Sabato,03Dicembre2016
Sabato 26 Novembre 2011 21:16

Betlemme (Jens Johannes Jorgensen)

Valuta questo articolo
(0 voti)
Betlemme (Jens Johannes Jorgensen)

Jorgensen è stato uno scrittore e poeta danese. Nel 1896, in seguito a un viaggio in Germania e in Italia (ad Assisi, dove è poi vissuto, con intervalli, dal 1913 al 1953) si convertì al cattolicesimo. Le sue raccolte di poesie e di prose poetiche rappresentano un tentativo d'interpretare storia e natura come messaggio divino.

O Betlemme, città del Natale,
dunque è ritornato il tempo
in cui devi tu rallegrare il nuovo
il mondo, il mondo universo.
Quei che credono e quei che non vogliono
battere la via angusta della croce,
si trovano insieme, comunque, a Betlemme.

Ahi, forse il Verbo di Verità è per certuni
soltanto una bella, una vecchia leggenda!
Eppure quella prima notte, quel primo Natale
negli anni remoti di Erode,
torna a loro nella mente ogni anno,
quando le campane suonano per Natale,
e debbono anche loro guardare indietro, nei secoli.

Ancorché pene e fatiche e vanità e bugie
riempiano l'andar lento dei giorni
vien pure alla fine una notte santa,
una notte che sorge in un altro mondo;
e quando l'anno declina tardo,
giunge come la neve di Dio,
una neve di pace sulla terra.

O neve natalizia di Betlemme,
cadi soavemente in morbide falde,
e semina il grano che deve germinare
nei campi dell'eternità.
Fà cadere in silenzio candidi semi
nei cuori oscuri e freddi,
intirizziti dal freddo della notte.

O Bambino Gesù, sulla paglia del presepio
fà tacere le voci del mondo.
Non c'è luogo nel mondo
dove abiterei più contento:
portami via dai rischi e dalle cadute,
dammi casa a Betlemme,
presso di te, santa Maria.

Jens Johannes Jorgensen

(tratto da Mater Dei, a cura di Giuseppe De Luca, Roma 1972)

 

Ultima modifica Giovedì 25 Dicembre 2014 10:08
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input