Domenica, 22 Ottobre 2017
Giovedì 26 Novembre 2009 15:21

Salmo 91

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Inno di ringraziamento e di lode a Dio Creatore

Didattico sulla diversa sorte dei giusti e degli empi



2 È bello dar lode al Signore e cantare al tuo nome, o Altissimo,
3 annunziare al mattino il tuo amore, la tua fedeltà lungo la notte,


4 sull'arpa a dieci corde e sulla lira, con canti sulla cetra.
5 Poiché mi rallegri, Signore, con le tue meraviglie, esulto per l'opera delle tue mani.
6 Come sono grandi le tue opere, Signore, quanto profondi i tuoi pensieri!
7 L'uomo insensato non intende e lo stolto non capisce:
8  se i peccatori germogliano come l'erba e fioriscono tutti i malfattori, li attende una rovina eterna:
9 ma tu sei l'eccelso per sempre, o Signore.
10 Ecco, i tuoi nemici, o Signore, ecco, i tuoi nemici periranno, saranno dispersi tutti i malfattori.
11Tu mi doni la forza di un bufalo, mi cospargi di olio splendente.
12 I miei occhi disprezzeranno i miei nemici,e contro gli iniqui che mi assalgono i miei orecchi udranno cose infauste.
13 Il giusto fiorirà come palma, crescerà come cedro del Libano;
14 piantati nella casa del Signore, fioriranno negli atri del nostro Dio.
15 Nella vecchiaia daranno ancora frutti, saranno vegeti e rigogliosi,
16per annunziare quanto è retto il Signore: mia roccia, in lui non c'è ingiustizia.

Le seguenti righe ti aiuteranno a comprendere meglio il Salmo

Il Salmo si apre nell’esultanza inebriante di un mattino di festa: l’arpa e la lira e la cetra non hanno corde che bastino per esprimere la gioia del salmista che il Signore stesso rallegra con le sue meraviglie.
Questo è un canto di contemplazione adorante, tutto acceso di casta ammirazione per il Signore: per le sue meraviglie, per le opere delle sue mani, per le profondità dei suoi pensieri… I “pensieri di Dio”! Lo stolto non intende: si ferma al fotogramma del momento, vede che i malfattori “germogliano” e “fioriscono”, e non riflette alla rovina eterna che li attende. Il giusto, invece, nella vecchiaia “darà ancora frutti”, potrà ancora prendere in mano la cetra, e cantare al mondo “quanto è retto il Signore”.

Ora rileggi lentamente ed attentamente il Salmo, cogline una strofa, un versetto, una parola ed interiorizzalo.

Poi vedi questa breve frase del N.T.

“Ringrazio il mio Dio… pregando con gioia per voi… che la vostra carità si arricchisca sempre più… perché possiate essere integri e irreprensibili per il giorno di Cristo, ricolmi di quei frutti di giustizia.. per mezzo di Gesù Cristo a gloria e lode di Dio”. Fil 1,3.4.9.10.

Quando questo sarà divenuto per te come una preghiera del cuore concludi con la seguente colletta salmica.

PREGHIAMO

Fa, o Signore, che possiamo sempre esultare di gioia nella contemplazione delle tue meraviglie: conservaci tale giovinezza di spirito, che anche in vecchiaia possiamo offrirti frutti di amore e di lode.

  

Clicca qui per tornate all'INDICE del TEMA: “Salmi”



Ultima modifica Venerdì 03 Gennaio 2014 17:27
Altro in questa categoria: « Salmo 90 Salmo 93 »

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news