Martedì, 22 Agosto 2017
Sabato 21 Agosto 2004 08:08

Salmo 5

Valuta questo articolo
(0 voti)

 

Lamentazione individuale

Con note di fiducia

 

        2 Porgi l’orecchio, Signore, alle mie parole:

        intendi il mio lamento.

         3 Ascolta la voce del mio grido,

        o mio re e mio Dio,

        perché ti prego, Signore. 

 

        4 Al mattino ascolta la mia voce;

        fin dal mattino t’invoco e sto in attesa.

 

        5 Tu non sei un Dio che si compiace del male;

        presso di te il malvagio non trova dimora;

 

        6 gli stolti non sostengono il tuo sguardo.

        Tu detesti chi fa il male,

 

        7 fai perire i bugiardi.

        Il Signore detesta sanguinari e ingannatori.

 

        8 Ma io per la tua grande misericordia

        entrerò nella tua casa;

        mi prostrerò con timore

        nel tuo santo tempio. 

 

        9 Signore, guidami con giustizia

        di fronte ai miei nemici;

        spianami davanti il tuo cammino.

 

        10 Non c’è sincerità sulla loro bocca,

        è pieno di perfidia il loro cuore;

        la loro gola è un sepolcro aperto,

        la loro lingua è tutta adulazione.

 

        11 Condannali, o Dio, soccombano alle loro trame,

        per tanti loro delitti disperdili,

        perché a te si sono ribellati.

 

        12 Gioiscano quanti in te si rifugiano,

        esultino senza fine.

        Tu li proteggi e in te si allieteranno

        quanti amano il tuo nome.

 

        13 Signore, tu benedici il giusto:

        come scudo lo copre la tua benevolenza. 

 

Le righe seguenti ti saranno di aiuto per comprendere e pregare meglio il salmo.

All’inizio di una nuova giornata di sofferenze e di tensioni, il povero del Signore innalza la voce del suo grido,e , fiducioso, sta in attesa:

 

“Ascoltami, Signore......”

 

La sua fiducia nella forza della preghiera è legata alla certezza che Dio è dalla parte del bene e detesta il male.

 

Per questo, oltre che alla grande misericordia di Dio, egli si appella alla sua giustizia perché gli spiani davanti il cammino e lo guidi di fronte ai suoi avversari.

 

Se hai compreso la tematica del salmo rileggilo attentamente secondo le indicazioni contenute nella pagina fissa.

 

La frase del Nuovo Testamento a cui puoi riferirti per entrare meglio nella preghiera è tratta dalla lettera agli Efesini 5/1,2,6,8-11

 

 Fatevi dunque imitatori di Dio.... e camminate nella carità....  Nessuno vi inganni con vani ragionamenti: per queste cose infatti piomba l’ira di Dio sopra coloro che gli resistono.... Comportatevi perciò come i figli della luce; il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità. Cercate ciò che è gradito al Signore,  e non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre. 

 

Terminata la preghiera personale puoi concludere con la seguente colletta salmica.

 

Dio, che non ti compiaci del male ma lo detesti, non deludere la nostra attesa di giustizia: ascolta la voce della tua chiesa in preghiera, e spiana il cammino di quanti ti cercano con il cuore sincero.

 

Vai all'INDICE di questo Tema: I SALMI

 

Ultima modifica Lunedì 24 Marzo 2014 18:56

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito