Venerdì, 18 Agosto 2017
Lunedì 30 Agosto 2004 22:07

Il Tallit

Valuta questo articolo
(3 voti)

“Il Signore aggiunse a Mosè: «Parla agli Israeliti e ordina loro che si facciano, di generazione in generazione, fiocchi agli angoli delle loro vesti e che mettano al fiocco di ogni angolo un cordone di porpora viola.
Avrete tali fiocchi e, quando li guarderete, vi ricorderete di tutti i comandi del Signore per metterli in pratica; non andrete vagando dietro il vostro cuore e i vostri occhi, seguendo i quali vi prostituite. Così vi ricorderete di tutti i miei comandi, li metterete in pratica e sarete santi per il vostro Dio.
Io sono il Signore vostro Dio, che vi ho fatti uscire dal paese di Egitto per essere il vostro Dio. Io sono il Signore vostro Dio».
Numeri 15, 38 - 41

“Metterai fiocchi alle quattro estremità del mantello con cui ti copri.”
Deuteronomio 22,12

Il Tallit, cioè il "mantello della preghiera", è un quadrangolo realizzato in cotone, seta o lana ai cui quattro angoli vengono attaccati dei fiocchi, i sisit.

In principio, i sisit erano formati da diversi fili bianchi e da un filo blu/violetto e venivano applicati anche ai quattro angoli della veste. Attualmente i sisit sono, in linea di massima, composti ognuno da quattro fili bianchi, di cui uno lungo e tre corti.

Il Tallit, che è bianco, viene di solito decorato con delle righe blu, in analogia al colore d'origine dei sisit.

Il mantello era normalmente indossato come abito, ma gradualmente il suo uso tese a limitarsi alle pratiche religiose. Gli ebrei ortodossi portano abitualmente sotto agli abiti, il Tallit Qatan, il "piccolo mantello", vale a dire un Tallit di dimensioni ridotte.

Gesù di Nazareth portava il tallit. Abbiamo alcuni passi del vangelo che accennano al fatto che indossava anche questo abito.

“E dovunque giungeva, in villaggi o città o campagne, ponevano i malati nelle piazze e lo pregavano di potergli toccare almeno la frangia del mantello; e quanti lo toccavano guarivano.”
Marco 6,56

“Ed ecco una donna, che soffriva d'emorragia da dodici anni, gli si accostò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. Pensava infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita».
Matteo 9,20.

 

 

 

 

Ultima modifica Domenica 18 Settembre 2011 18:51
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Altro in questa categoria: « Qaddish Riti e rituali - Purim »

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito