Domenica, 19 Novembre 2017
Giovedì 28 Settembre 2017 18:41

XXVI Domenica del Tempo Ordinario – Domenica 1 Ottobre 2017

Valuta questo articolo
(0 voti)

Prima lettura: Ez 18,25-28

Così dice il Signore:

«Voi dite: "Non è retto il modo di agire del Signore". Ascolta dunque, casa d'Israele: Non è retta la mia condotta o piuttosto non è retta la vostra?

Se il giusto si allontana dalla giustizia e commette il male e a causa di questo muore, egli muore appunto per il male che ha commesso.

E se il malvagio si converte dalla sua malvagità che ha commesso e compie ciò che è retto e giusto, egli fa vivere se stesso. Ha riflettuto, si è allontanato da tutte le colpe commesse: egli certo vivrà e non morirà».

 

Parola di Dio



Salmo: 24


Rit. Il Signore è vicino a chi lo invoca.

Fammi conoscere, Signore, le tue vie,

insegnami i tuoi sentieri.

Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,

perché sei tu il Dio della mia salvezza;

io spero in te tutto il giorno Rit.

Ricòrdati, Signore, della tua misericordia

e del tuo amore, che è da sempre.

I peccati della mia giovinezza

e le mie ribellioni, non li ricordare:

ricòrdati di me nella tua misericordia,

per la tua bontà, Signore. Rit.

Buono e retto è il Signore,

indica ai peccatori la via giusta;

guida i poveri secondo giustizia,

insegna ai poveri la sua via. Rit.


Alleluia, Alleluia, Alleluia.



Seconda lettura: Fil 2,1-11


Fratelli, se c'è qualche consolazione in Cristo, se c'è qualche conforto, frutto della carità, se c'è qualche comunione di spirito, se ci sono sentimenti di amore e di compassione, rendete piena la mia gioia con un medesimo sentire e con la stessa carità, rimanendo unanimi e concordi.

Non fate nulla per rivalità o vanagloria, ma ciascuno di voi, con tutta umiltà, consideri gli altri superiori a se stesso. Ciascuno non cerchi l'interesse proprio, ma anche quello degli altri.

Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù:

egli, pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l'essere come Dio,

ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini.

Dall'aspetto riconosciuto come uomo, umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce.

Per questo Dio lo esaltò e gli donò il nome che è al di sopra di ogni nome, perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra, e ogni lingua proclami:

«Gesù Cristo è Signore!»,

a gloria di Dio Padre.

 

Parola di Dio



Canto al Vangelo (Gv 10,27)


Alleluia, alleluia.

Le mie pecore ascoltano la mia voce, dice il Signore,

e io le conosco ed esse mi seguono.

Alleluia



Vangelo: Mt 21,28-32


In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: "Figlio, oggi va' a lavorare nella vigna". Ed egli rispose: "Non ne ho voglia". Ma poi si pentì e vi andò. Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: "Sì, signore". Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo».

E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli».

Parola del Signore



OMELIA


Non è difficile riscontrare in me, il figlio che vive d'apparenza, quello che dice sempre sì, ma non fa la volontà del padre (v. 31). Per il fatto di appartenere alla 'squadra' di Cristo, ritengo di potermi dire discepolo facendo la volontà di Dio. Ma Gesù ha detto: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli» (Mt 7, 21).

Ma poi riscontro anche in me, l'altro figlio della parabola, quello che dice no, quello che spesso fa fatica a vivere con suo Padre, che si allontana spesso dalla sua casa. Quello che fa esperienza della propria debolezza, che vorrebbe ma non ce la fa, quello che si ferisce attraversando il proprio peccato. Quello che si ritrova sempre al punto di partenza. Ebbene, il Vangelo di oggi mi ricorda che proprio questo figlio, questa povera parte di me, infangata sino al collo, ha compiuto la volontà del Padre. Infatti stando al Vangelo, comprendo che la 'volontà di Dio' consiste nell'accettare, accogliere e fare esperienza dell'amore gratuito e immeritato di Dio per me.  Perché compiere la volontà di Dio non è fare qualcosa per lui, obbedire a una sua norma, o moltiplicare atti religiosi, ma permettere che lui compia in me la sua opera, che si manifesti in me ciò che lui è. Fare esperienza dell'amore del Padre, della sua misericordia, in una parola sentirmi figlio amato.

Il figlio che compie la volontà del Padre, è il figlio 'sbagliato', ingiusto e malato, perché solo così ha potuto finalmente sperimentare in cosa consiste l'essenza del Padre: nell'Amore e nel perdono.

«Pubblicani e prostitute vi passeranno avanti nel regno di Dio» (v. 31). Loro non si possono ingannare. Se lo ricordano bene ogni istante 'di che pasta son fatti', o comunque ci sarà sempre chi glielo ricorderà. Dinanzi a Dio non hanno meriti da vantare. Essi sono nella condizione per sperimentare che la Misericordia attrae a sé, come una calamita, la miseria.

Il Vangelo di oggi ci ricorda che vero cieco è chi crede di vedere, vero peccatore chi si crede giusto.

Tra i tanti figli che fanno la volontà del Padre nel Vangelo, uno risplende in modo particolare: si tratta del 'buon ladrone' sulla croce a fianco di Gesù sul Calvario. Se ora si trova su quel patibolo infame c'è da credere che abbia passato la vita a dir di no al suo Dio, attraverso una vita non certamente esemplare, ma ora viene presentato come colui che fa la volontà del Padre, in quanto apertosi al dono di quell'Amore che per donargli il paradiso è salito fin lassù al suo fianco.

«Avrò anche detto di no a te mio Signore per tutta la vita, per la mia fragilità, il mio egoismo, il mio peccato, ma so anche Signore che tu sei l'amore che desidera solo che io mi apra a te per riceverti. Per questo adesso ricordati di me».

«Oggi tu hai fatto la volontà del Padre mio, che vuole solo che tu sia con me, ora, in paradiso».

Olivier Clément, grande teologo ortodosso ebbe a dire: «Mi sono convinto, con Dostoevskij, che il «protagonista» del cristianesimo non è l'uomo morale e virtuoso, ma il pubblicano, il ladrone e la prostituta che volgono il cuore al Signore, poiché il santo altri non è che il peccatore che si apre al suo Amore».

 

 

CAMMINO DELLA SETTIMANA

Due spunti su cui meditare, a Voi cercarne altri:

• Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti

•Il figlio che compie la volontà del Padre, è il figlio 'sbagliato', ingiusto e malato,

 

Buon cammino!


Se hai bisogno di una scheda per guidare la "Liturgia della Parola" sulle letture di questa domenica la troverai qui:

"Una guida sintetica per condurre la Liturgia della Parola"

 

 

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

Ultima modifica Venerdì 06 Ottobre 2017 19:52
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news