Venerdì, 15 Dicembre 2017
Lunedì 19 Aprile 2010 02:43

La Parola che libera

Valuta questo articolo
(0 voti)

Teologie subsahariane di lingua inglese - Una panoramica centrata sugli aspetti essenziali delle principali correnti di pensiero teologico degli ultimi cinquant'anni in Africa anglofona

di Benoît Awazi Mbambi Kungua

Teologie subsahariane di lingua inglese
A poco più di 50 anni dalla nascita della teologia africana - se si prende come data ufficiale l'uscita a Parigi nel 1956 di Des prêtres noirs s'interrogent, lavoro collettivo di un gruppo di preti neri, africani e haitiani, che stavano completando la loro formazione teologica a Roma e avevano voluto affrontare apertamente la questione della loro identità nella chiesa cattolica - Benoit Awazi Mbambi Kungua, filosofo e teologo congolese, presenta una breve e parziale panoramica delle principali correnti di pensiero teologico sorte nell'Africa nera di lingua inglese. 


Il bilancio retrospettivo si focalizza sulle modalità e le strategie africane di appropriazione della "Buona notizia" del Cristo crocifisso e risorto, il quale, in modo misterioso, ha costantemente accompagnato gli africani negli sconvolgimenti socio-politici del periodo post-coloniale.
Passando in rassegna i nomi dei più importanti teologi africani di lingua inglese, l'autore enuclea le potenzialità spirituali e politiche della fede cristiana nel processo di liberazione e di ricostruzione delle società africane alle prese con crisi croniche e multiformi, non ultima l'incapacità di darsi delle classi dirigenti all'altezza del compito. Si tratta di capire se, dopo un secolo di evangelizzazione e mezzo secolo di riflessione teologica, la fede cristiana può costituire la pietra angolare di questo processo di liberazione e ricostruzione.
L’intento del dossier non è tanto quello di soffermarsi su ogni singolo dettaglio della riflessione teologica anglofona. Ad esempio, non è preso in esame l'intero capitolo della teologia femminile, sulla quale ci proponiamo di tornare. Queste pagine vogliono, invece, invitare il lettore a entrare nell'immenso panorama delle teologie del continente, nella speranza che se ne entusiasmi. 

Leggi gli articoli:

Liturgie inculturate: autonomia e comunione

Teologie africane: il mondo degli spiriti

Confronto necessario: la carne nera del Verbo

Africa centrale e orientale: liberazione al centro

In Africa occidentale: Cristo, il "proto-antenato"

Sudafrica: il Dio degli oppressi

 

Dossier Nigrizia

Ultima modifica Lunedì 03 Maggio 2010 22:34
Stefano Blasi

Stefano Blasi

Esperto di Comunicazione
Responsabile Area Mondo Oggi - Rubrica Ecclesiale

Iscriviti alla Newsletter per ricevere i nostri "Percorsi Tematici" e restare aggiornato sui migliori contenuti del nostro sito

news