Martedì, 24 Ottobre 2017
Martedì 11 Ottobre 2011 10:27

Lira vecchia fa buon brodo

Valuta questo articolo
(2 voti)

In Italia ci sono ancora in giro banconote del vecchio conio, per un ammontare strabiliante di 1,3 miliardi di euro.

Dopo febbraio non si potranno più convertire. E per la Banca d'Italia scatta l'allarme riciclaggio

C'è Joseph Mannino che abita a New York e affida a un sito di esperti e collezionisti di monete la sua scoperta: ha trovato per caso 87 mila vecchie lire svuotando la casa del padre morto e vuole sapere se ne può fare qualcosa.
Ci sono i parroci di paese o di periferia, che dopo la messa della domenica continuano a trovare ogni tanto nel sacchetto della questua le ultime mille lire, quelle che hanno fatto circolare di mano in mano la faccia sorridente di Maria Montessori. Oppure chi si trova a ristrutturare una casa disabitata per anni e in un cassetto recupera un gruzzoletto dimenticato.

Per una via o per l'altra, le vecchie lire continuano a spuntare fuori. Ma non sempre vengono da mani così innocenti. Anzi. Tutto fa pensare che il grosso di quelle ancora in circolazione sia poco presentabile allo sportello. E poiché manca poco alla scadenza finale, ossia alla data oltre la quale quelle banconote non si potranno più convertire (28 febbraio 2012, a dieci anni esatti dal change over), si stringono i controlli sulle ultime lire che arriveranno agli sportelli della Banca d'Italia. E cresce l'allarme per il possibile assalto dei riciclatori dell'ultima ora.

Il tesoro fuori corso
Non stiamo parlando di pochi spiccioli. Gli ultimi dati di palazzo Koch, aggiornati alla fine di agosto, sono strabilianti: ci sono ancora in giro quasi 2.500 miliardi di lire non convertite. Poco meno di 1 miliardo e 300 milioni di euro. Ovvero: 21,6 euro per ciascun italiano, neonati inclusi. Come mai, mentre stringono la cinghia per la crisi che avanza e contano il centesimo per arrivare alla fine del mese, gli italiani si tengono in casa le vecchie lire, invece di correre alla più vicina Tesoreria della Banca d'Italia per cambiarle? Nostalgia? Trascuratezza? O semplice pigrizia?

Uno sguardo ai tagli delle banconote in circolazione può aiutare a capire qualcosa e spiegare le preoccupazioni degli esperti dell'antiriciclaggio. In termini numerici, il record va alle banconote da mille: ce ne sono ancora in giro 196,2 milioni di pezzi.

Sono tanti, pur tenendo conto del fatto che magari ogni famiglia ne ha tenuto da parte qualcuno per ricordo, del normale effetto di deterioramento, delle perdite. Ma fin qui non c'è niente di particolarmente preoccupante: in fondo, stiamo parlando solo di 196 miliardi di lire. E per qualcuno prendere la macchina o il treno per andare alla tesoreria più vicina risulterebbe più costoso di quanto può portare a casa. Le sorprese vere, però, arrivano man mano che si sale con i tagli delle banconote e il gruzzolo aumenta. Il bottino maggiore è quello in biglietti da 100 mila: ce ne sono in giro quasi 12 milioni, per un importo totale di 1.190 miliardi di lire. E risultano persino 300 mila banconote da 500 mila lire, per un controvalore totale di 150 miliardi di lire.

Si capisce facilmente perché una situazione del genere comincia a impensierire i piani alti di via Nazionale. Se quei milioni di banconote finora non sono stati presentati allo sportello è perché chi le detiene non è in grado di dare spiegazioni sulla loro provenienza.

Cosa che chi si presenta alle tesorerie di Bankitalia deve fare, dando nome e cognome, mostrando i documenti e spiegando come è venuto in possesso di quei soldi. Un cambiavalute può fare la stessa operazione per i suoi clienti, ma deve fornire gli elementi per identificarli. Quando la somma è consistente oppure le spiegazioni sono insufficienti o sospette, o ancora quando la stessa persona si presenta parecchie volte con il suo mucchietto di lire, scatta l'accertamento. Che può portare a congelare l'operazione e finire anche con un sequestro da parte dell'antiriciclaggio. Basteranno queste regole per evitare che con gli ultimi mesi della conversione qualcuno riesca a ripulire le residue lire sporche, quelle che in dieci anni sono rimaste "in sonno"?

Alla Banca d'Italia temono assalti e pressioni dell'ultima ora e fanno sapere di avere alzato la soglia di attenzione. Ma per ora non si registra un aumento della fila agli sportelli: che in media cambiano lire per 2 mila euro al giorno in ciascuna tesoreria (sono 55 in tutta Italia). Con questo ritmo, si arriverebbe a convertire ulteriori lire per poco più di 10 milioni di euro, di qui al 28 febbraio dell'anno prossimo: dunque il tesoretto della lira resterebbe sostanzialmente intatto. Ma a chi andrebbe a finire l'eredità, sporca e pulita, della moneta defunta?

di Roberta Carlini

l'Espresso (04 ottobre 2011)

Ultima modifica Martedì 30 Novembre 1999 01:00

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news