Lunedì,05Dicembre2016
Giovedì 11 Novembre 2004 22:53

Educare all'amore: III°parte (Marinella ed Enrico Gualchi)

Valuta questo articolo
(0 voti)
 

EDUCARE ALL’AMORE

Terza parte

(Educare...)...all'amore

Passo dopo passo dalla parola educare siamo giunti alla parola amore.

Noi speriamo che tutti i nostri lettori abbiano fatto, sebbene in modi diversi, l’esperienza di amare, e da quell'esperienza, se si tratta di amore autentico cioè di volere (il) bene ricordino che quando si ama davvero si desidera che l'amato sia sempre al meglio di sé, che esprima i suoi lati migliori, che sia in armonia con se stesso, con noi, con tutto il mondo. Per aiutare l'altro, cioè per educarlo, per farlo crescere forte, equilibrato e sicuro cerchiamo di dissipare i suoi pensieri negativi, gli sottolineiamo tutto ciò che di bello e di costruttivo c'è in lui: non diamo troppo peso ai suoi limiti che conosciamo certamente e non nascondiamo ad entrambi, ma che l'amore e il desiderio di star bene insieme ci fanno apparire meno pesanti!

L'azione educativa si dipana così in un rapporto di fiducia, di arricchimento reciproco, di serenità che pone la persona in uno stato di migliore ricettività dove ogni seme di educazione e di crescita interiore troverà buon terreno per portare molto frutto. Se per nostra fortuna abbiamo l'esperienza dì essere amati o di essere stati amati sappiamo bene quanto ci ha donato in fiducia e sicurezza la presenza di chi ci ama. Chiediamoci quale risultato hanno dato le parole lette sull'amore, parole detteci sull'amore, parole insegnateci sull'amore e d’altro canto quale effetto hanno prodotto in noi molti gesti autentici di amore! Oggi notiamo come sempre più le figure di forte ed autentica testimonianza lascino segni profondi nell'opinione pubblica e siano oggetto di rispetto e di considerazione. Spesso il loro messaggio non è stato trasmesso a parole, ma la testimonianza concreta della loro vita spesa nell’amore rispettoso del prossimo ha potuto più di molte teorie educative. Ecco perché sentiamo serenamente di poter affermare alla luce della nostra modesta esperienza che educare all’amore consiste prima di tutto amare autenticamente perché chi è amato sperimenta e apprende l’amore e a sua volta amerà con suoi carismi ed i suoi modi.

MARINELLA ed ENRICO GUALCHI

Segretari diocesani C.P.M.- Torino

(da Famiglia domani 2/99)

Ultima modifica Giovedì 30 Dicembre 2004 20:54