed un valore a questa strana energia dell’Amore. Non rappresenterebbe, per caso, molto semplicemente la stessa attrazione esercitata dal Centro dell’Universo su ogni elemento cosciente? Il richiamo alla grande unione la cui attuazione è l’unica impresa attualmente in corso nella Natura?….. In questa ipotesi, secondo la quale conformemente ai risultati dell’analisi psicologica) l’Amore sarebbe l’energia psichica primitiva e universale, tutto non si chiarisce forse attraverso a noi, sia per l’intelligenza che per l’azione?

Verso l’Uomo, attraverso la Donna, è in realtà verso l’Universo che si fa avanti. Se l’Uomo non riconosce la vera natura, il vero oggetto del suo amore, si instaura il disordine irrimediabile e profondo. Accanito a sfamare con una cosa troppo piccola una passione il cui oggetto è il Tutto, egli tenterà necessariamente di colmare uno squilibrio fondamentale con la materialità e molteplicità sempre crescenti delle sue esperienze. Vani tentativi, e spaventoso sperpero agli occhi di colui che intravede il valore inestimabile del “quanto spirituale” umano.

Guardiamo molto freddamente da biologi o da ingegneri, l’atmosfera rosseggiante delle nostre grandi città, nelle ore della sera. Lì, come del resto in ogni luogo, la Terra dissipa continuamente in pura perdita la sua più meravigliosa potenza. La terra brucia “all’aria aperta”. Quanta energia pensate che si perda in una notte per lo Spirito della Terra?…

Che l’uomo percepisca, invece, la realtà universale che brilla spiritualmente attraverso la carne. Allora scoprirà la ragione di ciò che sino a quel momento deludeva e pervertiva la sua potenza di amare. La Donna gli sta davanti come il fascino e il simbolo del Mondo. Non potrebbe abbracciarla se egli non si ampliasse, a sua volta, alla stessa misura del Mondo. E poiché il Mondo si rivela sempre più grande e sempre incompiuto, e sempre oltre noi, l’Uomo per afferrare l’oggetto del suo amore, si trova impegnato in una illimitata conquista dell’Universo e di se stesso. In questo senso l’Uomo non potrebbe raggiungere la Donna che nell’unione universale consumata.

L’Amore è una riserva sacra di energia, e come il sangue stesso dell’evoluzione spirituale: ecco la prima lezione che ci dà il Senso della Terra.

B. L'Unità Umana

In singolare contrapposizione con l’attrazione irresistibile che si manifesta nell’Amore, esiste una ripulsione istintiva che in genere allontana l’una dall’altra le molecole umane. In realtà, questa ripulsione non può corrispondere che a una timidezza o una viltà dell’individuo di fronte a uno sforzo di ampliamento capace di assicurare invece la sua liberazione.

Ma, quale compimento nelle sue potenze quando, nella ricerca e nella lotta, l’Uomo si sente avvolto dal soffio dell’affetto e del cameratismo! Quanta pienezza quando, in certe ore di pericolo o di entusiasmo, egli riesce ad eccedere, come in un lampo, alle meraviglie di un’anima comune! Quelle pallide e brevi illuminazioni devono farci intuire quale formidabile potenza di felicità e di azione sonnecchia ancora nel seno dello strato umano. Senza rendersene molto conto gli Uomini soffrono e vegetano nel loro isolamento: hanno bisogno di un impulso superiore che, sopravvenendo, li costringa a superare il punto morto in cui sono immobili e li faccia cadere nel raggio della loro profonda affinità. Il Senso della Terra è la pressione irresistibile che giunge, al momento giusto, per cementarli in una comune passione.

L'Amore d'interrelazione legame al di sopra dell'amore di attrazione, gli elementi che si raggruppano per subire l'Unione. Conosciamo già un po' la seconda di queste due passioni, chi ci rivelerà la pienezza di una quantità sinora quasi sconosciuta, l'ebbrezza immensa di una fraterna amicizia, che si accompagnerebbe, per la Noosfera, la vittoria sulla sua interna molteplicità residua cioè la finale presa di coscienza dell'Unità umana, in vista del progresso?

C. La ricerca

Come il senso della Terra spiega agli uomini il motivo e l'uso possibile della loro sovrabbondanza d'amore, così, nel contempo, si rivela come la forza destinata a muovere ed a organizzare la massa sbalorditiva delle produzioni e delle scoperte umane.

Per il suo stesso sviluppo, il mondo sarebbe forse condannato a morire soffocato dall'eccesso del proprio peso? Niente affatto; ma sta raggruppando gli elementi di un corpo superiore e nuovo. In questa crisi di nascita, tutto il problema è quello dell'emersione rapida dell'anima che, con il suo apparire, verrà ad organizzare, alleviare, vitalizzare questo mucchio di materia stagnante e confusa. Ora, quest'anima non può essere che la "cospirazione" degli individui che si associano per rialzare di un altro piano l'edificio della Vita. Le risorse di cui oggi disponiamo, le potenze che abbiamo scatenato, non potrebbero essere assorbite dal ristretto sistema dei quadri individuali o nazionali che hanno sinora servito agli architetti della Terra umana. L'età delle nazioni è passata. Se non vogliamo perire. si tratta ora per noi di rigettare i vecchi pregiudizi e di costruire la Terra.

Più osservo scientificamente il Mondo, e meno vedo per esso un esito biotopico possibile al di fuori della coscienza attiva della sua unità. D'ora innanzi sul nostro pianeta la Vita non potrà progredire (e nulla le impedirà di progredire, nemmeno le sue schiavitù interne) se non farà saltare le paratie che tramezzano ancora l'attività umana, e se non si abbandonerà senza esitazione alla Fede nell'Avvenire.

Poniamo in primo piano delle nostre preoccupazioni concrete una vera organizzazione e una esplorazione sistematica del nostro Universo inteso come l'unica vera patria dell'Uomo. Allora l'energia materiale circolerà. E, cosa ancor più importante, l'energia spirituale, corrotta dalle meschine gelosie della odierna società, troverà il suo esito naturale nell'assalto dato ai misteri del Mondo. E' giunto il momento di accorgersi che la Ricerca rappresenta la alta funzione umana, quel la che assorbe in sé lo spirito delta Guerra in cui risplende la luce delle Religioni. Premere costantemente sull'intera superficie del Reale, non è forse per eccellenza il gesto della fedeltà all'Essere, dunque dell'adorazione? E tutto questo se saremo capaci di non soffocare in noi lo Spirito della Terra.

Colui che vuol partecipare a questo Spirito deve morire, poi rinascere agli altri e a sé stesso. Per accedere a questo piano di umanità superiore, deve non solo riflettere, ma, nel seno stesso del suo modo di valutare e di agire, realizzare una totale trasposizione.

Ancora un po' di tempo e lo Spirito della Terra sorgerà con la sua individualità specifica, il suo carattere e la sua fisionomia propria. Allora, alla superficie della Noosfera, gradualmente sublimata nelle sue preoccupazioni e passioni, sempre tesa verso la soluzione di problemi via via più elevati, e il possesso di oggetti via via più grandi, la tensione verso l'Essere sarà massimale.

Cosa succederà in quel periodo critico di maturazione della vita terrestre? In quel momento saremo forse in grado di raggiungere altri centri di vita cosmica, per ricominciare, a un ordine superiore di grandezza, il lavoro di sintesi universale? E' più verosimile che accada un'altra cosa, che possiamo intravedere solo se prenderemo in considerazione l'influsso spirituale di Dio.

È stato un periodo di grande illusione quello attraversato dall’Uomo del nostro tempo quando ha immaginato che, giunto ad una migliore conoscenza di sé e del Mondo, non aveva più bisogno di Religione. Si sono moltiplicati i sistemi in cui il fatto religioso era interpretato come un fenomeno psicologico legato all’infanzia dell’Umanità. Massimo alle origini della Civiltà, doveva gradualmente dileguarsi e cedere il posto a costruzioni più positive dalle quali Dio (specie un Dio trascendente e personale) sarebbe stato escluso. In realtà per chi sa vedere, il grande conflitto dal quale usciamo avrà come effetto soltanto quello di consolidare nel Mondo la necessità di una fede.

Giunto ad un grado superiore nella padronanza di se stesso, lo spirito della Terra scopre in sé un bisogno man mano più vitale di adorare: dall’evoluzione universale, Dio emerge, nelle nostre coscienze più grande, e più necessario che mai. L’unico Motore possibile della vita riflessiva è un Termine assoluto, vale a dire Divino. La religione può essere stata intesa come un semplice sollievo delle nostre sofferenze, un “oppio”. Ma la vera sua funzione è quella di sorreggere e di spronare i progressi della Vita.

E’ un bisogno profondo di assoluto che, sin dalle origini, ha cercato se stesso attraverso tutte le forme progressive di religione. Ora, ammesso questo punto di partenza, diventa evidente che la “funzione religiosa”, nata dall’ominizzazione e vincolata alla medesima, non può che crescere continuamente con l’Uomo stesso. Più l’Uomo sarà Uomo, e più sentirà la necessità di donarsi ad uno più grande di lui. Non è forse proprio ciò che possiamo constatare attorno a noi? Nella Noosfera, in quale momento è esistito un bisogno più urgente di trovare una Fede, una Speranza per conferire un senso, un’anima, all’immenso organismo che stiamo costruendo?

Con l’evento capitale dell’Ominizzazione, la porzione più progredita del Cosmo si è trovata personalizzata. Con questo semplice cambiamento di variabile, sorge, per il futuro, una doppia condizione di esistenza che non potrebbe essere elusa.

Dato che nell’Universo a partire dall’Uomo, tutto si svolge nell’Essere personalizzato, il Termine ultimo, divino, della convergenza universale deve, a sua volta, avere (in modo eminente) la qualità di una Persona. Per superanimare, senza distruggerlo, un Universo costituito da elementi personali, deve essere, da parte sua, un Centro speciale. Così ricompaiono, non già istintive, ma strettamente vincolate alle prospettive evolutive attuali, le concezioni tradizionali di un Dio che influisce intellettualmente su monadi immortali distinte da Lui.

La corrente che solleva la materia deve essere concepita meno come una semplice spinta interna che come una marea. Il Molteplice sale, attratto e inglobato da uno “già Uno”.

In una prima fase anteriore all’Uomo, l’attrazione era recepita dal Mondo, vitalmente ma ciecamente. A partire dall’Uomo essa si desta, almeno in parte, nel pensiero riflesso e suscita la Religione. E tale Religione non è una scelta o una intuizione strettamente individuale, ma rappresenta, attraverso l’esperienza collettiva dell’intera Umanità, il lungo dispiegarsi dell’Essere di Dio, Dio che si riflette personalmente sulla somma organizzata delle monadi pensanti, per garantire un esito sicuro e definire leggi precise per le loro attività esitanti.

Oceano Pacifico, 1931

Pierre Teilhard de Chardin

N. B. Questo testo si trova in: L’Esprit de la Terre, Oeuvres Vol. 6, Parigi, Seuil, 1962, pp. 23-57 passim.

 

Ultima modifica Mercoledì 24 Aprile 2013 09:25
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input