Martedì, 12 Dicembre 2017
Lunedì 12 Luglio 2004 20:18

In visita ad limina?

Valuta questo articolo
(0 voti)

Anglicani

Sulla strada verso l’unità tra Roma e la Chiesa anglicana si è fatto molto, ma si può fare di più. È la conclusione cui è giunta la Consulta anglicano-cattolica degli Stati Uniti (Arc-Usa) al suo ultimo incontro, tenutosi alla fine di marzo 2003. Nell’incontro si è discusso il documento congiunto tra le due Chiese Il dono dell’autorità (1999), sottolineandone i punti di forza – come i temi di Cristo, della Scrittura, dell’ecclesiologia di comunione – ma anche i limiti.

Tra questi, l’eccessivo ottimismo del documento, le ambiguità teologiche circa il ministero dei vescovi, lo scarso approfondimento del ruolo dei laici.

L’Arc-Usa ha quindi elencato una serie di proposte utili per proseguire il cammino. Si suggerisce, per esempio, che prelati anglicani partecipino alle visite ad limina (1) dei vescovi cattolici. Leader religiosi anglicani potrebbero inoltre essere presenti ai Sinodi dei vescovi organizzati dalla controparte, e viceversa "delegati" cattolici potrebbero intervenire – con diritto di parola, ma non di voto – alla Conferenza di Lambeth (l’incontro periodico dei vescovi della Comunione anglicana).

(1) Con visita ad limina si intende la periodica visita che i vescovi cattolici compiono alle tombe degli apostoli Pietro e Paolo. In tale occasione incontrano il vescovo di Roma, il Papa.

 

Ultima modifica Mercoledì 08 Dicembre 2010 19:50
Fausto Ferrari

Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news