Giovedì,19Gennaio2017
Visualizza articoli per tag: Preghiera, pregare
Sabato 31 Dicembre 2016 12:42

Buon Anno! - PONTI, NON MURI -

Buon Anno!    - PONTI, NON MURI -

(L'omelia è di don Marco Campedelli,

parrocchia di San Nicolò in Verona>)

Pubblicato inLa Preghiera
Giovedì 24 Novembre 2016 20:53

I tropari alla Croce e alla Madre di Dio

I tropari alla Croce e alla Madre di Dio

Talvolta il muto dolore della Vergine, quale ci appare dai Vangeli, viene espresso nelle preghiere bizantine con parole insieme di fede e dì lamento messe sulle labbra della Madre del Crocifisso.

Domenica 11 Settembre 2016 20:43

50 preghiere di fede (Faustino Ferrari)

50 preghiere di fede (Faustino Ferrari)

Stare davanti a Te

Stare davanti a Te, Signore – ed avere molte cose da raccontare” – tutto il messaggio del nuovo libro di Ferrari può trovare spazio in queste parole. Stare davanti a Te vuol dire soggiornare nel presentarsi al mistero e all’amore, in cui anche tu, lettore, sei invitato ad entrare, rimanere, muoverti, vivere. Non si tratta di un libro teologico che insegna le verità di ciò che di solito confessiamo, ma di un’esperienza personalissima, anzi dell’intimità dell’anima credente che a fatica si lascia cogliere con le parole comuni. La fede è proprio lo “stare davanti” e “50 preghiere di fede” non si presenta come una raccolta di buoni consigli o delle osservazioni sulle opinioni degli altri, ma come un appello ad avvicinarsi alla sorgente nascosta da dove esce, passa, sgorga e poi si forma quella corrente della nostra esistenza in cui Dio fa apparire il Suo volto. La fede, oltre ad essere il Credo, è anche la garanzia interiore delle cose sperate, come dice san Paolo –, che non può essere taciuta. La fede non è mai muta, l’anima che riceve il messaggio con cui Dio ci fa sapere della Sua presenza, della Sua vicinanza, ha bisogno di parlare della propria scoperta, di confessare, di raccontare, di provare il suo stare “davanti a Te”. La fede, secondo la stessa formula di Paolo, è anche la prova della realtà che non si vedono.

Le preghiere e le riflessioni di Faustino Ferrari ci portano verso questa realtà nel suo vissuto, nel suo segreto. Ogni pezzo del suo libro è come una prova d’esame dell’essere umano penetrato dai raggi che cadono da quell’invisibile realtà che è l’amore che si rivela, ci riempie di gioia e ci giudica. L’autore racconta di se stesso, delle cose sperate e vissute durante la sua vita, ma il protagonista del racconto è quel Tu a cui lui si rivolge costantemente. E nel suo Tu possiamo riconoscere Qualcuno che è molto vicino anche a noi perché il genere di questo libro è la preghiera condivisa, la confessione che c’impegna a parlare, a credere con colui che crede.  Il libro è, infatti, piccolo, le cose essenziali non sopportano le chiacchiere, ma l’autore riesce a comunicarci la sua intonazione, il suo ritmo… Direi anche, l’odore della fede nel suo profondo respiro. Dopo averlo letto ci viene la voglia di continuare questa avventura della preghiera e della confessione, con altre parole.

Nonostante l’unicità di questo genere, il libro di Ferrari ha i suoi predecessori o “parenti”, famosi e grandi, come le Confessioni di Sant’Agostino, mistici, come Lui e io di Gabrielle Bossis o piuttosto letterari, come il Libro della misericordia del cantautore americano Leonard Cohen, per ricordarne solo alcuni. Forse, più vicino all’opera di Ferrari è il testo di Cohen, pubblicato in italiano in una edizione con testo originale a fronte nel 2013 e che l’ha, probabilmente, ispirato. Cohen stesso definisce il suo testo un libro segreto per me, una sacra conversazione privata. Ma con tutta la parentela degli stili, c’è comunque una differenza sottile, di carattere prettamente spirituale. L’accento di Cohen è proprio sul privato, sulla sacralità del proprio mondo interiore, mentre il filo conduttore di 50 preghiere di fede ci porta all’esclamazione del Salmo: Non a noi, Signore; non a noi, ma al tuo Nome dà la gloria (115,1).

Vladimir Zelinskij

 

Pubblicato inIn Libreria
Preghiera del sacerdote la domenica sera (Michel Quoist)

I militanti sono esigenti verso il loro prete. Hanno ragione. Ma devono sapere che è duro essere prete. Chi si è donato nella piena generosità della sua giovinezza rimane un uomo, ed ogni giorno in lui l'uomo cerca di riprendere quel che ha donato. È una lotta continua per restare totalmente disponibile al Cristo e agli altri.

Pubblicato inSpiritualità
Preghiamo con i Padri della Chiesa. Anselmo d'Aosta

Anselmo d'Aosta, noto anche come Anselmo di Canterbury (Aosta, 1033 o 1034 – Canterbury, 21 aprile 1109), è stato un teologo, filosofo, monaco e arcivescovo, considerato tra i massimi esponenti del pensiero medievale di area cristiana.

Pubblicato inPatrologia
Pagina 1 di 54

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito