Venerdì, 15 Dicembre 2017
In Libreria
Domenica 11 Settembre 2016 20:43

50 preghiere di fede (Faustino Ferrari)

Pubblicato da Paolo

Stare davanti a Te

Stare davanti a Te, Signore – ed avere molte cose da raccontare” – tutto il messaggio del nuovo libro di Ferrari può trovare spazio in queste parole. Stare davanti a Te vuol dire soggiornare nel presentarsi al mistero e all’amore, in cui anche tu, lettore, sei invitato ad entrare, rimanere, muoverti, vivere. Non si tratta di un libro teologico che insegna le verità di ciò che di solito confessiamo, ma di un’esperienza personalissima, anzi dell’intimità dell’anima credente che a fatica si lascia cogliere con le parole comuni. La fede è proprio lo “stare davanti” e “50 preghiere di fede” non si presenta come una raccolta di buoni consigli o delle osservazioni sulle opinioni degli altri, ma come un appello ad avvicinarsi alla sorgente nascosta da dove esce, passa, sgorga e poi si forma quella corrente della nostra esistenza in cui Dio fa apparire il Suo volto. La fede, oltre ad essere il Credo, è anche la garanzia interiore delle cose sperate, come dice san Paolo –, che non può essere taciuta. La fede non è mai muta, l’anima che riceve il messaggio con cui Dio ci fa sapere della Sua presenza, della Sua vicinanza, ha bisogno di parlare della propria scoperta, di confessare, di raccontare, di provare il suo stare “davanti a Te”. La fede, secondo la stessa formula di Paolo, è anche la prova della realtà che non si vedono.

Le preghiere e le riflessioni di Faustino Ferrari ci portano verso questa realtà nel suo vissuto, nel suo segreto. Ogni pezzo del suo libro è come una prova d’esame dell’essere umano penetrato dai raggi che cadono da quell’invisibile realtà che è l’amore che si rivela, ci riempie di gioia e ci giudica. L’autore racconta di se stesso, delle cose sperate e vissute durante la sua vita, ma il protagonista del racconto è quel Tu a cui lui si rivolge costantemente. E nel suo Tu possiamo riconoscere Qualcuno che è molto vicino anche a noi perché il genere di questo libro è la preghiera condivisa, la confessione che c’impegna a parlare, a credere con colui che crede.  Il libro è, infatti, piccolo, le cose essenziali non sopportano le chiacchiere, ma l’autore riesce a comunicarci la sua intonazione, il suo ritmo… Direi anche, l’odore della fede nel suo profondo respiro. Dopo averlo letto ci viene la voglia di continuare questa avventura della preghiera e della confessione, con altre parole.

Nonostante l’unicità di questo genere, il libro di Ferrari ha i suoi predecessori o “parenti”, famosi e grandi, come le Confessioni di Sant’Agostino, mistici, come Lui e io di Gabrielle Bossis o piuttosto letterari, come il Libro della misericordia del cantautore americano Leonard Cohen, per ricordarne solo alcuni. Forse, più vicino all’opera di Ferrari è il testo di Cohen, pubblicato in italiano in una edizione con testo originale a fronte nel 2013 e che l’ha, probabilmente, ispirato. Cohen stesso definisce il suo testo un libro segreto per me, una sacra conversazione privata. Ma con tutta la parentela degli stili, c’è comunque una differenza sottile, di carattere prettamente spirituale. L’accento di Cohen è proprio sul privato, sulla sacralità del proprio mondo interiore, mentre il filo conduttore di 50 preghiere di fede ci porta all’esclamazione del Salmo: Non a noi, Signore; non a noi, ma al tuo Nome dà la gloria (115,1).

Vladimir Zelinskij

 

La nuova pubblicazione in italiano del teologo ortodosso Vladimir Zelinskij, collaboratore di Dimensione Speranza.

Questi brevi racconti rimandano a diverse esperienze spirituali: la necessità di compiere quei passaggi che segnano l'esistenza in profondità, l'esperienza del cammino, legata a immagini di cambiamento, cesure, simboli che ricordano come l'intera vicenda umana possa essere letta come un perenne andare oltre.

A partire da una ricerca trasversale in scienza, filosofia e religione, questo saggio offre interessanti stimoli di riflessione sulla spiritualità...

Mercoledì 13 Febbraio 2013 10:15

Il bambino alle soglie del Regno

Pubblicato da Salvo Celeste

il bambino

Se raccogliamo tutte le parole dette da Gesù sui “piccoli”, siamo colpiti dalla sua insistenza sulla conversione allo stato dei bambini, sulla necessità di accogliere un bambino, sulla nostra vocazione a essere bambini davanti a Dio.

Mercoledì 19 Dicembre 2012 14:26

L'Infanzia di Gesù (Benedetto XVI)

Pubblicato da Salvo Celeste

L'Infanzia di Gesù (Benedetto XVI)

Amici,

dopo diversi mesi di silenzio, si torna oggi, in occasione del Natale a parlare di libri, di libri che aiutano, ovviamente, ad andare alto, a "librarsi", evidentemente. Il libro che propongo, "L'INFANZIA DI GESU'" di Benedetto XVI, risponde egregiamente a quanto sopra detto.

 

Trentanove titoli non sono pochi per un testo di non molte pagine. Ma già questo inizio che congiunge il poco e il molto può essere un modo adeguato per parlare di questo testo paradossale. È infatti il paradosso, l’inverosimile, l’inusuale la caratteristica di questo mosaico stupefacente di situazioni che esprimono, nelle loro variegate tessere, la complessità inquietante dell’esistenza. C’è una tensione di fondo che guida tutto il discorso, molto unitario nonostante la diversità delle situazioni.

La Presentazione del vol. è di mons. Luciano Monari. Durante il suo episcopato a Milano, il card. Martini ha raccolto la sfida del Vaticano II di invitare ogni fedele a nutrirsi personalmente della Scrittura, facendone una priorità della propria pastorale.

Pagina 1 di 3

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news