Sabato,10Dicembre2016
Mercoledì 01 Giugno 2011 09:41

La vita cristiana. Chi è il cristiano (Pietro Rossano)

Valuta questo articolo
(7 voti)
La vita cristiana. Chi è il cristiano (Pietro Rossano)

L’appellativo «cristiano» deriva da Cristo, e il cristiano è colui che segue in tutto Gesù Cristo. La vita cristiana si basa perciò sulla decisione fondamentale e irrevocabile di aderire a Cristo, di seguirlo e imitarlo.

 Chi è il cristiano

1. L’appellativo «cristiano» deriva da Cristo, e il cristiano[1] è colui che segue in tutto Gesù Cristo. La vita cristiana si basa perciò sulla decisione fondamentale e irrevocabile di aderire a Cristo, di seguirlo e imitarlo, in comunione spirituale con lui, fratello, Signore e salvatore degli uomini.

2. Il modello e la norma per il cristiano è perciò Gesù Cristo. In tutte le circostanze della vita, nelle gioie e nelle privazioni, nel lavoro e nel riposo, nel rischio e nella tentazione, fin nel trapasso angosciato della morte, il cristiano sa che Gesù l’ha preceduto e gli ha insegnato il modo di andare a Dio, passando attraverso la morte per giungere alla risurrezione. In ogni situazione il cristiano tende a riprodurre ciò che Gesù Cristo avrebbe fatto al suo posto. Per questo gli è familiare la lettura del Vangelo,[2] per trovarvi le parole e gli esempi di Cristo.

3. Questo continuo riferimento a Cristo non consiste tanto in un’imitazione esteriore e particolareggiata, che sarebbe impossibile, ma in un’assimilazione delle disposizioni spirituali di lui, quali si sono manifestate complessivamente nella sua vita e soprattutto nella sua passione e morte, cioè l’obbedienza e la sottomissione totale alla volontà di Dio Padre e la dedizione costante per gli uomini. Una delle sue parole suona; «Non sono venuto per essere servito; ma per servire e dare la vita per la redenzione degli uomini». E l’apostolo Paolo scrive: «Abbiate in voi i sentimenti che furono in Cristo Gesù».

4. Lo sforzo di assimilazione a Cristo viene destato e sostenuto nel cristiano dallo Spirito di Dio.[3] Esso trasforma intimamente il cristiano e gli infonde sentimenti simili a quelli di Cristo di adesione filiale a Dio Padre, e di bontà verso gli uomini, Il cristiano che si lascia guidare dallo Spirito di Dio si comporta da figlio di Dio, e segue le orme di Cristo, nella libertà di chi segue spontaneamente le indicazioni dello Spirito.

    Pietro Rossano


    [1] Per «cristiano» s’intende qui il cristiano come deve e può essere, e come di fatto si manifesta nei cristiani esemplari, e particolarmente nei santi. Che molti cristiani non vivano secondo il loro ideale è purtroppo una realtà insita alla condizione umana soggetta al peccato, ma ciò non toglie nulla alla santità della religione stessa

    [2] Sul Vangelo vedi il n. 11 del c. «L’evento cristiano» e il n. 3 del c. «La sapienza cristiana».

    [3] Sullo Spirito di Dio e la sua azione nel cristiano v. il n. 7 del c. «L’evento cristiano» e i nn, 7, 8, 20-23 del c. «La sapienza cristiana».

    Ultima modifica Sabato 02 Luglio 2011 13:35
    Fausto Ferrari

    Fausto Ferrari

    Religioso Marista
    Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

    Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito