Martedì, 17 Ottobre 2017
Giovedì 18 Novembre 2004 14:03

Un amore adulto (Prof. Maurizio Andolfi)

Valuta questo articolo
(2 voti)
 

Un amore adulto

Sogno e realtà, dipendenza ed autonomia, intimità ed apertura agli altri, aspetti da integrare per passare da un amore infantile ad un amore adulto.

= Sognare a occhi aperti è un'attività esclusiva dell'adolescenza o può esistere anche in età adulta? = Un amore può essere romantico e rimanere tale quando si supera la fase dell'innamoramento e si costruisce una relazione stabile e duratura nel tempo? = Un amore adulto esclude o include relazione e apertura agli altri?

Non è facile rispondere a questi quesiti, anche perché non esiste una ricetta universale. Tuttavia quello che frequentemente constatiamo nell'ascoltare coppie che hanno vissuto a lungo insieme è che al sognare a occhi aperti e ai gesti romantici si sono via via venuti a sostituire l'abitudine e la noia. Su tratta allora di un destino inevitabile legato all'usura della coppia, oppure il tempo non ha permesso il passaggio da una forma ideale, fusionale, adolescenziale di un amore a una forma di intimità vera? Quest'ultima però sembra realizzabile soprattutto se il rapporto riuscirà ad alimentarsi con ingredienti speciali come la creatività, l'inventiva, la condivisione dei progetti comuni (figli, lavoro, tempo libero, ecc.) che finiscono per dare il sentimento dell'essere sempre in due nelle diverse esperienze di vita.

Spesso si sottovaluta anche l'importanza delle cosiddette situazioni negative che si presentano nella storia dello sviluppo di una coppia. Di fatti non è sempre attraverso situazioni piacevoli (viaggi, vacanze, feste, ecc.), pur se necessarie, ma è soprattutto la condivisione di momenti difficili (come malattie, perdite, lutti, difficoltà economiche, ecc.) che cementa l'intimità di una coppia.

Maurizio Andolfi

Ultima modifica Lunedì 24 Gennaio 2005 17:44

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito