Mercoledì, 18 Ottobre 2017
Sabato 15 Ottobre 2011 17:46

Philosophia Pacis (Raimon Panikkar)

Valuta questo articolo
(5 voti)

La filosofia della pace è qualcosa di più che un'osservazione  passiva; è anche una partecipazione attiva al dinamismo della realtà  e per questo richiede un cuore puro, altrimenti qualsiasi interferenza  è violenta e disturba la pace.

Già in passato gli antichi scolastici hindu affermavano che senza uno spirito calmo e distaccato non si può raggiungere la verità. La  verità è liberante e ispira l'azione giusta.
Una della cause del disagio moderno è forse l'avere lottato per la  pace senza ispirarsi a una vera filosofia della pace. siamo pronti ad  imporre il NOSTRO concetto di pace. Ma tutto ciò che proviene da uno  spirito umano non in armonia con se stesso e con il mondo può  difficilmente portare alla pace.
I 9 sutra che seguono sono come gli anelli di un'unica catena d'oro;  l'uno porta all'altro e tutti insieme formano il gioiello che chiamiamo  pace.

1. Pace e nonviolenza non significano atteggiamento puramente passivo,  assenza di resistenza o mancanza di forza e potere, bensì rispetto,  non violazione della persona, la dignità intima di ogni essere. Il senso della nostra vita non va ricercato solo nel suo fine, né  possiamo accontentarci di soddisfazioni momentanee. Il fine della vita  si trova nel camminare.
La nostra cultura ha prodotto una società che, oltre a non avere la  pace, ne rende difficile la realizzazione. Propongo l'emancipazione  dallo  status quo e la sua trasformazione in fluxus quo; muoversi verso  un armonia sempre nuova e mai perfetta. Adeguarsi, scoprire, superare e  continuare a camminare.

2. Non dovremmo minimizzare il dolore umano di chi è vittima delle guerre, ma se vi è pace interiore esiste ancora possibilità di sopravvivenza.
La pace è più che assenza di conflitti umani. se non c'è pace in noi non può essercene attorno a noi. Ma non è possibile godere della nostra pace interiore se il nostro mondo subisce violenza. La relazione è dualistica e interdipendente. La filosofia della vita intesa come la "sapienza dell'amore" ci aiuta a superare la dicotomia tra interiorità ed esteriorità e ci consente di godere della pace interiore in mezzo a sofferenze esterne e di impegnarci ad alleviare le ingiustizie senza perdere la nostra gioia interiore.

3. La pace non si conquista per se stessi né la impone agli altri. Non si COMBATTE per la pace. I regimi che vengono imposti non rappresentano la pace per chi li subisce. La pace si deve accettare come un dono. La pace si scopre non si conquista; essa è il frutto di una rivelazione. La pace deve essere nutrita e persino creata, poiché non esiste ricetta per la pace, né alcun programma precostituito.

4. La vittoria ottenuta con la sconfitta violenta del nemico non conduce mai alla pace. Chi vince genera odio. La pace è più che semplice giustizia è più di una specie di equilibrio, spesso basato sul timore e sulla paura di vendetta: è l'avvento costante di un nuovo ordine. La vittoria conduce alla vittoria, non alla pace.
La pace è beatitudine, il valore ultimo della vita.

5. Dobbiamo disarmare le nostre culture prima di eliminare le armi. La nostra cultura tratta 'altro come selvaggio, non sviluppato, intollerante, come nemico.
La civiltà dominante ha sviluppato un arsenale terribile, imitata poi dagli altri popoli convinti a loro volta che questo fosse l'unico mezzo per essere ascoltati e conquistare autorità.
ma il disarmo culturale è pericoloso, si diviene vulnerabili.
Disarmo culturale presuppone una critica alla cultura non solo alla luce di ciò che no ha funzionato nella cultura occidentale, ma anche nella prospettiva di un approccio interculturale genuino.

6. Nessuna cultura o religione può risolvere da sola i problemi del mondo. Nessuna cultura può fornire oggi risposte universali. L'approccio interculturale è imperativo, il pluralismo. OGNI cultura, religione, tradizione offre una via di salvezza

7. Non esiste un solo concetto di pace poiché la pace non è un'ideologia da imporre. Per rispettare il pluralismo preferiamo dire che la pace è un mythos piuttosto che un ideale. L'ideale della pace è il nostro ideale, che può differire dall'idea di pace di altri popoli. La comunione del mythos non elimina i conflitti ma permette una flessibilità che le idee non tollerano.

8. La religione è una via verso la pace. Una feconda cooperazione tra le varie religioni è la strada da percorrere per aiutare la trasformazione dell'uomo.

9. Solo il perdono e il dialogo continuo portano alla pace.La punizione e il risarcimento non conducono alla pace. Credere che il ristabilimento di un ordine infranto possa mettere a posto le cose è immaturo. La pace non è restaurazione. la sola via verso la pace è un cammino avanti. il perdono è un atto che trascende la volontà. Avere la volontà di perdonare non dipende dalla volontà. Se il mio cuore non mi porta spontaneamente al perdono parlarne sarebbe un'ipocrisia. Per perdonare occorre la forza delle spirito.

LA FILOSOFIA INTERCULTURALE è L'EPIFANIA DI SPERANZA. Possano queste considerazioni renderci più consapevoli della nostra dignità e della nostra responsabilità.

Raimon Panikkar

 

Ultima modifica Sabato 15 Ottobre 2011 18:17
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news