Martedì,06Dicembre2016
Sabato 26 Giugno 2004 10:31

Introduzione alla spiritualità marista (P. Franco Gioannetti) Quarta Parte

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Spiritualità Marista

   

di Padre Franco Gioannetti


Quarta parte

Parliamo qui concretamente di un determinato valore dell’esistenza che deve caratterizzare la forma di vita dei maristi.
Un loro modo caratteristico e proprio di imitare la santità inesauribile del Signore Gesù.


Infatti secondo la grazia data a ciascuno si manifesta la santità di Cristo nell’edificazione del Corpo di Lui.


"Ignoti e come nascosti" inviano perciò la nostra vita, la nostra spiritualità all’ideale di "vita nascosta" che si ricollega con lo stato di abbassamento (Kenosis) di Gesù nella sua Incarnazione e nella sua vita di Nazareth. Secondo il p. Colin chi accetta la spiritualità marista deve vivere in funzione di Cristo, il cui "abbassamento" si è manifestato a Betlemme, a Nazareth, al Calvario.


Come Gesù si è "abbassato", prendendo forma di servo, così chi aderisce alla spiritualità marista deve rinunciare a qualsiasi potere, ad ogni forma di autoritarismo, ad ogni forma di autosufficienza per darsi a Gesù. Questi sarà la vita del cristiano, del marista, a condizione che questo si spogli di tutto ciò che non è Gesù per "rivestirsi" di Lui e per lasciar agire Lui.


La vita "ignota e come nascosta" del cristiano-marista, che si spoglia di tutto per darsi a Gesù, è dunque il modo di imitare, nell’interiorità e nello stile di vita, le disposizioni di Cristo nei suoi "anni oscuri", nozione descritta da Paolo, quando dice nella lettera ai Colossesi "La vostra vita è nascosta con Cristo in Dio".

Ultima modifica Giovedì 15 Luglio 2004 01:01