Mondo Oggi

Domenica, 14 Gennaio 2024 12:41

Pacifico: clima e crisi del debito (Card. Soane Patita Paini Mafi) In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

In tutto il Pacifico, le persone raccolgono le ossa dei loro antenati sulla spiaggia, come conchiglie. I luoghi di sepoltura vengono spazzati via dall'innalzamento del livello del mare e le comunità si sforzano di proteggere le loro coste erigendo muri di vecchi pneumatici.

Sono cresciuto nella bellissima isola di Tonga. Quando ero bambino, i miei genitori e i miei nonni venivano ogni mattina sulla riva per guardare l'orizzonte. Guardarono le nuvole e vi scoprivano i presagi di ciò che li attendeva durante il giorno.

Oggi le cose sono diverse. I bambini che giocano e nuotano lungo le spiagge vedono nelle nuvole lo schema del disastro e corrono verso di noi per allertarci. Ormai sta diventando un appuntamento fisso.

Dopo i tifoni vado a trovare la mia gente e rimango sempre stupito dalla resilienza e dallo spirito di aiuto reciproco che dimostrano. Ma quando vai più in profondità, rivelano le loro vere emozioni, che sono fatte di sofferenza, dolore e paura. Vedete, nel Pacifico, la nostra gente è forte. Siamo resilienti, ma abbiamo i nostri limiti. E, questi limiti, li abbiamo raggiunti.

Oggi, quando mi sveglio la mattina e guardo il mare, vedo due nuvole. Due nuvole scure e minacciose. La prima è il cambiamento climatico. Provoca l'innalzamento del livello del mare, aumenta la frequenza dei cicloni e provoca maree eccezionali, mai viste prima.Un'altra nuvola l’accompagna. È quella del debito. La crescente frequenza di eventi meteorologici catastrofici significa che le nazioni delle isole del Pacifico stanno lottando per ricostruire. Ci sembra di tornare indietro.Ci vogliono anni per ricostruire infrastrutture vitali come case, ponti, fattorie, attività di pesca. Il ripristino del bestiame e della produzione agricola richiede un tempo paragonabile. È tutto molto costoso e sono soldi che semplicemente non abbiamo.

L'anno scorso, durante i negoziati sul clima delle Nazioni Unite, le nazioni hanno concordato di istituire un Fondo di indennizzo per perdite e danni. Questo fondo è stato creato per fornire un risarcimento ai paesi in via di sviluppo colpiti dai cambiamenti climatici, come la mia terra natale, Tonga, tra le altre nazioni insulari del Pacifico.

Il nostro contributo al cambiamento climatico è piccolo. In effetti, contribuiamo a meno dello 0,5% di tutte le emissioni di gas serra. Ma quel che è certo è che ne stiamo pagando il prezzo, nel futuro che ci aspetta e in quello dei nostri figli. Abbiamo bisogno di un risarcimento per questa ingiustizia.

Il Loss and Damage Compensation Fund è un passo importante verso la giustizia climatica, ma non possiamo dimenticare che l'impegno, preso nel 2009, di destinare 100 miliardi di dollari l'anno agli aiuti per il clima, non è mai stato mantenuto. Questo impegno di 100 miliardi di dollari all'anno è ancora molto lontano dall'essere mantenuto.

Attualmente, la regione del Pacifico ha bisogno di circa 1 miliardo di dollari all'anno per finanziare l'adattamento delle sue infrastrutture ai cambiamenti climatici. Riceviamo molto meno di quello.

Sfortunatamente, anche quando il denaro viene inviato nel Pacifico meridionale per finanziare l'adattamento ai cambiamenti climatici, i fondi vengono utilizzati in modi discutibili. Grandi progetti infrastrutturali come moli portuali e aeroporti hanno consumato 300 milioni di dollari di fondi stanziati per affrontare il cambiamento climatico nel Pacifico, anche se contribuiscono più allo sviluppo economico generale che alla povertà, nell’aiuto alle comunità per il loro adattamento al cambiamento climatico.

Ho sentito di alcune comunità che hanno serie difficoltà ad accedere a questi fondi, a Tonga, nelle Isole dell'Ammiragliato in Papua Nuova Guinea, Fiji, Kiribati e Tuvalu, Samoa. Sorgono ostacoli, come lunghi ritardi nell'accreditamento o processi di richiesta di finanziamento onerosi e complessi.

Le donne e i gruppi con disabilità sono raramente informati delle opzioni a loro disposizione ed è difficile venirne a conoscenza. Per sostenere la regione del Pacifico e fornire un'adeguata compensazione, i fondi devono raggiungere le persone che ne hanno bisogno e in modo tempestivo. Questo, prima che le nostre case, il nostro ambiente di vita e culturale vengano permanentemente distrutti dal cambiamento climatico.

Il "risarcimento per perdite e danni" riguarda fondamentalmente l'ingiustizia climatica. È fatto per finanziare l'intangibile oltre che il tangibile, non solo per la perdita della mia casa ma anche per la perdita delle tombe dei miei antenati, per la perdita del modo di vivere in cui sono stato formato su questa meravigliosa isola, che viene lentamente spazzata via da alte maree e disastri.

Abbiamo bisogno del fondo di risarcimento per perdite e danni per ascoltare davvero le comunità umane delle isole del Pacifico. Deve essere accessibile a chi ne ha bisogno ed evitare che interi paesi siano gravati da un debito aggiuntivo che riescono a malapena a sopportare. Deve dare la priorità ai più vulnerabili, donne e ragazze, bambini, anziani e persone con disabilità.

La comunità umana globale ha l'obbligo etico e morale di sostenere le nazioni insulari del Pacifico nel loro adattamento ai cambiamenti climatici. Siamo in un momento critico nella nostra lotta per la resilienza climatica, specialmente nel Pacifico, dove affrontiamo minacce esistenziali. Semplicemente, è ora o mai più. La vera sfida per il mondo è guardare con gli occhi, ascoltare con le orecchie chi è in prima linea nel cambiamento climatico. Ascolta, vedi, poi agisci e agisci ora, prima che sia troppo tardi.

Card. Soane Patita Paini Mafi

 

Letto 42 volte Ultima modifica il Domenica, 14 Gennaio 2024 16:36
Fausto Ferrari

Religioso Marista
Area Formazione ed Area Ecumene; Rubriche Dialoghi, Conoscere l'Ebraismo, Schegge, Input

Search