Giovedì, 19 Ottobre 2017
Sabato 17 Luglio 2004 18:55

Una risposta ecumenica alla Dabru Emet

Valuta questo articolo
(0 voti)

La Commissione per le relazione interconfessionali del Consiglio Nazionale delle Chiese di Cristo negli Stati Uniti, riunitasi a Huston Texas, esprime la sua profonda gratitudine ai discepoli ed ai rabbini che hanno scritto e firmato la Dichiarazione Dabru Emet.

Inoltre esortiamo i responsabili delle comunità membro del Consiglio Nazionale delle Chiese e tutti i cristiani a leggere ed a considerare attentamente le affermazioni e gli inviti [in essa contenuti] ad un dialogo ulteriore con quanto la dichiarazione offre.

Da Baltimora - New York - alla vigilia di yom kippur (il giorno dell'espiazione), il 10 settembre 2000, Dabru Emet è indirizzata tanto agli Ebrei quanto ai Cristiani. È una risposta alle molte pubbliche dichiarazioni che le Chiese e i Concili cristiani hanno fatto negli ultimi anni, rendendo esplicito il rifiuto dell'antisemitismo da parte delle Chiese e affermando la loro convinzione che il popolo ebraico continui ad essere ricettacolo dell'amore e della grazia di Dio.

Accogliamo con gioia questo pubblico riconoscimento, da parte dei responsabili ebraici, di cambiamenti, che sono iniziati e continuano all'interno elle nostre Chiese, nei confronti della Comunità ebraica e del nostro insegnamento sugli ebrei e sull'ebraismo.

È con cuore grato e umile che noi come cristiani vediamo che ci è data la grazia, dopo un periodo storico di così grande animosità e violenza, di trovarci oggi all'interno di una relazione rinnovata, rinnovante e riconciliante con le sorelle e i fratelli ebrei.

Accogliamo con gioia anche le "otto brevi dichiarazioni" fatte nella Dabru Emet e raccomandiamo alle nostre Chiese e ai nostri fratelli cristiani di studiarle come porte aperte al futuro dialogo.

Il documento affronta tanto temi teologici quanto il significato e l'andamento nelle relazioni quotidiane tra le nostre due comunità.

Anche se non possiamo essere d'accordo con tutto ciò che viene affermato nel documento, vi sono molte cose in esso che possiamo prontamente abbracciare.

L'attenta formulazione di questi otto punti è in se stessa un contributo utilissimo per la reciproca comprensione e fornisce una base validissima per un dialogo ebraico-cristiano sempre più profondo.

La discussione nella Dabru Emet figurerà certamente nell'agenda della futura riflessione teologica della nostra Commissione per le Relazioni Interconfessionali. Esortiamo i cristiani negli Stati Uniti alla lettura e alla riflessione individuale e ad utilizzarla come una risorsa nel dialogo tra le Chiese e le Sinagoghe locali e in altri ambiti del dialogo interreligioso.

Ringraziamo gli estensori della dichiarazione per il loro lavoro, che è un dono per tutti coloro che cercano la comprensione e la vita del Regno di Dio.

Sia resa a Dio tutta la gloria e il nostro umile ringraziamento per il fatto che "fatti ad immagine di Dio, noi siamo creati per vivere una vita di relazione e siamo chiamati a proclamare l'unità nella nostra diversità umana" (Relazione Interconfessionale tra le Chiese, Policy Statement, 11/99)

 

Ultima modifica Venerdì 06 Maggio 2011 22:17
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news