Lunedì, 24 Febbraio 2020
Visualizza articoli per tag: Mondo Oggi

I

IL CONVEGNO DI VERONA

Un grande “campo-scuola”senza voti e senza giovani

In giro per Verona li riconosci dal cordoncino blu e arancione che regge il cartellino. I delegati al convegno ecclesiale - preti, religiosi, laici - non trascurano le bellezze della città. Anche se per poco tempo, lasciano i freddi ma funzionali spazi della Fiera e girano per piazza Bra e Castelvecchio. La mostra del Mantegna e la basilica di san Zeno.

Non sono però disinteressati a ciò che succede nelle aule di lavoro: molti di loro, in percorsi associativi, di movimento o parrocchiali, si sono preparati all’appuntamento già da tempo. Hanno partecipato ai cinque eventi nazionali che hanno preceduto i giorni di Verona, si sono confrontati in diocesi, hanno studiato la traccia introduttiva. Adesso ascoltano relazioni e omelie e si entusiasmano per l’intervento di Savino Pezzotta; poi, quando tocca a loro prendere la parola, dicono senza problemi quello che pensano, non lesinando le critiche. E chiedendo, come fanno quelli di Milano, che i lavori preparatori delle diocesi non finiscano archiviati, ma vengano tenuti in conto.

Il volto della Chiesa italiana, a giudicare dai numeri, dalla prevalenza di teste bianche e di colori scuri, appare forse un po’ vecchio e stanco. E con qualche timore nei confronti del laicato. Si è parlato molto della responsabilità dei laici e del loro protagonismo, ma poi poco meno di metà dei delegati, 1.252 su 2.700, sono laici. «Questo non rispetta la composizione della Chiesa popolo di Dio, dove i fedeli laici sono la maggioranza», sorride una delegata. E, per bilanciare un po’ la composizione dell’assemblea,

la Cei ha dovuto aggiungere una delegazione ad hoc di 40 giovani.

Un terzo delle ore di lavoro è dedicato ai trenta gruppi di studio, sei per ognuno dei cinque ambiti. «E’ qui che si vive maggiormente l’esperienza di Chiesa come popolo: seduti fianco a fianco, vescovi e laici, in fila per il proprio intervento, a confrontarsi», dice Ivan. Il problema. aggiunge Piergiorgio, è tradurre questo stile nella quotidianità. E «capire qui, e in generale nella Chiesa, qual è la natura della discussione: confronto su qualcosa di già dato dall’alto o spazio di discernimento comunitario per elaborare proposte nuove?». È nei gruppi di studio che quella che sembra un’assemblea compatta negli umori, mostra le differenze dei cammini formativi e delle varie sensibilità .

Diversamente dall’assemblea di Palermo qui non si vota, e quindi non si “corre il rischio” che qualche ambito bocci la sintesi dei lavori. D’altra parte c’è chi giura che in questi anni non c’è mai stata la tentazione di ridurre la pluralità delle espressioni, ma solo la volontà di arginare la frammentazione e di trovare un passo comune per camminare insieme.

Un passo faticoso che però va cercato «nella lotta alla corruzione, alla disoccupazione e alla criminalità organizzata. Sono temi», spiega Vincenzo, «che toccano così profondamente la vita delle persone, che il magistero dovrebbe quasi imporre l’impegno comune».

Si registra un po’ di paura delle differenze», fa eco uno degli invitati eppure, dice il teologo Severino Dianich, «quanto più nella Chiesa siamo uniti nella medesima fede in Gesù, tanto più possiamo permetterci il lusso di avere posizioni diverse. Solo da una dialettica anche vivace nasce qualcosa di nuovo». Il teologo fa riferimento alla preoccupazione che qualcuno manifesta sui possibili rischi di contrapposizione laicato-gerachia che potrebbero scaturire dalla nascita di un “Sinodo dei laici”, già richiesto a Palermo come luogo di discernimento comune, caduto nel dimenticatoio, e qui invocato a gran voce soprattutto nell’ambito cittadinanza”. «Se pensiamo a come gli interventi dell’episcopato sui problemi politici in questi ultimi anni abbiano creato tanti disagi, non solo negli ambienti laicisti anticlericali, ma dentro la stessa comunità ecclesiale, allora penso sarebbe utile avere un organismo leggero ma permanente e rappresentativo del laicato, con il quale i vescovi potrebbero consultarsi in particolar modo sui temi più politici», dice Dianich.

Le urgenze dei delegati sono tante: la questione del Sud e del suo sviluppo e quella del Nord e della perdita della qualità delle relazioni; il confronto con le altre culture e religioni; il tema dell’immigrazione; la cura dei malati; l’accoglienza dei divorziati risposati, dei preti sposati, degli omosessuali. Ma anche questioni più ‘tradizionali”, come la «qualità della formazione integrale della persona, senza separatezza tra l’essere cristiano e cittadino», spiegano Franco e Gabriella o, per dirla con Fabio, «l’educazione a una grammatica della cittadinanza, che manca spesso nelle stesse comunità ecclesiali». La base dei fedeli ha voglia di parlare, di confrontarsi sulle esperienze concrete, «per lasciare poi le scelte finali alle Chiese locali, che conoscono i bisogni e le risorse del territorio», aggiunge suor Ester.

I delegati applaudono il Papa in molti passaggi, ma poi qualcuno confessa la propria «delusione per l’ultima parte del discorso, che non ha messo all’ordine del giorno le questioni che investono realmente la vita delle persone. Sarà anche importante il tema della scuola cattolica, ma i dolori e le sofferenze della gente si misurano in altri ambiti che sono prioritari rispetto a questo discorso. Va benissimo parlare di postmoderno, ma per i poveri è più urgente sentire parole di speranza che toccano la loro esistenza».

Tra un padiglione e l’altro della fiera campeggiano i cartelloni con i volti dei sedici santi che

la Chiesa italiana propone come testimoni di speranza cristiana. Tra questi, il piemontese Gesualdo Nosengo che, come consulente del ministero della Pubblica istruzione, lavorò per una maggiore qualificazione della scuola statale e per l’istituzione di una scuola media obbligatoria per tutti; la romagnola Annalena Tonelli, assassinata in Somalia lo scorso anno, che da missionaria ha cercato di dialogare anche con le frange islamiche più estremiste; e il fiorentino Giorgio


La Pira, il politico che nell’assemblea Costituente lavorò sul rapporto Stato e Chiesa, sulla dignità della persona, e firmò l’articolo in base al quale l’Italia ripudia la guerra.

Proprio sulla guerra i delegati restano un po’ frustrati:: «La via della riconciliazione, del perdono, del servizio, della non- violenza sono segni di speranza che

la Chiesa italiana è chiamata a dare, ma che in questo convegno non sono emersi in alcun modo», dice don Fabio Corazzina, coordinatore di Pax Christi. «L’ordine del giorno, come diceva don Tonino Bello», sottolinea Domenico, «lo deve fare la società con i suoi problemi. E qui molti temi non sono stati affrontati».

Il cardinale Ruini finisce di parlare, i delegati sciamano via. Se ne vanno come sono arrivati, contenti come dopo un campo scuola. Promettono di incontrarsi di nuovo, si scambiano indirizzi e numeri di telefono. Alle loro spalle

la Fiera è vuota; la vela della barca, all’ingresso dei padiglioni, sta per essere smontata; le luci degli stand sono spente; gli ultimi che partono si scambiano altre impressioni. Di domande ne restano molte, ma una per tutte, serpeggiata già dai primi momenti tra i delegati al convegno, resta nella memoria. E’ scritta in rosso a lettere maiuscole su un grande striscione esposto allo stadio: poche parole che sintetizzano un pensiero comune: «Speranza..... Siamo noi giovani?».

Vittoria Prisciandaro

Annachiara Valle

Jesus/Novembre 2006

Pubblicato in Mondo Oggi - Ecclesiale
Martedì 09 Gennaio 2007 11:07

LA GRATUITÀ VIENE PRIMA DELL’EFFICIENZA

LA GRATUITÀ VIENE PRIMA DELL’EFFICIENZA

«È questa la nostra via: essere umane il più divinamente possibile ed essere religiose il più umanamente possibile». Sono parole della fondatrice delle Piccole sorelle, Magdaleine di Gesù, che prendo a commento del messaggio del Papa per

la Giornata missionaria: «La carità, anima della missione». Piccola sorella Magdaleine, sulla scia di Charles de Foucauld, fonda numerose comunità: «Intimamente mischiate alla massa umana, come un lievito nella pasta. Siamo fatte per mescolarci alla folla, come Gesù sulle strade di Galilea». Negli anni Quaranta in Francia, qualcuno già cominciava a parlare di questo Paese come di una «terra di missione». Piccoli gruppi iniziavano esperienze coraggiose (ad esempio i preti operai), piccola sorella Magdaleine scelse la via dell’amore tra la gente. Questa donna aveva il coraggio della fede per denunciare una certa vita religiosa (e cristiana) dove la regola doveva essere rispettata, e non importava poi molto se i rapporti umani venivano mortificati; «. . .è desolante la formazione che a volte si dà. Viene demolito tutto l’umano... e l’umano è opera di Dio. Non si dice che è una colpa grave non amare i fratelli e si fa un affare di Stato dell’essersi serviti di un ago senza permesso... Sempre lo stesso errore che filtra il moscerino e ingoia il cammello».

Sono passati oltre sessant’anni, ma queste parole sono ancora una grande provocazione per noi missionari e per noi Chiesa italiana. Dobbiamo riconoscere che, dopo i decenni in cui l’impegno sociale dei cristiani è stato vissuto con intensità, anche se con il limite di essere stato a volte «ridotto a mera attività filantropica e sociale» si assiste oggi a una certa chiusura all’interno del mondo ecclesiale, a una rinuncia alla ricerca di vie nuove per evangelizzare e servire gli ultimi.

La Chiesa italiana insiste nel mettere la parrocchia al centro dell’attività missionaria, e promuove molte iniziative di servizio per le nuove povertà: ma quanto è grande l’impressione che moltissime di esse siano strutture ben organizzate, dove però manca l’anima, cioè «il fuoco della divina carità in grado di incendiare il mondo», come scrive il Papa. E anche tante opere, persino quelle in missione, sono apprezzate perché «funzionano» ma rischiano di non trasmettere l’essenziale. Mi diceva una giovane suora missionaria: «il nostro ospedale funziona bene, è apprezzato, pulito e fornito di tutto, ma per fare questo si è sempre arrabbiate col personale locale perché non rispetta i nostri standard: alla fine che cosa passa? Che vogliamo loro bene? Che in noi arde un amore divino?».

Occorre una rinnovata riforma nella Chiesa per «essere umani il più divinamente possibile». Fondamentale è il continuo riferimento personale a Gesù. Ma questa riforma passa anche attraverso scelte ecclesiali coraggiose. Pongo alcune domande: quale segno profetico dell’amore di Cristo sono le comunità religiose oggi? Perché non si punta con coraggio a fraternità sacerdotali, privilegiando la testimonianza di vita all’efficienza? I missionari mentre fanno tante opere sociali, si domandano se queste sono segno della carità evangelica? E le famiglie educano i figli a scelte controcorrente rispetto al consumismo e all’individualismo?

         Soprattutto resta la testimonianza personale di ogni cristiano: il primo vescovo della Guinea Bissau, mons. Settimio Ferrazzetta, viene ricordato da tutti (anche dai musulmani) come un «padre della patria»: non per il lebbrosario o le tante scuole da lui create, ma per gli ultimi mesi della sua vita, passati, quand’era già malato, ad attraversare i fronti della guerra civile per tentare di riconciliare le parti. L’immagine di questo vecchio che sprofonda nel fango per incontrare il leader dei ribelli è per ogni guineense il segno più forte e credibile che Dio è amore.

padre Davide Sciocco

Mondo e Missione / Ottobre 2006

Pubblicato in Mondo Oggi - Ecclesiale
Martedì 09 Gennaio 2007 11:02

IL FILTRO OPACO

Un tesoro in vasi di creta

IL FILTRO OPACO

Sveglia alle 4; preghiera, colazione, alle 7 sulla bicicletta. Ogni giorno macina decine di chilometri in città, fuori, dovunque ci sia un malato o qualcuno con problemi fisici. Non è medico, non distribuisce soldi, non dirige strutture né organizzazioni. Una volta la settimana va a Dhaka in autobus con due o tre persone che affida a qualche progetto di interventi gratuiti ora su un labbro leporino, ora su cataratte o su un piede deforme. Pernotta e ritorna alla stanzetta in affitto che è cucina, studio, cappella, salotto, e dove dorme con la bicicletta accanto al letto. A chi chiede risponde; «Sono un missionario cristiano, seguo il mio profeta, Gesù, che “passò beneficando e risanando” (At 10, 38)”.

Gioviale ma di scorza dura, padre Bob McCahill ha passato i 70 e continua tenacemente a cercare non di dialogare con i sapienti della comunità islamica, ma d’incontrare la gente che suda e soffre vivendo la fede in cui è nata, per portare loro un tocco del Regno. Tronca subito ogni polemica: «Sì, sono americano, ma non sono Bush. Si, credo che Gesù è figlio di Dio, che è uno e trino, ma bisticciare su Dio è da pazzi». Verso le 15 torna a casa e riposa, poi celebra l’Eucaristia, studia, scrive e chiacchiera con chi va a trovarlo. Riso e verdure per la cena e poi a letto.

Tre anni di questa vita per «beneficare e risanare» poi, come Gesù, «passa»: insalutato ospite va e ricomincia altrove, dove nessuno ha mai conosciuto un cristiano. Padre Bob è felice di vivere così il tentativo più radicale e genuino che io conosca di effettuare un «primissimo annuncio» chiaro e rispettoso, fra le genti dell’islam. Non critica nessuno, ma il suo stile di vita interroga gli altri missionari, inseriti nelle piccole comunità cristiane e impegnatissimi in scuole, parrocchie, dispensari, ostelli, catechesi, organizzazioni. E’ lo stile giusto?

E’ doveroso ammettere che molti di noi creano e dirigono strutture, si affaticano In costruzioni e organizzazioni, perché non sanno fare altro. Abbiamo bisogno di un ruolo che ci dia un certo potere, ci faccia tenere il coltello per il manico, di una scrivania fra noi e l’interlocutore, di una comunità che ci avvolga; immersi «alla pari» fra la gente, tanto più fra credenti di altre religioni, ci sentiremmo smarriti. Più che fare missione, facciamo opere missionarie e la testimonianza si arena: ammirano l’efficienza, invidiano la disponibilità economica, sospettano motivazioni nascoste o di conquista. Non s’arriva al cuore. Però non è sempre e solo così. Tanti hanno iniziato più o meno come padre Bob, per sentire poi che la carità evangelica chiedeva di offrire un aiuto più efficiente e più ampio. Suor Silvia Gallina, un ciclone di affetto e compassione per i poveri, negli anni Sessanta-Settanta era forse l’unica donna in Bangladesh a guidare una Vespa con cui faceva la spola fra le case dei malati e l’ospedale, portando a rotta di collo anche le partorienti. Erano gesti immediati, da cui sprizzava la sua carica umana e una fede senza parole. Ma ha forse amato e testimoniato meno quando, per accogliere chi veniva da lontano e per aiutare più malati, s’è organizzata costruendo per loro un rifugio, ha maneggiato soldi dei benefattori, ha dato tempo (brontolando) alla contabilità?

Prendendo carne, il Verbo ne ha accettato l’opacità, per cui molti lo hanno frainteso, negato e calunniato; ne ha accettato il peso fino alla croce. Liberarsi di tutto perché risplenda meglio la grazia del Vangelo, o sporcarsi le mani perché essa trasformi e plasmi la vita quotidiana? Un guru che vivesse di esercizi ascetici e astrazioni spirituali, dimenticando la polvere, il sudore e la fragilità sua e dei fratelli sarebbe testimone solo di se stesso, tanto quanto un «missionario manager» che si preoccupasse soltanto del perfetto funzionamento delle sue opere, pastorali o sociali che siano. Il metodo ha valore, ma è sempre e comunque un filtro «opaco». Il Vangelo passa da persona a persona, si legge negli occhi, si percepisce nella passione con cui seguiamo Cristo nella sua incredibile missione dl dare a Dio un cuore di carne. Abbiamo bisogno di padre Bob e di suor Silvia, di interrogarci sul nostro modo dl essere uomini e donne fra altri uomini e donne, loro e noi «nudi» davanti al mistero di Dio. E abbiamo bisogno di non trovare risposta a queste domande.

di Franco Cagnasso

Missionario del Pime in Bangladesh

Mondo e M issione/Ottobre 2006

Pubblicato in Mondo Oggi - Ecclesiale
Martedì 09 Gennaio 2007 10:53

Il prezzo della Fede

Anteprima / In uscita “Il libro rosso dei martiri cinesi”
IL PREZZO DELLA FEDE
Esce in questi giorni, per i tipi della San Paolo,
Il libro rosso dei martiri cinesi, una raccolta di testimonianze e resoconti autobiografici della fede perseguitata, a cura di Gerolamo Fazzini. Si tratta del primo volume di una serie che vede la collaborazione tra la redazione di Mondo e Missione e le Edizioni San Paolo. Di seguito, ampi stralci della prefazione del cardinale Joseph Zen, vescovo di Hong Kong

È davvero un onore e un privilegio poter dare voce ai numerosi fratelli e sorelle del mio popolo che hanno sofferto, spesso fino al martirio, sotto una persecuzione molto dura, a tratti spietata. Tra i numerosi cattolici che sono stati imprigionati per trenta o più anni in Cina, non sono pochi coloro che ci hanno lasciato le loro memorie. Molte, di esse sono state tenute nel cassetto per un lungo periodo. C’erano motivazioni valide per farlo: non si volevano urtare le autorità politiche, mettendo ancora più in pericolo i nostri fratelli di fede. Però bisogna ammettere che c’era anche una specie di riluttanza, persino da parte di membri della Chiesa, di denunciare chiaramente le persecuzioni subite sotto il regime di Mao. Per molti anni il maoismo è stato esaltato, oltre il limite della ragionevolezza. Anche coloro che non erano d’accordo non hanno avuto il coraggio, o la libertà interiore, di parlare fuori dal coro ideologico, forse per non essere annoverati fra i reazionari. Oggi continuare sulla strada del silenzio sarebbe un errore incomprensibile e imperdonabile. Come spesso ci ha ricordato Giovanni Paolo Il, abbiamo il dovere della memoria, e in particolare della memoria dei martiri del XX secolo, di tutti i martiri, sotto qualsiasi regime, senza più nessuna reticenza. I confessori e i martiri della Chiesa di Cina appartengono all’intera cristianità ed è nostro dovere, oltre che diritto, presentare le loro testimonianze perché alimentino la fede dei cristiani di tutto il mondo. Oltretutto le vittime - o forse meglio i protagonisti - di quella stagione di persecuzione stanno ormai scomparendo. Davvero non c’è più nessun motivo per continuare a tacere. Anzi, mi auguro che i giovani sacerdoti e i fedeli cinesi raccolgano dalla bocca degli anziani le storie di sofferenza e martirio che non sono state ancora registrate, di cui si rischia di perdere la memoria per sempre. Mi rendo conto che questo libro, tra i primi nel suo genere, raccoglie solo una frazione delle testimonianze disponibili. In ogni caso, la raccolta qui contenuta è di grande valore umano e spirituale. L’editore mi ha anche chiesto di aggiungere una testimonianza personale, diretta, in questa introduzione. Io sono nato a Shanghai, ma ho lasciato la mia città natale nel 1948, prima dell’ascesa al potere del Partito comunista, in quanto il noviziato dei salesiani era a Hong Kong. Personalmente dunque, grazie a Dio, non sono stato vittima diretta del regime. Ma conosco bene le sofferenze inflitte alla Chiesa della mia città, davvero martire, e alla congregazione salesiana, che a Shanghai era numerosa. L’episodio più rilevante accadde il tragico 8 settembre del 1955, quando con una gigantesca retata la polizia arrestò centinaia di cattolici, dal vescovo ai sacerdoti, dai catechisti ai fedeli membri delle associazioni cattoliche, soprattutto

la Legionedi Maria. Furono condotti allo stadio per le corse dei cani, dove il vescovo, l’eroico Ignazio Gong Pinmei - creato cardinale in pectore nel 1979 mentre era ancora in prigione -, invece che rinnegare la fede gridò, tra la commozione dei cattolici là ammassati e Io sdegno dei carcerieri: «Viva Cristo Re, viva il Papa». La Chiesadi Shanghai annovera decine e decine di confessori della fede: sacerdoti, religiosi e laici morti, in prigione, a causa dei maltrattamenti e della fame. C’era una famiglia, di cognome Zhu, particolarmente nota ai cattolici di Shanghai e la cui storia ha commosso persone in tutto il mondo. Mamma Martina, vedova, aveva otto figli, dei quali quattro divennero sacerdoti gesuiti (M.M., agosto-settembre 1992, pp. 470- 472). Con l’eccezione di Michele, che si trovava a Roma presso la curia generalizia, furono tutti imprigionati l’8 settembre (anzi, il maggiore, Francesco Saverio, era ai lavori forzati già da due anni). Mamma Martina, chiamata «l’addolorata» dai cattolici di Shanghai, per quasi tre anni si recò a trovare ciascuno dei figli nelle diverse prigioni in cui erano richiusi. Andava a piedi, facendo chilometri per risparmiare quei pochi centesimi che le permettevano di portare loro qualche piccola cosa. Sebbene insultata dalle guardie, incoraggiava ciascuno dei figli ad andare avanti, ad accettare volentieri le sofferenze, a conservare la fiducia in Dio. Infine i figli furono trasferiti in campi di lavoro, in province lontane. Per oltre vent’anni mamma Martina non li ha più rivisti. Furono liberati solo all’inizio degli anni Ottanta, ma non Francesco Saverio, che morì in carcere nel 1983. Una figura notevole fu anche il gesuita padre Beda Zhang, una personalità molto nota a Shanghai, tra i primi a essere arrestato. Il governo sperava di convincerlo a persuadere i cattolici a staccarsi dalla Chiesa e dal Papa. Subì ogni sorta di pressione, e quando divenne chiaro che non si sarebbe lasciato convincere, i suoi carcerieri passarono alla violenza e alla tortura. I detenuti vicino alla sua cella lo udivano spesso invocare i nomi di Gesù, Maria e Giuseppe, poi sentirono solo i suoi lamenti. Dopo 94 giorni di detenzione padre Beda morì: il primo martire della nostra Chiesa di Shanghai. Qualche volta i giornalisti mi hanno chiesto:

la Chiesain Cina è ancora perseguitata oggi? Non è semplice rispondere a questa domanda con una breve frase perché, come si sa, la situazione è assai complessa. Il regime comunista, responsabile delle sofferenze descritte in questo libro, è ancora al potere; pur avendo rigettato la politica radicale del maoismo, non ha mai chiesto perdono per le violenze inflitte ai credenti e a tantissimi altri cinesi innocenti. Dal punto di vista politico, la causa ultima della persecuzione contro i cristiani è ancora ben in piedi: il sistema del partito unico, che governa ininterrottamente da quasi sessant’anni, senza mandato e verifica popolare, senza democrazia. Se certamente non ci sono più le persecuzioni sistematiche e in larga scala del periodo maoista, tuttavia la sofferenza della Chiesa non è affatto terminata. Le comunità e i vescovi della Chiesa ufficiale o «aperta», cioè riconosciuta dal governo, sono sottoposti a continui controlli, interferenze, abusi e molestie. Quindi le comunità della Chiesa ufficiale e i suoi leader non sono affatto liberi, come sembra a qualche osservatore superficiale. Le comunità chiamate «clandestine» o «sotterranee», che rifiutano (e a buon diritto) di sottomettersi alla politica religiosa del governo, sono sottoposte a continui soprusi e persino violenze, cosicché non sarebbe esagerato parlare, in questi casi, di persecuzione. Anch’io, come i protagonisti di questo libro, mi sono chiesto il perché di tanta sofferenza e violenza. La nostra fede in Dio, anche se non sempre sembra darci risposte immediate, rimane l’unico modo per conservare la speranza e la forza. Bellissima la catechesi che il Santo Padre Benedetto XVI ha offerto ai fedeli il 23 agosto scorso. Commentando l’Apocalisse, egli affronta con la sua impareggiabile profondità il dramma della persecuzione contro i discepoli di Cristo: «La storia rimane indecifrabile, incomprensibile. Nessuno può leggerla. Forse questo pianto di Giovanni davanti al mistero della storia così oscuro esprime lo sconcerto delle Chiese asiatiche per il silenzio di Dio di fronte alle persecuzioni a cui erano esposte in quel momento. E’ uno sconcerto nel quale può riflettersi il nostro sbigottimento di fronte alle gravi difficoltà, incomprensioni e ostilità che pure oggi

la Chiesasoffre in varie parti del mondo. Sono sofferenze che


la Chiesa certo non si merita, così come Gesù stesso non meritò il suo supplizio. Esse però rivelano sia la malvagità dell’uomo, quando si abbandona alle suggestioni del male, sia la superiore conduzione degli avvenimenti da parte di Dio. L’Apocalisse di Giovanni, benché pervasa da continui riferimenti a sofferenze, tribolazioni e pianto - la faccia oscura della storia -, è altrettanto permeata da frequenti canti di lode, che rappresentano quasi la faccia luminosa della storia. Siamo qui di fronte al tipico paradosso cristiano, secondo cui la sofferenza non è mai percepita come l’ultima parola, ma è vista come punto di passaggio verso la felicità». Sì, è proprio così: le pagine che leggerete non sono innanzitutto pagine di sofferenza e dolore; sono anche, e soprattutto, pagine di gioia. Con tanti altri, posso confermare anch’io le parole del Santo Padre. I numerosi vescovi, sacerdoti e fedeli incontrati nelle mie lunghe permanenze in Cina, nonostante i lunghi e terribili periodi di detenzione, erano persone felici e serene. Nessuno ci potrà togliere la gioia e la bellezza di essere discepoli di Gesù.

 

 

Cardinale Joseph Zen

Vescovo di Hong Kong

Mondo e Missione/Novembre 2006

Il Libro “Memorie dai «loagai» cinesi”

Diari, testimonianze, ricordi in cui sono state custodite per decenni cinque storie intense e autentiche di vita cristiana negli anni della persecuzione del regime maoista. Il libro rosso dei martiri cinesiriporta le vicende di padre Francesco Tan Tiande, ancora vivente: dopo trent’anni di lavori forzati non ha perso la sua serenità interiore dettata dalla fede. Seguono le pagine su padre Giovanni Huang, che racconta i suoi venticinque anni vissuti in un campo di lavoro; in una fabbrica dove fu impiegato forzatamente durante

la Rivoluzioneculturale, si suicidarono oltre mille detenuti. Autore del terzo capitolo è Li Daoming, cugino di padre Li Chang, anche lui provato da una lunga detenzione che, tuttavia, non ha mai fiaccato la sua passione per le comunità cristiane incontrate sia prima che dopo il carcere. Toccante anche il percorso interiore compiuto da Geltrude Li, giovane e timida maestra, inizialmente titubante nel confessare apertamente la sua fede, poi coraggiosa fino a trascrivere la sua esperienza in una ventina di pagine giunte in Italia con uno stratagemma: furono nascoste tra le suole delle scarpe dal missionario del Pime padre Giovanni  Carbone, espulso dalla Cina alla fine del 1952. Infine, il volume - corredato da un’ampia cronologia e da referenze bibliografiche - riassume la via crucis compiuta dai trappisti di Nostra Signora della Consolazione, protagonisti di una lunga «marcia della morte», che costò la vita a 33 monaci -14 preti e 19  fratelli laici - sottoposti a sevizie e torture, oppure giustiziati. (I. bad.)

Pubblicato in Mondo Oggi - Ecclesiale

Inputs di riflessone ecclesiale

 

UN ARTICOLO APPARSO SUL “FOGLIO Dl COLLEGAMENTO DEI DIACONI FIORENTINI”

 

A QUARANT’ANNI DAL CONCILIO RIFLESSIONE SUL DIACONATO

 

L’esigenza di una riflessione era sentita da tempo, poiché si riscontravano dubbi, incertezze, perplessitò talvolta anche diffidenza sulla figura e sul ruolo del diacono.

A partire dal magistero, la riflessione giunge ad una serie di interrogativi per un approfondimento.

 

 

 

«Per la chiesa esiste un’unica strada per il futuro: quella che ha indicato il concilio. Questa strada è dunque la piena attuazione del concilio e della sua ecclesiologia di comunione» (W. Kasper, Die Communio-Ecclesiologie pag. 5). È questa la chiesa per (= mandata a) tutti gli uomini e per tutto il mondo: chiesa che si pone al servizio, che serve, laddove diaconia, intesa in senso lato, è dimensione essenziale della chiesa, chiesa in quanto popolo di Dio ancorato al suo pastore, come diceva Cipriano di Cartagine. Si tratta del popolo di Dio nel senso inteso dal concilio: non, quindi, una presunta “base” rispetto, o semmai in contrasto, con la “chiesa ministeriale”. «Il popolo di Dio è la totalità organica - e strutturata della chiesa riunita attorno al suo vescovo» (W. Kasper, cit. pag. 16).

