Venerdì,30Gennaio2015
Venerdì 23 Dicembre 2011 18:05

Il mistero del natale vissuto nella vita di ogni giorno (Gianfranco Venturi)

Valuta questo articolo
(3 voti)
Il mistero del natale vissuto nella vita di ogni giorno (Gianfranco Venturi)

Nel natale di Gesù nasce l'Uomo nuovo e in lui noi incontriamo Dio. Chiunque lo accoglie rinasce come uomo nuovo.

Giovanni nel prologo al suo vangelo e nella sua prima lettera annuncia il nostro divenire figli di Dio per la fede in Cristo:

Quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dìo, e lo siamo realmente! (...) Carissimi, noi fin d'ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato. Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è (1 Gv 3,1-3).

Celebrare l'eucaristia in questo periodo di natale, significa entrare in un nuovo stile di vita, vale a dire la vita dei figli di Dio:
- comportarsi come lui: «Chi dice di dimorare in Cristo, deve comportarsi come lui si è comportato» (1,6);
- rompere con il peccato: «Chiunque ha questa speranza in lui, purifica se stesso, come egli è puro» (3,3);
- praticare la giustizia: «Da questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chi non pratica la giustizia non è da Dio, né lo è chi non ama il suo fratello» (3,10);
-  osservare i comandamenti, soprattutto quello dell'amore: «Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma coi fatti e nella verità. Da questo conosceremo che siamo nati dalla verità e davanti a lui rassicureremo il nostro cuore qualunque cosa esso ci rimproveri (...). Questo è il suo comandamento: che crediamo nel nome del Figlio suo Gesù Cristo e ci amiamo gli uni gli altri, secondo il precetto che ci ha dato. Chi osserva i suoi comandamenti dimora in Dio ed egli in lui. E da questo conosciamo che dimora in noi: dallo Spirito che ci ha dato» (3,18-20.23-24).
L'apparizione della «grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini, ci insegna a rinnegare l'empietà e i desideri mondani e a vivere con sobrietà, giustizia e pietà in questo mondo, nell'attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo» (Tt 2,11-13: seconda lettura della messa nella notte).
Per vivere il natale bisogna come Maria concepire e generare Cristo nel proprio cuore: «Che giova a me», dice Origene, «che il Verbo sia disceso in questo mondo se non nasce in me?».
Ogni giorno il Cristo nasce in chi lo accoglie con l'ascolto e l'obbedienza; perciò la liturgia prega così:

O Dio, che hai scelto il grembo purissimo di Maria per rivestire di carne mortale il Verbo della vita, concedi anche a noi di generarlo con l'ascolto della tua Parola, nell'obbedienza della fede.

In questo modo il natale non è più legato a un giorno, e l'intera storia dell'uomo diventa un tempo di gestazione che culmina con la nascita del Cristo totale.

Gianfranco Venturi

(tratto da [a cura di] G. Zevini e P. G. Cabra, Lectio divina per ogni giorno dell'anno, vol. 2, Brescia 1999, pp. 15-16)

 

Ultima modifica Giovedì 25 Dicembre 2014 10:07
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input