Domenica, 18 Febbraio 2018
Domenica 28 Gennaio 2018 15:05

Mi chiedono che cosa si debba fare per non perdere la speranza… (Faustino Ferrari)

Valuta questo articolo
(0 voti)

Mi chiedono che cosa si debba fare per non perdere la speranza… Una domanda di quelle toste. Ove il rischio che si corre è il farci una bella lezione – per gli altri, naturalmente.

In passato mi sono chiesto se parlare di speranza non sia un lusso – per quanti possono permetterselo. Magari, argomento di una discussione da fare standosene seduti accanto al caminetto acceso, mentre si sorseggia un buon bicchiere di vino – tra amici. Ragionamenti per coloro che, tutto sommato, possono disquisire con noncuranza e leggerezza, in quanto non soggiornano sotto i graffi della disperazione.

Ma, vedi, ora che fa freddo (la notte il termometro scende di qualche grado sotto lo zero), la speranza – per chi è appena stato qui a prendere qualcosa da mangiare o a chiedere una coperta – è di trovare un posto dove poter passare questa notte. E se questo posto fosse al caldo – beh, cos’altro ci si può aspettare di più dalla vita?

La speranza, come diceva un poeta, è una bambina piccola e ben fragile. Basta poco per vederne le lacrime. Ma nei nostri giorni d’orgoglio ed ignoranza allestiamo innumerevoli imboscate a questa  speranza-bambina. È un diamante che s’incrina nel silenzio delle tante nostre indifferenze – vestite con le vuote parole del decoro, della tradizione o della decenza. Nella noia che ci avvolge, trascinandoci in esistenze ove non s’attende più nulla – ripiegati sui nostri ombelichi – mentre il mondo dei desideri si è sciolto nell’istante, nell’imperante soddisfacimento del piacere.

In diversi, in questi decenni, hanno vestito la speranza con i nomi più diversi. Ora era Nicaragua e Cuba ed il Chiapas. Ora era Sandino o Thomas Sankara o Pepe Mujica ed il comandante Zero. Per qualcuno è stato Mao e Ho Ci Minh – la rivoluzione culturale o qualche altra rivoluzione. Garofani, gelsomini, cedri… e qualche altra primavera – a Praga o in una piazza araba.

Speranze, spesso, volte in polvere o finite tragicamente o dimenticate – annacquate. Sostituite, forzatamente, dal nome di altre, nuove speranze. In un gioco che sembra non abbia mai fine. Sulle strade del mondo resta una lunga scia di delusioni. A volte, i bordi di queste strade sono sommersi dai cadaveri degli ammazzati. Fosse nutrite dalle mille maschere dell’illusione.

Mi dicono: “Abbiamo sperato, ma…”. Abbiamo sperato? O eravamo alla ricerca, unicamente, di certezze? Una conferma per noi stessi, da rinvenire tra i mille dubbi e le nostre insicurezze? O abbiamo rincorso nel vento le maschere delle nostre illusioni?

Mi chiedono se sia sufficiente pregare – per mantenere viva la speranza… Non so disquisire – neppure su questo genere d’argomenti. Ricordo un film di diversi anni fa. Parlava di lotte e di un prete che prendeva coscienza – Non basta più pregare. Basta cambiare le strutture – per cambiare le persone… Poi ci si accorge che quanto affermato non è così veritiero. Si cambia – a volte –, e spesso è in peggio. Resta l’abisso che è in noi – il nostro lato oscuro – che esplode, dilaniando chi ci sta intorno.

Dice il poeta: la speranza sorprende – soprattutto nei bambini. E qui, a Natale, abbiamo la sorpresa di un Bambino. È piccolo – è fragile. È indifeso. E presto ci sarà un qualche Erode che ne vorrà la morte – ed anche Lui conoscerà la fuga su strade straniere. Ma è una speranza di pace e di cambiamento che si rinnova. Per chi ha orecchie per ascoltare. Per chi ha un cuore che si lascia amare – lasciandosi così cambiare nel cuore.

Faustino Ferrari

 

Ultima modifica Domenica 28 Gennaio 2018 15:16
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news