Il vescovo è, dunque, primo responsabile e protagonista della vita e della missione ecclesiale: spetta a lui dirigerla, animarla e coordinarla, avvalendosi soprattutto della collaborazione dei presbiteri e dei diaconi a lui uniti da uno speciale legame sacramentale. Il ministero ordinato, in tale ottica,si configura come carisma ordinato agli altri carismi: esso li deve “fortificare” per la funzione che è loro propria, ispirandoli, motivandoli, qualificandoli, contribuendo, in tal modo, all’edificazione del corpo di Cristo (cf. Ef 4,12). Alla luce, pertanto, della “chiave interpretativa” di tutto il magistero conciliare - come a giusto titolo viene definita l’ecclesiologia di comunione -, proponiamo qui di seguito una sintesi dei pronunciamenti del magistero, seguita da alcuni interrogativi e brevi spunti teologici, finalizzati globalmente a favorire una più ampia riflessione sul sacro ordine del diaconato.

 

Il sacramento dell’ordine

 

Ordine e matrimonio sono i sacramenti al servizio della comunione (CCC Parte seconda, Sez.  Seconda, Cap. III), ordinati per la salvezza altrui (CCC n. 1534). Coloro che ricevono il sacramento dell’ordine sono consacrati per essere posti, in nome di Cristo, a pascere la chiesa con la parola e la grazia di Dio (CCC n. 1535; LG n. 11; CIC can. 1008; introduzione comune a Ratio fundamenlis diaconorum permanentium e Directorium pro ministerio et vita diaconorum permanentium n. 1).

Cristo stesso è l’origine del ministero nella chiesa. Egli l’ha istituita, le ha dato autorità e missione, orientamento e fine (CCC n. 874). L’ordine è la continuazione della missione affidata da Cristo agli apostoli. Comporta tre gradi: l’episcopato, il presbiterato e il diaconato (CCC n. 1536; CIC can. 1009). I ministeri conferiti dall’ordinazione sono insostituibili per la struttura organica della chiesa: senza il vescovo, i presbiteri e i diaconi non si può parlare di chiesa (CCC n. 1593). L’ordinazione è un atto sacramentale che conferisce un dono dello Spirito Santo che permette di esercitare una potestà sacra proveniente da Cristo. L’ordinazione è chiamata anche consacrazione poiché è una separazione e un’investitura da parte di Cristo stesso, per la sua chiesa (CCC n. 1538). L’ordine configura a Cristo in forza di una grazia speciale dello Spirito Santo, allo scopo di servire da strumento di Cristo per la sua chiesa. Per mezzo dell’ordinazione si viene abilitati ad agire come rappresentanti di Cristo, capo della chiesa, nella sua triplice funzione di sacerdote, profeta e re (CCC n. 1581).

La grazia dello Spirito Santo propria di questo sacramento consiste in una configurazione a Cristo sacerdote, maestro e pastore del quale l’ordinato è costituito ministro (CCC n. 1585; per il vescovo CCC n. 1586; per il presbitero CCC n. 1587; per il diacono CCC n. 1588). I vescovi, dunque, assunsero il servizio della comunità con i loro collaboratori presbiteri e diaconi, presiedendo in luogo di Dio al gregge di cui sono pastori (LG 20 e; CCC nn. 886 e 1142. Introduzione comune a Ratio e Directorium n. 1), L’ordine è il ministero che abilita ad annunziare il Vangelo non come membro della comunità ma parlando ad essa in nome di Cristo (CCC n. 875).

I ministri sono veramente «servi di Cristo», ad immagine di lui che ha assunto liberamente per noi «la condizione di servo» (CCC n. 876). E’ un servizio esercitato in nome di Cristo (CCC n. 879). I ministri ordinati esercitano il loro servizio presso il popolo di Dio attraverso l’insegnamento (munus docendi), il culto divino (munus liiturgicum) e il governo pastorale (munus regendi) (CCC n. 1592; per i diaconi CCC n. 1588).

 

Sacro ordine del diaconato

Il diaconato ha la sua sorgente nella consacrazione e nella missione di Cristo, delle quali il diacono viene chiamato a partecipare. Mediante l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria, viene costituito ministro sacro, membro della gerarchia. L’ingresso nello stato clericale e l’incardinazione ad una diocesi avvengono con l’ordinazione diaconale stessa (Directorium n. 1, CIC can. 266 § 1, CCC n. 1536 e n. 1554, Ratio n. 4; Cei, I diaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 38; Ad pascendum IX). Spetterà ai competenti ceti episcopali territoriali di vario genere, decidere, con la approvazione del sommo pontefice, se e dove sia opportuno che i diaconi siano istituiti per la cura delle anime (LG 29 b).

Identità teologica specifica del diacono: egli, come partecipazione dell’unico ministero ecclesiastico, è nella chiesa segno sacramentale specifico di Cristo servo. Suo compito è di essere «interprete delle necessità e dei desideri delle comunità cristiane» e «animatore del servizio, ossia della diaconia», che è parte essenziale della missione della chiesa (Ratio n. 5; directorium nn. 37-38; Lettura apostolica Ad pascendum, Introduzione; I diaconi permanenti nell’ Italia nn. 6,9; CIC can. 12 &1; CCC n. 1596; “Il diaconato: evoluzione e  prospettive”, cap. VII,p. II). Il diacono.., chiamato a suscitare e animare i vari servizi subordinati sia istituiti che di fatto... nell’adempimento fedele di questo servizio sarà umile ed efficace promotore di unione con il vescovo, segno vivente del Cristo pastore delle nostre anime e buon samaritano che conosce le nostre infermità, perché le ha condivise fino al sacrificio della croce (Pontificale Romanum - De ordinattione episcopi, presbyterorum et diaconorum:  Praenotanda).

Il diacono non deve sostituirsi ai laici (I diaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 46). Il diacono è legato in modo speciale al vescovo nei compiti della sua diaconia (CCC n.1569; Idiaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 2; Caeremoniale Episcoporum n.24). I diaconi sono posti in speciale relazione con i presbiteri con i con i quali sono chiamati a servire il popolo di Dio (Ratio n. 8). Il ministero diaconale è il servizi al popolo di Dio in comunione con il vescovo ed il suo presbiterio (CIC can. 757; I diaconi permanenti nella chiesa in  Italia nn. 7,39; CCC n. 1588; Directorium n. 28; Ratto n. 7; CD n. 15).

 

 

 

Il ministero del diacono

 

Il diacono partecipa all’unico e triplice munus di Cristo nel ministero ordinato. Il diacono è maestro, in quanto proclama e illustra la parola  di Dio; è santificatore, in quanto amministra il sacramento del battesimo, dell’eucaristia e i sacramentali, partecipa alla celebrazione della santa messa, in veste di «ministro del sangue», conserva e distribuisce l’eucaristia; è guida, in quanto è animatore di comunità o settori della vita ecclesiale (Directoriurn n. 22 LG 29a;CIC can. 1008; I diaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 6).

 

Diaconia della Parola.

 

Funzione principale del diacono è collaborare con il vescovo e i presbiteri nell’esercizio del ministero della parola di Dio. Come i sacerdoti, i diaconi si dedicano a tutti gli uomini, con la buona condotta, la predicazione aperta, l’insegnamento, lo studio dei problemi del tempo (Directorium nn. 23-24;  I diaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 41; CIC cann. 757,764, 767 &1). Per compiere questa missione i  diaconi sono tenuti a prepararsi con  lo studio accurato; lasciarsi guidare  docilmente dal magistero; imparare l’arte del comunicare la fede all’uomo moderno; tenere sempre presente l’esigenza primaria e irrinunciabile di non scendere mai ad alcun compromesso nell’esposizione della verità (Directorium nn. 23, 25, 26,72; CIC cann. 760, 767 §1,768; I diaconi permanenti nella chiesa in Italia nn. 29,31). Un impegno costante di evangelizzazione capillare e diffusa ha nel diacono il suo primo animatore (Pontificale Romanum – Praenotanda cit.).

 

Diaconia della Liturgia

 

 

Al ministero del vescovo e, subordinatamente, a quello dei presbiteri, il diacono presta un aiuto sacramentale, quindi intrinseco, organico, inconfondibile (Directorium n. 28). Quindi, essi si adopereranno per promuovere celebrazioni che coinvolgano tutta l’assemblea, curando la partecipazione interiore di tutti e l’esercizio dei vari ministeri (Directorium n. 30; LO n. 29; cf. anche SC nn. 26- 27). Per compiere questa missione i diaconi devono curare un’accurata e profonda preparazione teologica e liturgica; osservare le norme celebrative proprie con tale devozione da coinvolgere i fedeli; aver presente la dimensione estetica; essere fedeli a quanto richiesto dai libri liturgici; indossare dignitosamente le prescritte vesti liturgiche (Directorium nn. 28- 30; CIC cann. 835 &3, 837, 838, 840, 841, 846; Caeremoniale Episcoporum n. 25; ! diaconi permanenti nella chiesa in Italia nn. 36, 41,42; Missale Remanum: Institutio generalis nn. 94, 171-186, 335-336, 338, 340; Redemptionis sacramentum nn. 34, 35, 125).

E’ di particolare importanza il ministero dei diaconi nella preparazione al battesimo, nella catechesi sul matrimonio cristiano, nella preparazione dei futuri sposi, nell’aiuto dopo il matrimonio (Directorium nn. 31, 33; I diaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 41). Ai diaconi può venire affidata la cura della pastorale familiare a livello diocesano o parrocchiale (Directorium nn. 33, 42; I diaconi permanenti nella chiesa in Italia n. 44; Cei, Direttorio di pastorale familiare nn. 260-261).

 

 

 

 

Diaconia della carità.

 

L’autorità dei diaconi, esercitata in comunione gerarchica con il vescovo e con i presbiteri, è servizio di carità e ha lo scopo di aiutare e di promuovere tutti i membri della chiesa particolare affinché possano partecipare, in spirito di comunione e secondo i loro carismi, alla vita e alla missione della chiesa (Directorium n. 37).

Le opere di carità, diocesane o parrocchiali, che sono tra i primi doveri del vescovo e dei presbiteri, sono da questi, secondo la testimonianza della Tradizione della chiesa, trasmesse ai servitori del ministero ecclesiastico, cioè ai diaconi, così pure il servizio di carità nell’area dell’educazione cristiana, l’animazione degli oratori, dei gruppi ecclesiali giovanili e delle professioni laicali, la promozione della vita in ogni sua fase. I diaconi hanno la funzione di esercitare, in nome della gerarchia, i doveri della carità e dell’amministrazione, nonché le opere di servizio sociale (Directorium nn. 38, 42; I diaconi permanenti nella chiesa in Italia nn. 44-45; CIC cann. 492-494).

 

Precisazioni e suggerimenti

 

In ogni caso, però, è di grandissima importanza che i diaconi possano svolgere, a seconda delle loro possibilità, il proprio ministero in pienezza, nella predicazione, nella liturgia e nella carità, e non vengano relegati a impegni marginali, a funzioni meramente suppletive, o a impegni che possono essere ordinariamente compiuti dai fedeli non ordinati (Directorium n. 40; I diaconi permanenti nella chiesa in Italia nn. 39, 46). Se ‘è dovere dei diaconi rispettare sempre l’ufficio del parroco e operare in comunione con tutti coloro che ne condividono la cura pastorale, è anche loro diritto essere accettati e pienamente riconosciuti da tutti (Directorium n. 41).

Altrettanto importante è definire gli ambiti ministeriali da affidare ai diaconi permanenti, secondo una figura propria e non derivata rispetto a quella del sacerdote ma coordinata con il suo ministero, nella prospettiva dell’animazione del servizio su tutti i fronti della vita ecclesiale (Cei, Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia n. 12).

L’ambito diocesano offre numerose opportunità per il fruttuoso ministero dei diaconi. Infatti, in presenza dei requisiti previsti, possono essere membri degli organismi diocesani di partecipazione; in particolare, del consiglio pastorale e del consiglio diocesano per gli affari economici. Nelle curie possono essere chiamati a ricoprire, se in possesso dei requisiti espressamente previsti, l’ufficio di cancelliere, di giudice, di assessore, di uditore, di promotore di giustizia e difensore del vincolo, di notaio.

Altri campi aperti al ministero dei diaconi sono gli organismi o commissioni diocesane, la pastorale in ambienti sociali specifici, in particolare la pastorale della famiglia, o per settori della popolazione che richiedono speciale cura pastorale, come per esempio i gruppi etnici (Directorium n. 41; CIC can. 274 § 1).

 

 

Qualche proposta per la discussione

 

Il ministero esercitato da ciascun diacono nel concreto contesto della propria realtà parrocchiale, di settore o diocesana, è in linea con tutto quanto insegnato nel magistero? Quale consapevolezza hanno i diaconi, le loro spose, i presbiteri al fianco dei quali il vescovo li ha posti in relazione agli insegnamenti e agli orientamenti pastorali della chiesa? Quale consapevolezza di quanto sopra hanno la comunità di appartenenza di ciascuno e il collegio dei diaconi nel suo complesso? L’uso consolidato, anche se meno frequente rispetto al recente passato, del termine permanente accanto al sostantivo diacono non fa pensare ad una applicazione a tempo indeterminato del diaconato transeunte dei presbiteri più che al ristabilimento autentico di uno dei gradi del sacramento dell’ordine? Il presbiterato deve continuare ad essere centrale all’interno di un percorso “scalare”, o piuttosto è possibile pensare il sacramento dell’ordine, nella sua complessità, secondo uno schema triangolare (o a tridente)? E’ coerente dire che, con lo studio della sacra Scrittura, della storia e della teologia sacramentale non sembra imporsi la concezione di un percorso scalare? Quale è la concezione apostolica del sacramentum o mysterion con riferimento all‘ordine? E, se con il motu proprio Ministeria quaedam i ministeri istituiti (già ordini minori posti in posizione “scalare”), sono stati trasformati e resi differenti e complementari a fronte dell’eucaristia, la stessa logica non può essere pensata quanto ai diversi “gradi” dell’ordine?

L’episcopato è la pienezza dell’ordine; presbiterato e diaconato sono due ministeri distinti; due modalità differenti e convergenti (le braccia del vescovo) per condividere quella pienezza e contribuire a realizzarla nella prassi della vita della chiesa. La chiesa, come ogni entità vivente e più ancora di alcune altre, è una società in cui la dissimetria è costitutiva. Si tratta di ipotizzare una configurazione “a triangolo” (ad angolo) nella logica della differenza complementare: l’episcopato come sommità dell’angolo; presbiterato e diaconato i due lati che interagiscono con il vertice. Il terzo lato rimane aperto: è l’intero popolo di Dio con la sua ministerialità diffusa. Sotto l’azione incessante dello Spirito, la chiesa tutta ministeriale nasce dalla Parola, si edifica nella celebrazione dell’eucaristia e, attenta ai segni dei tempi, si  protende all’evangelizzazione del mondo mediante l’annunzio missionario del Vangelo e la testimonianza della carità.

Tutta la chiesa, seguendo il suo Signore - che non è venuto per essere servito ma per servire - è posta in atteggiamento di servizio. In una concezione ministeriale della chiesa-comunione ogni ministero è per l’edificazione del corpo del Signore e perciò ha riferimento essenziale alla Parola e all’eucaristia, fulcro di tutta la vita ecclesiale ed espressione suprema della carità di Cristo, che si prolunga nel «sacramento dei fratelli», specialmente nei piccoli, nei poveri e negli infermi, nei quali Cristo è accolto e servito (cf. Pontificale Romanum  - Praenotanda).

Se anche volessimo mantenere, dunque, la concezione tridentina dell’eucaristia, e conseguentemente dell’ordine definito “sacerdozio” perché dà potere sull’eucaristia, potremmo continuare a mantenere ferma l’ipotesi della configurazione “a triangolo”. L’unico memoriale, infatti, si esprime inscindibilmente in una duplice memoria eucaristica: cultuale e diaconale. L’unica diaconia di Cristo significata e realizzata nell’eucaristia ha bisogno, per essere piena, della convergenza di due tipi di memoria: la “memoria eucaristica” propriamente detta (cultuale, fare in sua memoria) e la “memoria di servizio” (fare secondo l’esempio dato). Da ciò il presbiterato e il diaconato sono complementari per realizzare in pienezza l’eucaristia. Koinonia e diaconia si richiamano a vicenda e sono ordinate l’una all’altra.

 

 

 

Un’ecclesiologia più pneumatica, inoltre, potrebbe aiutarci percepire i ministeri non come subordinati sic et simpliciter ma come complementari, nella loro iconicità trinitaria: per la legge dell’analogia vescovo, presbiteri e diaconi che agiscono in persona Christi. Lo rappresentano nella molteplicità della sua diaconia: vescovo, presbiteri e diaconi quali portatori del solo sacramento dell’ordine nella loro specificità e complementarietà. Il sacramento come realtà collettiva, vissuto nella sua unità da un insieme di persone differenti e complementari, può essere significato dalla collegialità dei vescovi?

È audace concepire la complementarietà dei tre gradi del sacramento dell’ordine sullo stesso modello del sacramento dei matrimonio, senza dimenticare che, nel caso dell’ordine, più ancora che nel sacramento del matrimonio, si tratta della presenza sacramentale di Dio stesso nel seno della chiesa e di tutta l’umanità? Quali discernimento, formazione, spiritualità sono da assumere e coltivare per la progressiva attuazione dei principi e modelli indicati?

 

 

 

Un gruppo di diaconi fiorentini

Settima/ Settembre 2006

 

Pubblicato in Mondo Oggi - Ecclesiale
Pagina 112 di 120

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news

per contattarci: 

info@dimensionesperanza.it