Mercoledì, 23 Agosto 2017
Giovedì 18 Novembre 2004 13:51

Il linguaggio dell'amore: il contatto fisico - comprensione dei bisogni - saper vedere insieme (Prof. Maurizio Andolfi)

Valuta questo articolo
(0 voti)
 

Il linguaggio dell'amore: il contatto fisico - comprensione dei bisogni - saper vedere insieme

La coppia è senza dubbio l’area più fondamentale e nevralgica dell’intera costruzione familiare, perché è in essa che si concentrano responsabilità affettive, collusioni intergenerazionali e processi parziali o incompleti di separazione dalle rispettive famiglie di origine.

Per raggiungere una posizione armonica di coppia è quindi necessario riuscire a tutelare l’area dell’intimità a due da "invasioni intergenerazionali" provenienti sia dal piano dei genitori e della famiglia estesa in senso lato che da quello dei figli. Allo stesso tempo ci sembra necessario che ciascun partner della coppia sia in grado di condividere e di sentire i bisogni affettivi dell'altro senza rinunciare all'espressione dei propri; se si riesce a conservare un buon livello di reciprocità relazionale sarà possibile mantenere integra la propria identità di genere senza sopraffare o prevaricare l'altro, e questo sarà il linguaggio più autentico dell’amore maturo.

Il maschile e il femminile sono proprietà di genere che ciascun individuo esprime con modalità e tempi differenti a seconda dell’età, della cultura, del contesto sociale, politico e religioso di appartenenza. Sarà pertanto necessario osservare e comprendere quelle regole di relazione e quei segnali emozionali che potremmo chiamare 'universali', distinguendoli da quelle regole di rapporto specifiche e peculiari di una particolare cultura. Sarà pertanto importante apprendere il linguaggio non verbale degli occhi, del corpo, dei gesti ed attraverso di esso sentire come in famiglie e culture diverse viene rappresentato l’essere uomo e l’essere donna.

Al giorno d’oggi i tempi di stanchezza di una coppia sono molto accelerati, come se quella passione che in genere scatta nella costruzione di un rapporto sentimentale sia frenata da tanti ostacoli, alcuni interni al rapporto stesso, altri che vengono più dal mondo esterno. Tra i primi ci sembra che uno sia legato alla competizione che spesso serpeggia tra due adulti coetanei, che mina la maturazione di quell’intesa profonda e di quel senso di complicità che sono ingredienti fondamentali per una vera intimità. Il problema è sentirsi capaci di prendere e dare nel rapporto sentimentale a livello profondo, aiutarsi a entrare in un rapporto più autentico basato sulla collaborazione e sulla accettazione l’uno dell’altra. Per quanto riguarda gli ostacoli esterni è fuor di dubbio che è difficile ricercare rapporti profondi e sinceri, che richiedono un rischio personale, in una società che premia sempre di più l’immagine, la prestazione di successo e le relazioni ‘usa e getta’.

Prof. Maurizio Andolfi


Vedi anche:  la rassicurazione - i momenti speciali - la collaborazione

Ultima modifica Sabato 15 Gennaio 2005 11:15

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito