Domenica, 20 Agosto 2017
Sabato 15 Gennaio 2005 11:04

CONTEMPLAZIONE – I - alcuni brevi stimoli.

Valuta questo articolo
(3 voti)
  


    L’attività contemplativa è la ricerca più o meno metodica di una conoscenza delle “realtà superiori” e caratterizza in genere le varie realtà religiose.
    Per ciò che riguarda i cristiani praticanti di oggi o semplicemente tutti quei cristiani che in qualche modo sono in ricerca: tutti debbono fare riferimento alla Scrittura.
    Già i saggi dell’A.T. attraverso la contemplazione dell’universo e dell’azione divina nella Storia della Salvezza erano arrivati a possedere una vera conoscenza di Dio e del suo agire.

    Nel N.T. troviamo nelle lettere di S.Paolo delle esplicite allusioni alla contemplazione, pensiamo ai suoi lunghi momenti di preghiera ed al suo ritiro, di due anni, in Arabia.
    Egli parla di conoscenza e questa è la sua coscienza della sua vita in Cristo, c’è quindi nella contemplazione di S.Paolo un cammino vero di grande interiorità.         Cristo gli appare, prima come giudice, poi come colui alla cui vita partecipiamo, infine come colui che vive in noi.
    Tuttavia come cristiani, dobbiamo subito dire che, per noi, la contemplazione non è fine a se stessa, è una meditazione per ottenere l’unione con Dio e ciò che conta in maniera incondizionata è la carità.
    Citiamo in proposito un solo grande contemplativo, S. Giovanni della Croce, il quale scrisse: “Saremo giudicati sull’amore”.
    In ogni caso la contemplazione, pur subordinata alla carità, ha un ruolo importante nella vita cristiana.                    
    Contemplazione: un modo per fare esperienza di Dio così che Lui ci liberi da ciò che costituisce un ostacolo: le nostre sovrastrutture, i nostri sensi di autosufficienza o peggio di onnipotenza, le nostre agitazioni ed iperattivismi, una esperienza che libera affinchè impariamo, attraverso un cammino recettivo, ad affidarci a Lui in modo fiducioso e filiale.
    Teniamo, a questo punto, ben presente che i grandi maestri cristiani di vita spirituale, S.Gregorio Magno, S.Agostino, S.Benedetto, S.Bernardo hanno sempre cercato di conciliare tra di loro le due esigenze dell’autentica vita cristiana­: azione e contemplazione.            
Quindi per noi occidentali, così pieni di operosità e sovente di fretta e di agitazione, la necessità di fermarsi un poco per guardare a Colui che è l’Unico e l’Assoluto.

 

Visita altri "Metodi di Meditazione"

Ultima modifica Venerdì 05 Novembre 2010 11:25

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito