Giovedì, 24 Agosto 2017
Giovedì 17 Dicembre 2009 14:31

L’esercito dei nuovi poveri

Valuta questo articolo
(0 voti)

Giovani, laureati, lavoratori. L’esercito dei nuovi poveri. 

di Emanuele Rossi pubblicato su Panorama 17.12.2009

Generazioni contro. In Italia il problema dell’indipendenza di giovani studenti e post-studenti, definiti “bamboccioni” o precari a seconda del ministro di turno, rimane senza soluzione. Un giovane su quattro (dai 15 ai 25 anni) è in cerca di lavoro, ma anche per quelli che un lavoro ce l’hanno andare via di casa rimane un miraggio, tra precarietà e stipendi bassi. E si aggravano le statistiche.

Illuminante in questo senso il rapporto 2008-2009 della Commissione di indagine sull’esclusione sociale (Cies), organismo che fa capo al ministero del welfare, presentato oggi. In cui si legge che l’incidenza di povertà tra i giovani con elevato titolo di studio è praticamente raddoppiata nel decennio passando dal 3,3% al 6,4%. Nell’80% dei casi riguarda coloro che vivono in famiglia. Non si tratta di casi di indigenza, quindi, ma di difficoltà economica e di aspettative frustrate.  Secondo la Commissione l’elevato livello di istruzione ‘‘non costituisce più una garanzia cosi’ certa, come nel passato, contro il rischio di povertà”. Si parla in questo caso di povertà relativa (quella che si basa sulla spesa media mensile per 2 persone inferiore a 999,67 euro; mentre la povertà assoluta si calcola sulla mancanza di un livello minimo di beni e servizi considerati essenziali) peggiora anche in altre categorie. Come quelle delle classi intermedie: fra i 35-44 anni si è passati dal 10,9% del 2005 al 12,1% del 2008; fra i 45-54 anni, da 9,1 % a 10,7%; e la classe dei giovani fino a 34 anni, dal 9,2% del 2007 al 10,4% del 2008.

Il lavoro non garantisce di per sé l’ uscita dalla povertà, dato che le condizioni esterne (ad esempio la necessità di pagare un affitto, il numero di figli) influiscono parecchio. E’ la situazione dei cosiddetti ‘working poor’, ossia di famiglie povere nonostante uno o più componenti lavorino; sono il 9,6% (+0,3% nel 2008 rispetto al 2007). La percentuale sale al 14,5% in caso di operai ed addirittura al 20,7% al sud. Nel 2008, secondo l’Istat, le famiglie in condizione di povertà assoluta (quelle costrette a fare a meno di beni e servizi essenziali) sono state 1.126.000, pari al 4,6% delle famiglie residenti, per un totale di 2.893.000 individui.

Ultima modifica Giovedì 17 Dicembre 2009 16:57
Salvo Celeste

Salvo Celeste

Dottore in Giurisprudenza

Rubrica L'Angolo del Diritto ecclesiastico;
Aggiornamento della Homepage

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito