Giovedì, 21 Novembre 2019
Visualizza articoli per tag: Corso Biblico
Domenica 12 Febbraio 2017 19:37

5 - Esilio e ricostruzione - Seconda Parte

dal Corso Biblico del Prof Dario Vota


III. LA RICOSTRUZIONE DI UNA NUOVA COMUNITA' GIUDAICA

Pubblicato in Corso Biblico
Domenica 22 Settembre 2019 10:08

La trasmissione del testo del N. T.

Premessa

Nessun testo antico ci è pervenuto nell'originale, ma tutti attraverso copie e copie di copie. Ma i libri del NT furono copiati molto di più di qualsiasi altro testo antico, e questo significa che il numero dei "testimoni" è molto grande (e si è arricchito anche di recente grazie a nuove ricerche): oggi sono circa 5.700.

Lo studio scientifico "di questi ''testimoni", condotto secondo le metodologie della cosiddetta critica testuale, è la strada attraverso la quale si può ricostruire il testo degli scritti del NT il più vicino possibile all'originale.

Conoscere questo lavoro ci ricostruzione criticità del testo è importante per chi vuole affrontare il NT in modo maturo e scientifico (cioè basato sulle acquisizioni della ricerca scientifica, che, in quanto ricerca disinteressata, è al servizio della verità e non è certo in contrasto con la fede): è importante accertare l'affidabilità del testo che abbiamo davanti, attraverso lo studio di come esso è arrivato a noi e dei problemi che può presentare. Non è un argomento che impegna un'adesione di fede, ma è un supporto utile a confrontarsi con il testo del NT in modo maturo.

 

INDICE:


 

Pubblicato in Corso Biblico
Domenica 22 Settembre 2019 11:23

I "TESTIMONI" DEL TESTO: SUPPORTI E SCRITTURA

All'Inizio la "pubblicazione" dei testi,

Pubblicato in Corso Biblico
Mercoledì 30 Ottobre 2019 10:05

Bibbia: "I TESTIMONI" PIÙ ANTICHI


PAPIRI

I reperti scritti più antichi del NT gggi noti sono frammenti di papiri, a volte anche molto piccoli, contenenti poche lettere spesso danneggiate. Sono stati ritrovati tutti in Palestina o in Egitto, luoghi caratterizzati da un clima molto secco, ideale per la conservazione dei papiri anche dopo duemila anni. Inoltre sono tutti scritti in greco, la lingua "ufficiale" del Nuovo Testamento.

Pubblicato in Commento ai Vangeli

 

Anno C

Omelia di Don Paolo Scquizzato,

Pagina 3 di 4