Oggi è 01/05/2017, 3:30

11 SETTEMBRE: QUALCHE SEGNO DI SPERANZA

Di tutto un pò...

11 SETTEMBRE: QUALCHE SEGNO DI SPERANZA

Messaggiodi m.galloni » 12/09/2011, 17:37

Nel decimo anniversario dell’11 settembre qualcosa è cambiato. Lo fa notare
Massimo Mazzucco nel suo sito “Luogocomune” (www.luogocomune.net), tra i più attivi nel denunciare le assurdità e le incongruenze della versione ufficiale sugli attentati alle torri gemelle e al pentagono. Anche l’informazione mainstream, ecco la novità, si sta accorgendo che quella versione non sta in piedi. Aveva cominciato Milena Gabanelli con una puntata di “Report” interamente dedicata all’argomento (domenica 24 settembre 2006). Poi, di recente, un intensificarsi di programmi televisivi, articoli giornalistici, persino offerte speciali: il 25 agosto 2011, Giovanni Minoli su “La Storia siamo noi” (Rai Educational) ha appoggiato in modo nemmeno così implicito, a mio parere, le posizioni del movimento per la verità sull’11 settembre; Manlio Dinucci, de “il manifesto”, è arrivato a dire che “la versione ufficiale sta crollando nel modo in cui sono crollate le torri: come un castello di carte”; il gruppo “la Repubblica/L’Espresso” offre la trilogia di Giulietto Chiesa in DVD e persino il “Corriere della Sera” deve riconoscere l’esistenza di “un serio dibattito in corso sull’11 settembre”. Né si può dimenticare, in questa carrellata, l’esternazione del presidente Cossiga apparsa sul “Corriere della Sera” del 30 novembre 2007 e rilanciata di recente dallo storico Franco Cardini: “... Tutti gli ambienti democratici d’America e d’Europa, con in prima linea quelli del centrosinistra italiano, sanno ormai bene che il disastroso attentato è stato pianificato e realizzato dalla Cia e dal Mossad con l’aiuto del mondo sionista per mettere sotto accusa i paesi arabi e per indurre le potenze occidentali a intervenire sia in Iraq, sia in Afghanistan”.
“L’incredibile menzogna”, per usare la definizione di Thierry Meyssan, sta insomma venendo sempre più a galla. Secondo Mazzucco il merito sarebbe proprio del movimento per la verità sul 9/11 e di scrittori e giornalisti come Mazzucco medesimo, Meyssan, Giulietto Chiesa, Milena Gabanelli e altri, che hanno fatto “abbastanza rumore da rendere legittimo parlarne sui media mainstream senza essere necessariamente fustigati dagli editori”. Va reso onore a persone come queste, che – magari da posizioni dichiaratamente atee, come nel caso di Giulietto Chiesa - si battono perché la verità e la speranza trionfino sulla menzogna e sulla disperazione.

Marco
m.galloni
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 14/12/2009, 11:13

Re: 11 SETTEMBRE: QUALCHE SEGNO DI SPERANZA

Messaggiodi franco » 13/09/2011, 16:44

fin dal primissimo momento quando vidi crollare "stranamente" le torri gemelle ebbi dei dubbi poi le voci e le insinuazioni si sono fatte più frequenti ed insistenti
un mio amico fotografo di alto bordo ingrandi le foto del pentagono e non ...c'era alcun aereo.......
che dire ? è tutto mostruoso, frutto di menti sbagliate e di scelte politiche
semplicemente megalomani ed assurde....
grazie comunque
franco
 
Messaggi: 120
Iscritto il: 09/11/2009, 17:08

Re: 11 SETTEMBRE: QUALCHE SEGNO DI SPERANZA

Messaggiodi m.galloni » 14/11/2011, 17:27

Ciao Franco: torno sull’argomento perché di recente l’ex giudice istruttore Ferdinando Imposimato ha annunciato di voler denunciare alla Corte Internazionale de L’Aja i vertici degli Stati Uniti d’America. Secondo Imposimato, che in passato si è occupato dei casi Moro ed Emanuela Orlandi, dell’attentato a Giovanni Paolo II, di mafia, camorra e terrorismo, i vertici USA, pur sapendo benissimo che erano in preparazione gli attentati dell’11 settembre 2001, non fecero nulla per impedirli. Imposimato ha reso nota questa sua decisione prima in una videointervista rilasciata a Giulietto Chiesa (si può trovare su YouTube o su Megachip.info), poi giovedì 3 novembre 2011 presso la sede del Parlamento Europeo di via IV Novembre in Roma, durante una conferenza cui hanno preso parte, oltre all’ex giudice istruttore, il filosofo Gianni Vattimo, il giornalista Giulietto Chiesa e Mike Gravel, senatore USA. Purtroppo nei media mainstream non c’è traccia dell’iniziativa di Imposimato né della conferenza del 3 novembre. È vero, come tu dici, che gli attentati dell’11 settembre sono frutto di scelte politiche assurde (e criminali, aggiungo io), ma è vero anche che queste scelte trovano supporto in un’informazione asservita e complice.

Marco
m.galloni
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 14/12/2009, 11:13

Re: 11 SETTEMBRE: QUALCHE SEGNO DI SPERANZA

Messaggiodi franco » 16/11/2011, 17:48

Informazione e complicità ?

Se vuoi essere un pò informato devi spendere annualmente una cifra elevata in
abbonamenti a riviste varie

Un caso, tanto per citare......nella RDCongo è in atto un conflitto che ha fatto e fa milioni di morti, chi ne parla ?
franco
 
Messaggi: 120
Iscritto il: 09/11/2009, 17:08


Torna a Discussioni Generali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron

Login Form

Chi c’è in linea

In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 101 registrato il 27/07/2014, 6:24

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite