Domenica, 20 Agosto 2017
Venerdì 23 Giugno 2006 17:44

Salmo 55

Valuta questo articolo
(0 voti)

Lamentazione individuale.

Salmo di fiducia.

Responsoriale.

2 Pietà di me, o Dio, perché l’uomo mi calpesta,

un aggressore sempre mi opprime.

3 Mi calpestano sempre i miei nemici,

molti sono quelli che mi combattono.

4 Nell’ora della paura,

io in te confido.

5 In Dio, di cui lodo la parola,

in Dio confido, non avrò timore:

che cosa potrà farmi un uomo?

6 Travisano sempre le mie parole,

non pensano che a farmi del male.

7 Suscitano contese e tendono insidie,

osservano i miei passi,

per attentare alla mia vita.

8 Per tanta iniquità non abbiano scampo:

nella tua ira abbatti i popoli, o Dio.

9 I passi del mio vagare tu li hai contati,

le mie lacrime nell’otre tuo raccogli;

non sono forse scritte nel tuo libro?

10 Allora ripiegheranno i miei nemici,

quando ti avrò invocato:

so che Dio è in mio favore.

11 Lodo la parola di Dio,

lodo la parola del Signore,

12 in Dio confido, non avrò timore:

che cosa potrà farmi un uomo?

13 Su di me, o Dio, i voti che ti ho fatto:

ti renderò azioni di grazie,

14 perché mi hai liberato dalla morte.

Hai preservato i miei piedi dalla caduta,

perché io cammini alla tua presenza

nella luce dei viventi, o Dio.

Le righe seguenti che ne illustrano il tema ti saranno di aiuto per comprendere meglio il salmo:

Il povero del Signore è oppresso, calpestato, gli fanno del male, lo insidiano.

Ma quanto più è deluso dell’uomo, tanto più si apre alla scoperta di Dio e fiducioso si abbandona a Lui.

Non si tratta di un ripiegamento, ma di una scelta motivata, ma di una conquista alla luce della fede.

Ha ascoltato la parola del Signore, l’ha fatto sua, Egli è divenuto la sua certezza.

Egli si fida di Colui che è presente nella sua vita, nell’ora della paura, confida in Dio.

Egli si aiuta ripetendo: “Che cosa potrà farmi l’uomo?”.

Rileggi attentamente il salmo, comprendine bene il tema.

Meditane le parole, fino a farle tue.

 

Segui eventualmente le parole della pagina fissa. Possono esserti di aiuto.


Puoi fare ora riferimento alla seguente frase del Nuovo Testamento.

A voi amici dico: “Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla…” (Lc 12, 4).

Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? (Rm 8, 31).

Termina con la seguente colletta salmica.

Signore Gesù, Parola incarnata che ci rivelasti l’amore del Padre, perdona le nostre umane paure, e donaci la piena confidenza dei figli.

 

Clicca qui per tornate all'INDICE del TEMA: “Salmi”

 

Ultima modifica Venerdì 03 Gennaio 2014 11:43
Giorgio De Stefanis

Giorgio De Stefanis

Esperto di comunicazione e di Marketing.
Operatore di pastorale familiare

Responsabile Area Proposte di Esperienze Formative
Rubriche Cammini di esperienze di comunicazione, Storie di donne e di uomini

Altro in questa categoria: « Salmo 54 Salmo 56 »

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito