Lunedì, 19 Novembre 2018
Sabato 20 Ottobre 2018 09:51

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Domenica 21 Ottobre 2018 -

Valuta questo articolo
(0 voti)

Anno B

- don Paolo Squizzato

Prima lettura: (Is 53,10-11)

Al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori.
Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione,
vedrà una discendenza, vivrà a lungo,
si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.
Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce
e si sazierà della sua conoscenza;
il giusto mio servo giustificherà molti,
egli si addosserà le loro iniquità.

Parola di Dio


Salmo: 32

Rit. Donaci, Signore, il tuo amore: in te speriamo.

Retta è la parola del Signore
e fedele ogni sua opera.
Egli ama la giustizia e il diritto;
dell’amore del Signore è piena la terra. Rit.

Ecco, l’occhio del Signore è su chi lo teme,
su chi spera nel suo amore,
per liberarlo dalla morte
e nutrirlo in tempo di fame. Rit.

L’anima nostra attende il Signore:
egli è nostro aiuto e nostro scudo.
Su di noi sia il tuo amore, Signore,
come da te noi speriamo. Rit.

Seconda lettura: (Eb 4,14-16)

Fratelli, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, che è passato attraverso i cieli, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della fede.
Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato.
Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mc 10,45)

Alleluia, alleluia.

Il figlio dell’uomo è venuto per servire

e dare la propria vita in riscatto per molti

Alleluia

Vangelo: (Mc 10,35-45)

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra».
Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Omelia

«Cosa volete che io faccia per voi?» (v. 36), chiede Gesù ai suoi discepoli.

Vogliamo la gloria, rispondono loro. Vogliamo sedere a destra e sinistra del tuo trono quando instaurerai il tuo regno (v. 37).

Nutriamo ‘sogni di gloria’ noi esseri umani, assetati come siamo di potere, di averi e di successo.

Il vangelo narra in cosa consiste la vera gloria invece, quella che si contrappone alla vana-gloria: dare la vita per il bene dell’altro. Gesù infatti rivelerà la sua gloria proprio sulla croce, conseguenza ultima dell’amore di Dio per l’umanità. Un patibolo infame sarà il suo trono regale e i due scanni così agognati dai due discepoli, verranno occupati dai due delinquenti crocifissi con lui.

«Cosa volete che io faccia per voi?». Bellissimo! Il desiderio di Gesù, il sogno di Dio, è poter fare qualcosa per noi. Peccato che non sappiamo cosa chiediamo (v. 38).

Dio vorrebbe darci la vita, farci capaci di servire la vita; noi gli chiediamo la capacità di distruggercela, rovinando la nostra e quella degli altri.

Abbiamo tutti bisogno di conversione, ovvero che ci accada un cambiamento di mentalità; comprendere finalmente ciò che sarebbe in grado di renderci veramente grandi, per non cadere nella trappola di pensare che la gloria consista nel comandare, tiranneggiare, avere gli altri sotto di sé; che la realizzazione sia un distinguersi, essere fuori dal gregge ponendosi sopra gli altri, imitando così il mondo.

«Tra voi però non è così» (v. 43), dice Gesù; tra voi deve vigere un altro stile di vita. Appartenete ad un altro regno, dove a capo non troneggia un despota assoluto, ma un Padre che ama tutti i suoi figli. Un mondo dove chi è più grande si fa servo.

Capovolgimento da vertigine: più servi più sei grande. Più sei grande più ti metti a servizio.

Nell’originale greco viene usato il termine schiavo, non servo: il servo è quello che “lavora” per l’altro; lo schiavo “appartiene” all’altro. L’amore è appartenenza al cuore dell’altro, non vita da mestierante.

Dare la vita significa sia morire che dare alla luce, far nascere. E l’amore consiste proprio in questo: essere disposti a morire perché l’altro possa cominciare a vivere.

CAMMINO DELLA SETTIMANA

Due spunti su cui meditare, a Voi cercarne altri:

  • chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore”

  • . più servi più sei grande. Più sei grande più ti metti a servizio.

Buon cammino!

 

Se hai bisogno di una scheda per guidare la "Liturgia della Parola", sulle letture di questa domenica, la troverai qui:

"Una guida sintetica per condurre la Liturgia della Parola"

Clicca qui per andare all'INDICE di questo TEMA: "Commento ai Vangeli della domenica"

 

 

 

 

Ultima modifica Sabato 20 Ottobre 2018 10:11
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini