Lunedì, 11 Dicembre 2017
Martedì 25 Giugno 2013 11:54

Migliaia di copti hanno lasciato l'Egitto per la Georgia

Valuta questo articolo
(3 voti)

I copti si considerano cristiani ortodossi, ma non lo sono per i leader della Chiesa ortodossa georgiana. Ci sono differenze teologiche tra le due Chiese.

I copti d'Egitto, una delle più antiche comunità cristiane del mondo, si trovano ad affrontare una crescente pressione dopo la caduta del presidente Hosni Mubarak nel 2011 e l'avvento al potere dei Fratelli Musulmani. Molti lasciano il loro paese, e alcuni di loro emigrarono in Georgia, nel Caucaso meridionale.
I copti che si sono installati in Georgia dicono d’esserci venuti perché si tratta di un vecchio paese ortodosso: il cristianesimo qui si è stabilito nel quarto secolo. La Georgia è anche relativamente vicina: la capitale Tbilisi è a due ore e mezza di volo dal Cairo. Infine, la legislazione georgiana è piuttosto flessibile in materia di visti e di commercio.
2500 copti egiziani si trovano ora in Georgia, hanno detto le autorità. La maggior parte è arrivata nel 2013 e vive nella capitale Tbilisi; centinaia di loro si trovano nella città di Kutaisi, che ospita il Parlamento della Georgia, a circa 200 km ad ovest della capitale. I copti si riuniscono in una chiesa cattolica che è messa a loro disposizione, nel centro di Tbilisi, ogni mercoledì mattina: centinaia di persone partecipano alla messa che dura due ore e mezza.
Altri copti potrebbero stabilirsi in Georgia, a seguito di padre Johan, un prete del monastero di S. Antonio, venuto dall’Egitto nel mese di maggio. Egli spiega che è stato acquistato un terreno nella periferia di Tbilisi, per costruirvi una chiesa copta ortodossa.

Differenze teologiche

Ma le cose non sono così semplici. I copti si considerano cristiani ortodossi, ma non lo sono per i leader della Chiesa ortodossa georgiana. Ci sono differenze teologiche tra le due Chiese, dice padre Iakob Tchitchilidze, docente all’Accademia religiosa della Chiesa ortodossa georgiana. «Ecco perché non possono nemmeno pregare nelle nostre chiese» dice, aggiungendo che la sua chiesa ha «nulla contro» i copti stessi.
I copti, tuttavia, hanno chiesto al Patriarca della Chiesa georgiana, Elia II, di benedire la loro futura chiesa, afferma padre Johan. Secondo lui, il Papa copto Tawadros II potrebbe andare a Tbilisi per discutere dell'inaugurazione della chiesa con il patriarca Elia II.
La Georgia potrebbe anche rivedere la propria politica dei visti. Non ci sono quote a seconda dei paesi, ma «noi siamo più propensi a negare i visti a persone provenienti da taluni paesi» ammettono le autorità georgiane. Il Ministero dell'Interno, che decide sulle richieste dei visti a lungo termine, ha introdotto criteri più rigorosi.
Dall'inizio dell'anno la Georgia ha assegnato più di 1740 i visti per i cittadini egiziani, più di sette volte del 2012, con 222 visti. Inoltre sono stati dati circa 280 permessi di soggiorno a tempo indeterminato, 740 egiziani ne possiedono già uno. Ma i rifiuti sono aumentati: quest'anno sono stati negati 290 visti e 300 permessi di soggiorno.
Alcuni copti sono già alla ricerca di un altro paese d’accoglienza. Molti commercianti si lamentano della dimensione del mercato georgiano: la popolazione georgiana, con circa 4,6 milioni di persone, è poco più grande di quella di Alessandria, la seconda città più grande d'Egitto. Ma il reddito pro capite annuo, in Georgia ed in Egitto, è simile.
I copti dicono di apprezzare la facilità con cui si può avviare un’attività in Georgia e l'assenza di corruzione, ma la maggior parte afferma di lottare per guadagnarsi da vivere. «Molti, dopo aver speso i propri risparmi qui, sono costretti a tornare in Egitto», ha spiegato ad Eurasianet un giovane del Cairo che ha aperto una società di noleggio auto a Tbilisi.
Altri sono disposti a rimanere in Georgia, nonostante le difficoltà. «Siamo di fronte a molti problemi qui, ma è un paese cristiano ed io spero che ci sarà sempre il benvenuto», ha detto Samuel, che gestisce una società di telecomunicazioni nella zona di Alessandria.

La rédaction Fait religieux.com

(traduzione dal francese a cura di Fausto Ferrari)

(tratto da http://www.fait-religieux.com)

 

Ultima modifica Martedì 25 Giugno 2013 12:13
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news